Articolo
20 gen 2017

Mappa Use-it 2017: in palio 1000 euro!

di Alessandro Gori

Nuova edizione della mappa più interessante e vivace della città. A questo giro in palio un premio per il miglior progetto grafico. Il Comune ha lanciato un bando per l'edizione 2017 della mappa Use-It, dove si legge che “Il graphic designer/illustratore o gruppo di lavoro selezionato riceverà un compenso di 1000 euro per la realizzazione dell’elaborato grafico. L’illustrazione della tavola vincente sarà pubblicata come copertina della mappa, mentre le altre illustrazioni verranno utilizzate all'interno della pubblicazione. Al vincitore sarà richiesto di collaborare a fianco del gruppo di lavoro di USE-IT Prato per la realizzazione del layout completo della mappa. Il vincitore dovrà realizzare il lavoro grafico entro il 14/04/2017”. Per partecipare è necessario compilare il modulo di partecipazione e seguire le istruzioni del bando, ma in sintesi il bando è rivolto a persone singole o gruppi compresi tra i 18 e i 35 anni residenti, o con almeno un residente nel caso dei gruppi, nella provincia di Prato. Sbarcata a Prato nel 2016 attraverso la collaborazione col Pentolone, Use-It è una rete di mappe turistiche fatte da chi abita nei luoghi, senza scopi commerciali e rivolta in primis ai giovani. La realizzazione si fa forte anche della partecipazione dei cittadini. Chi volesse contribuire può compilare il sondaggio presente a questo link: survey

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 gen 2017

Riversibility: un nuovo incontro e due pedalate in città

di Alessandra Santoni

Continua il percorso partecipativo per Riversibility, con un incontro aperto a tutti i cittadini e due biciclettate lungo il Bisenzio. Dopo il primo incontro con gli stakeholders dello scorso 13 gennaio, domani, venerdì 20 gennaio, alle ore 10.30 si terrà verso l'Urban Center di Palazzo Pacchiani in via Mazzini 65 il secondo incontro del percorso partecipativo, stavolta aperto a tutta la cittadinanza. Per l'occasione saranno presentati gli obiettivi del progetto e illustrate le 16 aree dove saranno realizzate attività ambientali, culturali, sociali e ludico-sportive, raccogliendo le idee e proposte che verranno da parte dei partecipanti. Invece per il giorno dopo, sabato 21 gennaio, saranno previste due biciclettate lungo il Bisenzio durante le quali saranno discussi direttamente sul posto gli interventi previsti dal progetto. La prima pedalata partirà alle 11.00 dal locale Il Chiosco lungo la ciclabile all'altezza della stazione del Serraglio e proseguirà in direzione nord, la seconda partirà alle 14.00 dal parcheggio adiacente al Bastione delle Forche, direzione sud; entrambe dureranno circa 2 ore e si concluderanno nel punto di partenza. Essendo organizzate in collaborazione con la Fiab Prato, entrambe le biciclettate godranno di copertura assicurativa. Inoltre, per chi vuole partecipare alle due pedalate ma non è in possesso di una bicicletta propria, sarà possibile noleggiarla gratuitamente presso Ecoposta (via Magnolfi 26) o Cicli Coppini (via A. Franchi 12). Quindi non vi resta che partecipare, e per farlo basta registrarsi gratuitamente cliccando qui. Altrimenti, per rimanere informati sulle attività del progetto Riversibility, registratevi cliccando qui. Foto: Eventbrite.it

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 gen 2017

No Tav: Wu Ming 1 presenta il nuovo libro alla Lazzerini

di Cristina Betti

"Un viaggio che non promettiamo breve" è il nuovo libro di Wu Ming 1 a tema No Tav: il 19 gennaio alle ore 18:30 la presentazione presso la Biblioteca Lazzerini di Prato.   "La voce del narratore - dice la pagina facebook del Circolo Pascoski, curatore dell'evento -  ci fa passare dal romanzo di non-fiction alla chanson des gestes,  dall'inchiesta serrata alla saga popolare di ispirazione latinoamericana, con omaggi a Gabriel Garcia Marquez e al ciclo andino di Manuel Scorza."* Il libro è frutto di un lavoro durato 3 anni nel quale Wu Ming 1, appartenente al collettivo di scrittori bolognesi, si è immerso nella realtà del grande movimento No Tav, partecipando a momenti chiave della lotta, intervistando attivisti e confrontando fonti orali e fonti di archivio. Alla presentazione sarà presente l'autore assieme a Simona Baldanzi, scrittrice che ha curato parte del libro e che ha raccontato la costruzione (e la distruzione) della Tav del Mugello.   * fonte: gonews.it  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 gen 2017

Lavori di collegamento fra il Pecci e viale Da Vinci

di Alessandro Gori

Nuova strada di accesso e parcheggi extra per il museo d'arte contemporanea. Sono iniziati la settimana scorsa i lavori per realizzare uno svicolo di accesso dalla declassata (direzione est-ovest) alla zona retrostante il museo Pecci a l'Art Hotel che, oltre a fornire un accesso diretto al museo da viale L. Da Vinci vedrà la realizzazione di un'ottantina di parcheggi in più al servizio delle attività della zona. Si tratta del primo di due lotti di lavori: i lavori per lo svincolo (circa 40mila euro) dovrebbero terminare nell'arco di un mese. Successivamente sarà realizzato il 2° lotto dell'opera che prevede l'ampliamento dell'area. L'opera sembra essere stata pensata soprattutto per chi arriva in auto da fuori città.        

