Articolo
09 feb 2019

Firmato l’accordo per collegare direttamente Tobbiana e la Tangenziale

di Mobilita Prato

Dopo anni di trattative, iniziate nel 2004,  è stato raggiunto l'accordo con la Paci Gioielli in via Traversa pistoiese a Tobbiana, tassello fondamentale per la realizzazione del collegamento fra via Mati e via dell'Orsa Minore, a completamento dei lotti realizzati nel 2015, in modo da collegare direttamente Tobbiana e la Tangenziale. Il Comune di Prato diventerà proprietario dell'immobile che ospita la gioielleria Paci - circa 1000 mq tra negozio e piazzale -  non attraverso esproprio ma con una permuta. L'Amministrazione comunale cederà ai proprietari della struttura e dell'attività, la P&P sas di Ilaria Pieri e la Paci gioielli srl, il terreno che si trova a pochi metri di distanza dall'attuale negozio. L'intesa è stata festeggiata stamani presso la sede dell'esercizio dalla famiglia Paci al gran completo, dal sindaco Matteo Biffoni e dall'assessore ai Lavori pubblici e Patrimonio Valerio Barberis. “È stato un percorso lungo – ha dichiarato il sindaco Matteo Biffoni – era dal 2004 che questa situazione andava risolta. Grazie a questo accordo siamo riusciti a progettare un sistema urbanistico che porterà interessi favorevoli e possibilità di sviluppo alla gioielleria Paci, all'amministrazione comunale e soprattutto alla viabilità cittadina. Il termine dei lavori è previsto nell'arco di tre anni”. “Dopo 15 anni abbiamo ottenuto un accordo – ha affermato il proprietario dell'immobile Pierfilippo Paci - che ci permette di restare in questa zona, poiché ormai è la nostra realtà da 50 anni, e per questo ringraziamo il sindaco Matteo Biffoni e l'assessore Valerio Barberis. I tempi sono stretti ma si ipotizza la fine dei lavori per la primavera del 2021”. “Abbiamo realizzato la prospettiva migliore, arrivando a degli accordi procedimentali, - ha dichiarato l'assessore all'urbanistica e ai lavori pubblici Valerio Barberis - sopratutto in situazioni complesse come questa, che sostituiscono all'esproprio altre tipi di procedure. Il risultato è importante per entrambe le parti, il Comune e la gioielleria Paci, e nell'insieme è un successo positivo per la città”. In sostituzione dell'indennità di esproprio del fabbricato, che è di 592.000 €, il Comune cede l'area edificabile nelle immediate vicinanze. Dato che essa ha un valore di 714.000 € , le casse comunali riceveranno a conguaglio anche 122.000 €. Secondo i termini dell'accordo, la gioielleria può restare nell'attuale immobile per 30 mesi dalla data del passaggio di proprietà, versando al Comune 1.650 € al mese a titolo di indennità di occupazione. In questo periodo le due società interessate dall'accordo costruiranno la nuova gioielleria sul terreno ceduto dal Comune. La Paci gioielli può prorogare la sua permanenza per 6 mesi ma pagando una penale di 150 € al giorno. Dopo 36 mesi non saranno concesse altre proroge e l'amministrazione comunale potrà procedere allo sgombero. Dopo il trasferimento, l'attuale negozio sarà abbattuto per costruire il collegamento stradale che finalmente allaccerà l'abitato di Tobbiana con la Tangenziale e la passerella pedonale verso il Parco Prato. is

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 gen 2019

Oltre 1 milione e 700 mila euro di investimenti al Museo di Palazzo Pretorio, all’ex Conservatorio di Santa Caterina e al Centro Pecci

