Articolo
20 giu 2018

600 mila euro per il miglioramento di giardini e aree verdi

di Mobilita Prato

Un piano da 600 mila euro per la riqualificazione e manutenzione di giardini e aree verdi, è quanto annunciato questa mattina dall'assessore all'Ambiente Filippo Alessi. Un quadro ampio di interventi in molte aree della città che andranno avanti per tutta l'estate. Ad essere interessati da questa sessione di lavori straordinari saranno l'area giochi di via Anita Garibaldi a Viaccia - dove i lavori sono attualmente in corso - il giardino di via Beethoven a Grignano, il parco giochi di via Murri a Galcetello, il giardino di via Papi-via Dami e via Traversa per le Calvane a San Giorgio a Colonica, le aree verdi in zona Guado, la Piazza dei Bambini in via Ferraris, il giardino in via Spadini in zona Montegrappa, il parco giochi in via Bresci a La Querce e Il Parco Liberazione e Pace (ex-Ippodromo) in via Roma. "Non si tratta della creazione di nuove aree verdi" ci tiene a specificare l'assessore Alessi. "Abbiamo resistito alla pressione degli utenti che chiedevano fortemente la costruzione di nuove aree in un'ottica di razionalizzazione, concentrazione e diversificazione". Gli interventi riguarderanno non solo il miglioramento delle aree gioco per bambini, ma anche le potature di alberi e l'adeguamento della viabilità. Nell'area giochi di via Anita Garibaldi a Viaccia, è prevista l'installazione di una nuova giostrina per il girotondo, una struttura per l'arrampicata e di un dondolo a bilico. È in programma anche un'aggiunta di alberi e panchine, una integrazione della siepe e la realizzazione di una recinzione bassa con cancello, al fine di scongiurare la possibilità di fuga in strada dei bambini. In via Beethoven a Grignano uno degli obiettivi è creare un'area giochi strutturata e soddisfacente che sia punto di aggregazione per bambini e genitori. Verranno quindi installati nuovi giochi, oltre a nuove panchine e un tavolo con sedute. In zona Guado invece non è prevista l'installazione di giochi e attrezzature ludiche, essendo già sono presenti due aree per l'infanzia ben attrezzate in via Hermada e in via Caduti senza Croce. Nell'area a nord di via Kuliscioff gli interventi di miglioramento previsti consisteranno quindi nella eliminazione della piazzola con fondo in ghiaia sciolta e il completamento dei vialetti asfaltati. Il giardino situato a sud di via Kuliscioff verrà invece destinato ad attività sportive: oltre al campo da basket attualmente presente verrà realizzato un campo da calcetto, un'area per il fitness all'aperto e un circuito per il footing lungo i vialetti già esistenti. È prevista inoltre l'integrazione delle panchine e delle alberature in modo da creare ampie zone d'ombra dove verranno installati anche due tavoli con panche. È previsto un adeguamento funzionale dei giardini di via Ferraris, un'area a verde attrezzata per l'infanzia dove negli anni scorsi sono già stati eseguiti lavori di manutenzione ordinaria a straordinaria, e dove verrà quindi principalmente eseguito un adeguamento della viabilità. È prevista la ricarica nei punti più bassi e il rifacimento completo del tappeto di usura di alcuni vialetti, oltre all'abbassamento di circa 5 centimetri del terreno circostante. Inoltre, due accessi in terra battuta regolarmente utilizzati dai fruitori del giardino verranno ufficialmente trasformati in vialetti. Nell'area che guarda la montagnola e che divide il "piazzale dei bambini" dal parco dell’ex Banci verranno piantati alcuni alberi a foglia caduca per fornire il necessario ombreggiamento. A San Giorgio a Colonica saranno sistemati i due giardini via Papi-Via Dami e via Traversa per le Calvane. L'area per l'infanzia in via Papi-via Dami verrà migliorata e dotata di un gioco a bilico e una giostrina. Verrà integrata la siepe in modo da scongiurare il pericolo di fughe nella strada dei bambini e verranno installate tre ulteriori panchine. È