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 gen 2017

Rischio inquinamento della falda: Arpat indaga

di Alessandro Gori

L'acqua della falda pratese è inquinata. Nei giorni scorsi, Arpat ha inviato una lettera ai cittadini titolari di un pozzo chiedendo la loro collaborazione per poter effettuare dei campionamenti. Soprattutto nelle zone di Capezzana e San Giusto l'acqua di falda risulta inquinata. Arpat (Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana) vuole effettuare ulteriori indagini sotterranee aumentando i punti di controllo per "disegnare una mappa più precisa dell'andamento dell'inquinamento che aiuti anche ad individuarne le fonti", come si evince dal comunicato dell'azienda. Il lavoro di mappatura delle acque sotterranee è iniziato nel 2015 e ha evidenziato uno "stato chimico fortemente compromesso", con contaminazione da organo-alogenati, specificatamente cloro, fluoro e bromo. Gli ulteriori approfondimenti serviranno a capire l'origine degli inquinanti, perché certe zone presentano concentrazioni nettamente maggiori e come intervenire. Oltre alla collaborazione dei cittadini, Arpat ha richiesto anche il supporto di Publiacqua, a cui è stata chiesta la trasmissione dei dati analizzati attraverso i propri pozzi. Il prelievo e le analisi saranno completamente a carico di Arpat. I risultati, le eventuali elaborazioni e report, saranno trasmessi anche ai proprietari dei pozzi interessati. Tutte queste informazioni saranno poi utilizzate per pianificare e predisporre le azioni per contrastare l'inquinamento della falda.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 gen 2017

Riversibility: inizia il percorso partecipativo

di Alessandro Gori

Prendono il via gli incontri  per discutere sul progetto del parco fluviale. All'Urban Center di Palazzo Pacchiani si è tenuto venerdì 13 gennaio l'incontro di presentazione del percorso partecipativo, a cui sono stati invitati "stakeholders e cittadini portatori di interessi diffusi e collettivi", ovvero più di 700 fra cooperative, associazioni, imprese ed enti. Il progetto Riversibility riguarda lo sviluppo del Parco fluviale del Bisenzio, nel tratto compreso tra Gonfienti e Santa Lucia, con l'obiettivo di realizzare un vero e proprio parco fluviale in zone molto frequentate dai cittadini, riqualificando queste aree con nuove strutture di servizio accessibili, reversibili e removibili, in modo da creare luoghi di aggregazione, spazi attrattivi e accrescere quindi la percezione di sicurezza e stimolare le attività. Da questa settimana sono previsti nuovi incontri che coinvolgeranno tutta la cittadinanza.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 gen 2017

Pratosfera e il progetto “stanzoni”: un patrimonio in cerca di futuro”

di Cristina Betti

Pratosfera vuole raccontare la storia degli "stanzoni", un patrimonio di edifici storici, ex-fabbriche di Prato, che resta purtroppo inutilizzato. Questo progetto non vuole essere un richiamo nostalgico ai tempi d'oro dell'economia pratese, tutt'altro. Pratosfera vuole raccontare la storia di quegli spazi che giacciono ormai abbandonati e in disuso, nella speranza di poterli rilanciare, di recuperarli, parlando di loro. Nella mostra del 1985 di Alberto Bresci "La città abbandonata", si fece un punto del patrimonio architettonico pratese attraverso un riepilogo delle grandi fabbriche,  che avevano rappresentato il momento di espansione economica e che purtroppo giacevano in disuso, proponendone un recupero. Erano gli anni Ottanta e si parlava a livello locale e nazionale del recupero di queste grandi aree abbandonate a se stesse. Trent'anni dopo la situazione è quasi la stessa: spazi piccoli e grandi giacciono in disuso in attesa di trovare un nuovo scopo, una nuova destinazione. Pratosfera racconterà la storia di questi luoghi, perché solo parlandone e conoscendoli le persone potranno cominciare ad interessarsi di nuovo a loro e, perché no, pensare di dargli un nuovo futuro. Nei prossimi giorni cominceremo a sentire i loro racconti. Il progetto "Stanzoni" è a cura di Pratosfera e Mirko Lisella.

Leggi tutto    Commenti 0