di Mobilita Prato

Il primo progetto riguarda la realizzazione del nuovo ingresso al Museo di Palazzo Pretorio che sarà spostato dall'attuale posizione in piazza del Comune, a quella, sempre in piazza, lato fontana del Bacchino. Il nuovo ingresso avverrà dai due grandi portali sotto la scalinata esterna del Palazzo Pretorio, nella stessa zona d'ingresso sarà collocato anche il nuovo punto di informazioni turistiche. Saranno nell'occasione realizzati un nuovo bancone per la biglietteria, nuovi espositori per il bookshop, nuovi armadietti per il guardaroba e sarà realizzata  una video proiezione nella attuale sala della timeline. Il costo di questo intervento sarà di 155 mila euro. L'altro progetto approvato riguarda la ritrutturazione del teatro e dei locali annessi all' Ex Conservatorio di Santa Caterina che saranno poi consegnati a Manifatture Digitali Cinema e che ospiteranno una produzione cinematografica e una sala incontro. Saranno rifatte le pavimentazioni interne e esterne, sostituiti gli infissi e rifatti tutti i portoncini in legno sempre seguendo i criteri del restauro e quindi conservando le caratteristiche attuali. Verranno poi realizzate, all’interno del teatro, delle pareti in cartongesso insonorizzate per creare degli ambienti separati, controsoffittati sempre con materiali insonorizzanti. Verrà infine ristrutturato anche l’edificio sul retro che si trova all’interno della corte dove verrà ricavato un ulteriore locale tecnico, mentre la parte restante sarà concessa a “Manifatture Digitali Cinema” dove sarà realizzato uno spazio espositivo. Il costo di questo intervento sarà di circa 540 mila euro. L'ultimo progetto riguarda il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci con la riqualificazione dell'edificio esistente attraverso la riorganizzazione dei locali del seminterrato. Sarà interamente recuperato il porticato e lo spazio antistante il vano di accesso al montacarichi e sarà realizzato un laboratorio a disposizione dell’Opificio delle Pietre Dure (OPD), con il quale la Fondazione del Museo Pecci ha recentemente stipulato una apposita convezione, per il restauro delle opere di proprietà del Centro ovvero delle opere d’arte in arrivo o in partenza. Al piano terra è previsto il ripristino di un locale da sempre destinato ad aula didattica. Il costo di questo intervento sarà di 1.104.000 milioni di euro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2018

Gli appuntamenti da non perdere per il capodanno pratese

di Mobilita Prato

Tanti gli appuntamenti per la notte di San Silvestro promossi dall’assessorato alla Cultura del Comune di Prato per un’unica grande festa che unirà piazza San Francesco con molti locali del centro. Tante occasioni per finire il vecchio anno e iniziare quello nuovo all'insegna della musica. A partire dalle 21.30  Piazza San Francesco si animerà con la band cittadina dei Blu Agata e poi, alle 22.30, salirà sul palco il collettivo musicale pratese Frank DD & Friends. Dalle 23.00 i protagonisti saranno I Ministri, band tra le più in vista nel panorama rock italiano alternativo. Nati nel 2006 e non passati certo inosservati, I Ministri, con l’album di esordio I Soldi Sono Finiti, hanno fatto parlare molto di loro. Da quel momento è partita una carriera che li ha riconosciuti protagonisti nel panorama rock nazionale e, tra le altre cose, li ha portati nel 2009 ad aprire il concerto dei Coldplay, come prima volta in uno stadio. Nel 2018 l’album e il tour Fidatevi, lavoro tagliente e allo stesso tempo intimo e personale, ha confermato la band, composta da Davide Autelitano, voce e basso, Michele Esposito alla batteria e Federico Dragogna alla chitarra, come uno dei grandi nomi del rock italiano. L’evento, a ingresso libero, è organizzato da Tag Progetti Culturali. Inoltre, lungo le vie del centro band e dj set faranno da contorno al grande concerto di piazza S. Francesco. Nella notte più spumeggiante dell’anno le strade del centro storico si trasformeranno in un “palco a cielo aperto” grazie all’animazione dei locali: Camelot 3.0, Ozne, Locanda del Terzo Tempo, Le Barrique, La Cova, Gradisca, Bartat, Pinchos, Blender, Caffè 21, Wallace, Guava, To Wine, Da Tommi Ridammi un Bacino e molti altri. Un grande brindisi collettivo, dunque, sulle note dei vari generi, dal rock al revival anni ’70, ’80 e ’90, dalla musica house alla disco commerciale, tutto sotto la direzione artistica di Alessandro Rubino. Per gli appassionati di musica classica, al Teatro Politeama, a partire dalle 22.30, la Camerata strumentale «Città di Prato» ospiterà, in coproduzione con il Teatro Verdi di Pisa e l’Orchestra Arché, una nuova riscrittura di Pierino e il lupo, affidata all’estro creativo di Marco Malvaldi, il noto autore pisano de La briscola in cinque e di tanti altri gialli ambientati al BarLume. Il capodanno col Lupo sarà allietato da alcuni classici festevoli, tipici Cotillons musicali di San Silvestro. Biglietti in vendita presso Teatro Politeama: 20 euro platea, 15 euro galleria. Il costo è comprensivo di spumante e dolce per brindisi di mezzanotte. Tutti gli eventi della notte di San Silvestro fanno parte del cartellone Prato Festival 2018, progetto dell’Assessorato alla Cultura del Comune. Il 2019 si apre all’insegna della musica con due appuntamenti promossi dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Prato all’interno di Prato Festival.   Il 1 gennaio, alle 17.00, ritorna al Metastasio il tradizionale concerto gospel a cura di Officine della Cultura. A salutare il nuovo anno, i membri fondatori di Uni.Sound: Terelle Tipton (da Harlem, NY), Eric Sumter (da Filadelfia), Shilan Douglas (dall'Indiana) e Sharon Williams (da New York), che insieme hanno creato un gruppo che rispecchiasse la loro idea di "unione musicale", una bouquet band tenuta insieme da un filo rosso capace di valorizzare sia le personalità individuali sia l'impatto complessivo della formazione. Pur con profonde radici nel Church gospel, il gruppo desidera veicolare la tradizione con uno show più giovane e moderno, dove la presenza scenica, l'eleganza e lo stile sono tanto importanti quanto i temi cantati e la vocalità. Quattro voci magnifiche che hanno imparato a fondersi e sostenersi, raggiungendo una forza di impatto rarissima in formazioni di così ristretto numero, e hanno dato vita a un sound unico, un unisono speciale, dal cui termine, appunto, prendono nome. Apriranno il concerto due gruppi gospel pratesi, entrambi diretti da Patrizia Calussi: The Gospel Fire Choir e Little Big Gospel Choir. Ingresso: 15 euro, ridotto 13 euro, soci Unicoop Firenze 12 euro. Info e prevendite: Teatro Metastasio. Altro tradizionale ed imperdibile appuntamento è il concerto dell’ Orchestra Chiti che, a partire dalle 17,30, saluterà il 2019 nell’ atrio della Stazione centrale (ingresso libero). I trentacinque musicisti dell’orchestra  ritmo-sinfonica, diretti dal maestro Leonardo Gabuzzini, si esibiranno in tradizionali brani natalizi, musica jazz, swing, leggera nazionale, internazionale e colonne sonore da film. Il concerto è diventato ormai un modo per offrire un pomeriggio di musica ai viaggiatori che transitano in Stazione e ai tantissimi pratesi che non perdono l’occasione di ascoltare l’orchestra cittadina.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 dic 2018