prevista la realizzazione di un campo da calcetto non recintato e la piantagione di una dozzina di alberi di alto fusto scelti in modo da creare un piacevole effetto cromatico e paesaggistica. Nei giardini di via Traversa delle Calvane sono previsti principalmente alcuni interventi volti soprattutto a garantire la sicurezza dei fruitori. Il campo da bocce - che non è mai stato utilizzato - verrà trasformato in aiuola nella quale saranno piantati quattro alberi di alto fusto che in futuro produrranno un piacevole ombreggiamento. Nel Parco della Liberazione e Pace (ex-Ippodromo) inizieranno a breve i lavori di ampliamento del chiosco. Sarà quindi necessaria l'eliminazione dell'altalena attualmente presente nelle vicinanze, ma due altalene a due posti con sedili a gabbia per bambini piccoli saranno installate dietro ai bagni autopulenti. Il parco sarà inoltre interessato da una particolare novità: la creazione di un'area fitness. Nel giardino di via Spadini, il progetto prevede l'asfaltatura del vialetto che collega via Spadini a via Fra Bartolomeo e della piazzola in stabilizzato che lo attraversa, oltre alla sostituzione delle panchine e l'installazione di un tavolo con panche. Verranno reintegrati gli alberi con quattro nuovi alberi a foglia caduca. Nel giardino di via Guerra è previsto un adeguamento della viabilità. Verrà risistemata la pavimentazione. Nel giardino di via Ofelia Giugni i vialetti sollevati dalle radici dei pini saranno ripavimentati con manto bituminoso. Saranno inoltre risistemate le panchine, con la sostituzione delle stecche in legno. Nel giardino di via Righi occorrerà sostituire e riposizionare le panchine ed eliminare due grandi ceppaie di pioppo. Nell'area di via Bresci a La Querce è previsto l'ampliamento dell'attuale parco giochi oltre alla realizzazione di un'area di sgambatura per cani, mentre il parco giochi di via Murri a Galcetello sarà interessato da una ristrutturazione generale. Oltre a questi interventi più sostanziosi, saranno eseguiti una serie di piccoli interventi straordinari necessari per garantire la piena fruibilità delle aree a verde o il decoro della città, in particolare: Nel giardino di via del Malfante saranno rimosse alcune attrezzature ludiche non a norma e in cattive condizioni e al loro posto verrà realizzato un campo di calcetto in modo da soddisfare le esigenze di bambini e ragazzi di una fascia di età maggiore. In via Toscanini verrà installato un punto acqua là dove lo scorso anno fu realizzata un'area sgambatura cani. Verrà inoltre realizzata la fornitura di acqua nella rotonda fra via Toscanini e via di San Paolo, già realizzata alcuni anni fa e mai allestita con arredo verde per assenza di acqua. Verrà realizzato l'arredo verde della rotonda viale Galilei-via Marradi e della rotonda viale Leonardo da Vinci-viale della Repubblica. Fuori dal piano continueranno ad essere eseguiti i lavori di ordinaria manutenzione nelle altre aree verdi della città. "Per una manutenzione regolare del verde servirebbero ingenti risorse ogni anno. Con questo tipo di investimenti mirati riusciamo comunque ad aumentare il livello qualitativo e la sicurezza, e la diversificazione delle varie aree ci permette inoltre di ottimizzare le risorse" ha commentato l'assessore Filippo Alessi. La razionalizzazione ha riguardato anche il sistema delle potature, tant'è che in questi anni è stato possibile mantenere la media del turno degli interventi di potatura degli alberi situati lungo le strade intorno ai quattro anni. Una potatura ciclica contribuisce ad incrementare la sicurezza dei fruitori della strada oltre che la salute stessa dell'albero stesso. Per quanto riguarda le potature straordinarie, l'intervento più urgente risulta essere al momento la potatura dei pini di viale Galilei, mentre a fine estate sarà possibile potare i lecci alle Cascine di tavola.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 giu 2018

Via della lana e della seta, giovedì mattina il taglio del nastro

di Mobilita Prato

Giovedì 21 giugno, mattina del solstizio d’estate, alle  ore 8.45 l'assessore al turismo del Comune di Prato,  Daniela Toccafondi, e il sindaco di Bologna,   Virginio Merola, taglieranno il nastro della Via della Lana e della Seta dando il via al trekking inaugurale di due gruppi di camminatori che partiranno in contemporanea da Piazza del Duomo a Prato e da Piazza Maggiore a Bologna. Ciascun gruppo percorrerà dal 21 al 23 giugno un versante del nuovo trekking della Via della Lana e della Seta, ritrovandosi sabato 23 a Castiglione dei Pepoli, tappa centrale, dove li accoglierà una grande festa aperta a tutti. Tre giorni di cammino sul nuovo itinerario che attraversa l’Appennino collegando le città di Bologna e Prato. Ogni giorno guide speciali racconteranno il territorio, a partire dalle due opere idrauliche ‘gemelle’ della Chiusa di Casalecchio, raccontata da Fabio Marchi, e del Cavalciotto di Prato, raccontato da Roberto Dei. Si può scegliere di camminare tutti e tre i giorni o solo uno, o di partecipare semplicemente alla festa di sabato 23 a Castiglione che si aprirà alle 18 col vernissage di mostre con opere site-specific sul tema tessile e territoriale. Dalle 19 in piazza apriranno le Cucine della Via con degustazioni street-food dei due versanti capeggiate dalla regina del tortellino Lucia Antonelli e da Tommaso Gei dell’Associazione Cuochi di Prato. Dalle 22 concerto della Classica Orchestra Afrobeat e a seguire Dan-I Djset. Tutte le informazioni e il programma possono essere consultati alla pagina web dedidata del Comune di Prato: Questo, invece, il sito dedicato al percorso

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 giu 2018

Tutti gli appuntamenti del fine settimana in città

di Mobilita Prato

Anche il prossimo fine settimana, come di consueto, sono previsti diversi appuntamenti in città. Prosegue tutte le sere fino al 17 giugno, in piazza Duomo, la seconda edizione di  Prato Pizza Festival: un'occasione per gustare il vero sapore della pizza napoletana, sapientemente preparata dai maestri partenopei e pratesi. Animeranno la domenica i  laboratori gratuiti per bambini e l’elezione del miglior pizzaiolo del Festival 2018, a partire dalle 18. Sabato 16 e domenica 17 giugno, dalle 9 alle 20 circa, torna in piazza San Francesco la  Festa della ciliegia di Vignola IGP, promossa dal Consorzio di tutela omonimo per far apprezzare il caratteristico gusto di questa varietà; per l’occasione le ciliegie incontreranno la farina nostrana "Gran Prato" nelle preparazioni del maestro panificatore Masini, che potrà deliziarvi con dolci, torte e plumcake. Sabato pomeriggio, a fianco del banco del Consorzio della ciliegia e dei prodotti di arte bianca, si svolgerà l’iniziativa Trenta volte volontariato, curata dal Cesvot e patrocinata dal Comune di Prato, con animazioni, dimostrazioni di pronto soccorso e autodifesa. La manifestazione si concluderà alle 22 circa. Sabato 16 giugno torna in piazza del Mercato nuovo Terra di Prato, l’appuntamento con i prodotti freschi, di stagione e a filiera corta: ci saranno pane, carne, salumi, formaggi, miele, frutta e verdura, ma anche prodotti e saponi a base di latte di capra e ingredienti naturali. L'ospite da fuori regione di questo sabato sarà la fattoria Fiori della provincia di Reggio Emilia, con il suo Parmigiano reggiano di varie stagionature. Domenica 17 giugno, sempre in piazza San Francesco e insieme alla Festa della ciliegia, torna  Campagna amica, il mercato della filiera corta di Coldiretti. Fino alle 14 sarà possibile acquistare piante, legumi ed ortaggi direttamente dal produttore. Domenica, dalle 9 alle 19 nei giardini di piazza Mercatale, si rinnova l'appuntamento con Mercatale viva; presenti una quarantina di banchi, di cui alcuni dedicati al baratto, che esporranno articoli usati e vintage, oggettistica, abbigliamento, bigiotteria fatta a mano, oggettistica da collezionismo ed accessori. Sempre domenica 17 giugno, il consorzio Il Mercato Anva organizza per tutto il giorno una  manifestazione ricreativa con la partecipazione di circa 50 operatori ambulanti, alimentari e non, in viale Galileo Galilei, nel tratto compreso tra l'intersezione con via E. Gherardi e l'intersezione con via della Gualchiera.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 giu 2018

Novità in arrivo nel centro storico per la raccolta “porta a porta”

di Roberto Lentini

Entra in vigore lunedì prossimo, 18 giugno, la riorganizzazione del servizio di raccolta “porta a porta” che prevede nel Centro storico della città nuovi orari di esposizione per tutte le frazioni ritirate a domicilio e  anche una nuova modalità di esposizione dei rifiuti organici. Le utenze interessate dal progetto sono quelle situate  all’interno della cosiddetta “zona rossa”, ovvero quella parte del centro storico caratterizzata da un’alta concentrazione di attività di ristorazione oltre che di abitazioni. La riorganizzazione prevede finestre di esposizione diversificate in base al tipo di utenza: per le utenze domestiche l’esposizione dovrà avvenire la mattina del giorno di raccolta tra le ore 07.00 e le ore 08.00; le utenze non domestiche dovranno invece esporre i materiali tra le ore 09.00 e le ore 09.30 . I giorni di raccolta restano gli stessi previsti dal calendario, così come  resta invariata la raccolta del vetro, tramite campane stradali. L’altra novità riguarda la raccolta della frazione organica: dal prossimo lunedì i rifiuti organici dovranno essere esposti utilizzando gli appositi sacchi forniti da Alia e non più esponendo il contenitore. In questa settimana Alia sta provvedendo a consegnare, alle utenze coinvolte nel piano, la fornitura dei nuovi sacchi per la raccolta dei rifiuti organici insieme agli strumenti informativi. Chi non li avesse ricevuti, può ritirare la propria dotazione presso l’Alia Point del centro storico in via dei Tintori n.50, aperto il martedì  ed il venerdì  dalle ore 14.00 alle ore 19.00. Contemporaneamente alla riorganizzazione della raccolta rifiuti nel centro storico, sempre nell’intento di migliorare la qualità del decoro cittadino, Alia  ha introdotto l’uso di un apposito aspiratore per piccoli rifiuti. Il nuovo apparecchio, che integra  gli altri servizi di spazzamento  programmato,  è  completamente elettrico e permette di lavorare nelle zone del centro anche durante lo shopping, aperitivi e passeggio poiché, oltre ad essere poco rumoroso, ha anche il vantaggio di non sollevare polveri. L’aspiratore consentirà di rimuovere i  rifiuti minuti: dal mozzicone di sigaretta fino ad una bottiglietta della grandezza massima di 50 cl. Ecco le vie, piazze e vicoli interessate dalla riorganizzazione del servizio: Largo G. Carducci; Piazza Buonamici; Piazza degli Innocenti; Piazza del Comune; Piazza Duomo; Piazza San Domenico; Piazza San Francesco; Piazza S.M. delle Carceri; Piazza S.M. in Castello; Piazza Sant’Antonino; Porta Santa Trinita; Via B. Cairoli; Via C. Guasti; Via de’ Sei; Via dei Cimatori; Via dei Lanaioli; Via dei Migliorati; Via della Fortezza; Via dell’Accademia; Via G. Magnolfi; Via G. Garibaldi; Via C.Guasti; Via G. Mazzoni; Via G. Verdi; Via J. Modesti; Via Pugliesi; Via Ricasoli; Via San Bonaventura; Via San Giovanni; Via Santa Trinita; Via Settesoldi; Viale Piave; Vicolo de’ Bardi; Vicolo de’ Neroni; Vicolo degli Inghirami; Vicolo dei Bizzochi; Vicolo dei Bocchineri; Vicolo dei Bonconti; Vicolo dell’Opera; Vicolo Fior di Vetta. "Abbiamo lavorato insieme ad Alia per trovare un compromesso che accordasse le necessità di tutti gli utenti, migliorando il decoro e  la vivibilità del centro storico sia per i cittadini che per i turisti - ha dichiarato Filippo Alessi, assessore all'Ambiente del Comune di Prato. -  Proseguiamo sulla strada della raccolta porta a porta perchè ad oggi è l'unica tecnica che consente un'efficace e sostenibile separazione dei rifiuti, non paragonabile a quella ottenuta ad esempio con i cassonetti interrati; puntiamo ad incrementare ancora di più la quota di rifiuti differenziati raccolti nel centro storico, che dati alla mano risulta da sempre inferiore rispetto ad altre zone della città". “Su richiesta dell’Amministrazione Comunale – ha dichiarato il vicepresidente di Alia Sandro Lascialfari -  Alia ha pianificato la trasformazione del sistema di raccolta rifiuti  tenendo conto delle esigenze delle diverse utenze presenti nel centro storico. L’obiettivo è garantire un maggior decoro ed una migliore fruibilità del cuore della città, riducendo quanto più possibile i disagi causati dallo svolgimento delle nostre attività. A Prato la raccolta differenziata supera stabilmente il 70% e contemporaneamente continua a crescere la qualità dei materiali avviati a riciclo o compostaggio: per la buona riuscita  di questo progetto è fondamentale la corretta partecipazione delle utenze coinvolte”. “ Chiediamo alle utenze la massima collaborazione nel rispettare le nuove modalità di esposizione – ha dichiarato Luca Silvestri, Direttore Servizi Alia area pratese – I nuovi orari sono studiati per limitare alla fascia mattutina l’esposizione dei rifiuti; in più  l’utilizzo per la frazione organica dei  soli sacchi senza il bidoncino, evita lo stazionamento dei contenitori - svuotati – tutto il giorno fino al rientro degli utenti. Importante anche l’adozione del nuovo aspiratore elettrico, che permette di effettuare una pulizia di dettaglio delle aree pedonali e stradali, potendo essere utilizzato anche quando la presenza di avventori è massiccia, senza causare disagi”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 giu 2018

Urban Water Agenda 2030, Prato tra le città firmatarie

di Mobilita Prato

La dichiarazione mira a sostenere le città europee per accelerare l'attuazione delle politiche e delle pratiche locali per una gestione idrica sostenibile. Come città firmataria Prato si impegna a sostenere il processo di cooperazione tra le città europee e la Commissione europea per lo sviluppo di un'Agenda urbana per l'acqua 2030 sottolineando l'importanza di affrontare le sfide idriche nelle città attraverso un approccio integrato di gestione, la necessità di promuovere lo scambio di conoscenze tra le città europee, per diffondere e valorizzare le buone pratiche nella gestione delle risorse idriche urbane e l’importanza di aumentare gli sforzi per comunicare le complesse sfide idriche in modi adeguati per  aumentare la consapevolezza e la comprensione di tutte le parti e i cittadini interessati.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 giu 2018

A piedi da Prato a Bologna passando per la “Via della Lana e della Seta”

di Mobilita Prato

Prenderà il via ufficialmente giovedì 21 giugno a partire della 8.30 la Via della Lana e della Seta, il percorso escursionistico che collega Prato con Bologna e che ha visto Comune di Prato, Comune di Bologna e Club Alpino Italiano (CAI) impegnati a promuovere e valorizzare il patrimonio storico, ambientale e paesaggistico dell'Appennino. Il sentiero, già battuto durante l'Età del Bronzo, collega infatti i due versanti dell'Appennino e ad oggi rappresenta un occasione per riscoprire e valorizzare territori ricchi di storie e suggestioni. Ideatore e promotore del percorso, 136 km in 6 tappe, è Vito Paticchia del Club Alpino Italiano (CAI) di Bologna, che per l'occasione ha scritto anche il libro Via della Lana e della Seta, che sarà presentato nel pomeriggio presso il palazzo della Provincia in via Ricasoli alla presenza dell'assessore allo Sviluppo e Politiche economiche del Comune di Prato Daniela Toccafondi. Giovedì 21 giugno dalle ore 8.30, dopo i saluti Istituzionali dei rappresentati delle Istituzioni locali partiranno in contemporanea da Piazza Duomo a Prato e da Piazza Maggiore a Bologna e i gruppi di escursionisti che sabato 23 giugno alle 17.30 si incontreranno a Castiglione dei Pepoli per la festa del nuovo Cammino che unirà le due città e i due versanti dell'Appennino, attraversando parchi e aree protette lungo crinali e antiche mulattiere. Il programma Partenza da Prato - Giovedì 22 giugno: Prato-Cavalciotto-Valibona-Le Fornaci (Vaiano) 22 chilometri; +1200 metri -1000 metri; durata 8 ore Partenza Piazza Duomo alle 8.30 e arrivo a Le Fornaci (Vaiano) alle 17.30 - Venerdì 22 giugno: Le Fornaci (Vaiano)-Montecuccoli-Vernio. 21 chilometri; +1100 metri -1000 metri; durata 8 ore. Partenza dal Municipio di Vaiano alle 8.30 e arrivo a San Quirico di Vernio alle 17.30 - Sabato 23 giugno: Vernio-Montepiano-Castiglione dei Pepoli. 20 chilometri; +1250 metri -800 metri; durata 7 ore. Partenza dal Municipio di San Quirico di Vernio alle 8.30 e arrivo a Castiglione dei Pepoli alle 17 Partenza da Bologna - Giovedì 21 giugno: Bologna-Chiusa di Casalecchio-Sasso Marconi. 20 chilometri; +230 metri, -200 metri; durata 6 ore. Partenza Bologna (Piazza Maggiore) alle 8.30 e arrivo a Sasso Marconi alle 17 - Venerdì 22 giugno: Sasso Marconi-Monte Sole-Grizzana Morandi. 25 chilometri; +1400 metri; -950 metri; durata 9 ore Partenza Sasso Marconi (Municipio) h. 8,30-Monte Sole-Arrivo a Grizzana M. h. 18,00 - Sabato 23 giugno: Grizzana Morandi-Burzanella-Castiglione dei Pepoli 22 chilometri; +1100 metri; -1050 metri; durata 7 ore Partenza dal Municipio di Grizzana Morandialle 8.30 e arrivo a Castiglione dei Pepoli alle 17 Organizzazione È possibile partecipare con una escursione giornaliera utilizzando i mezzi pubblici e munendosi in autonomia dei titoli di viaggio, oppure utilizzando i servizi e il pacchetto per una delle due frazioni del cammino messi a disposizione da Appennino Slow. È possibile partecipare anche solo alla festa finale di sabato 23 giugno con pernottamento a Castiglione dei Pepoli. Il costo giornaliero del Trek è di 2 euro per i soci e 5 euro per i non soci. Biglietti di treno, bus e navette, e pranzo al sacco e bevande sono a carico di ciascun partecipante. Per Informazioni sul trek giornaliero: da Prato: Enrico Lorenzoni, 340 3728276 da Bologna: Vito Paticchia, 349 4762067 Per uno o più pernottamenti e servizi di navetta telefonare ad Appennino slow: 339 8283383/334 8334945 Accompagnatori CAI: da Prato si alterneranno diversi accompagnatori; da Bologna, Vito Paticchia. Info treni e bus per i giornalieri per le tratte Bologna-Castiglione dei Pepoli: il 21 giugno treno da Sasso Marconi a Bologna (dalle 18.05 alle 21.05, ogni ora); CAI sta predisponendo un servizio di navetta per la stazione di Grizzana il 22 giugno (ritorno a Bologna) e per la stazione di Castiglione il 23 giugno (e ritorno a Bologna o Prato). Info treni e bus per i giornalieri per le tratte Prato-Castiglione dei Pepoli: Il 21 giugno treno da Vaiano a Prato (ultimo treno alle 23.11); il 22 giugno treno da Vernio a Prato (ultimo treno alle 23.02); il 23 giugno navetta per la stazione di Castiglione e treni per Prato e Bologna. Costo 10 euro. In collaborazione con il Circolo Arci "I Risorti" La Querce (Prato).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 giu 2018

AEROPORTO FIRENZE | Nuova pista o l’aeroporto di Firenze chiude

di Mobilita Prato

Il  presidente della regione Toscana Enrico Rossi ha ribadito la necessità di un adeguamento della pista per l'aeroporto di Firenze, altrimenti sarà destinato, nel medio termine, a chiudere, provocando disagi notevoli a Firenze e a tutta la Toscana Quanto al puntare al solo potenziamento dello scalo di Pisa, Rossi ha osservato che "può arrivare a sette milioni di passeggeri l'anno e non di più, per la presenza dell'aeroporto militare che pone questo limite. Pisa non è vicina a Firenze e del resto Peretola può raggiungere un suo limitato sviluppo, volando in sicurezza e agiatezza". E ha poi aggiunto: "l'aeroporto di Firenze non l'ho inventato io. Adesso si deve decidere se procedere verso la chiusura o se si deve adeguare, ma non si possono tenere un aeroporto e una pista in quelle condizioni".

Leggi tutto    Commenti 0