31 dicembre e 1° gennaio 2019, gli appuntamenti in programma all’insegna della musica

di Mobilita Prato

L'assessore alla Cultura Simone Mangani ha presentato gli eventi in programma per il 31 dicembre e il 1 gennaio 2019. Insieme a lui Umberto Bonanni e Federico Tafuro di TAG srl, il direttore artistico di "Capodanno live music 2019" Alessandro Rubino e Attilio Baldanzi presidente del Concerto cittadino Edoardo Chiti. "Quella che abbiamo pensato per la città il 31 dicembre e il 1 gennaio sarà un'unica grande festa - ha affermato l'assessore Mangani- che unirà piazza San Francesco, dove si svolgerà il concerto previsto, con molti locali del centro che ospiteranno musica dal vivo e dj set. Si conferma poi il 1 gennaio l'appuntamento con il concerto della Chiti nell'atrio della stazione centrale e il gospel al teatro Metastasio. Tante occasioni per finire il vecchio anno e iniziare quello nuovo all'insegna della musica". Lunedì 31 dicembre sarà la band de I Ministri ad accompagnare i pratesi e non solo nel 2019 con il concerto gratuito previsto in piazza san Francesco. "Il nostro programma - afferma Umberto Bonanni di TAG srl - prevede l'inizio della serata alle 21.30 circa con la band citatdina dei Blu Agata e poi alle 22.30 salirà sul palco il collettivo musicale pratese Frank DD & Friends. I Ministri, che concluderanno a Prato un anno ricco di successi con presenze importanti nei più grandi festival nazionali e un album che ha avuto molito successo, saranno i protagonisti dalle 23.30 per poi terminare intorno alle 1 del nuovo anno. Siamo felici di poter proporre questo programma e ci auguriamo che saranno molti coloro che sceglieranno di festeggiare il nuovo anno in piazza san Francesco". Anche per quest'anno ci sarà il "Capodanno live music" che vede coinvolti 14 locali del centro che proporranno la notte del 31 dicembre musica dal vivo o dj set. "Lo scorso anno furono 9 i locali coinvolti, quest'anno saranno 14 a conferma della riuscita di questa nuova formula che farà diventare il centro storico un unico palco a cielo aperto". Così il direttore artistico Alessandro Rubino. Sempre il 31 dicembre alle 22,30 sarà protagonista anche la Camerata Strumentale che al Teatro Politeama metterà in scena lo spettacolo dal titolo "Un nuovo caso al Barlume: il Capodanno del lupo" con la voce recitante di Marco Malvadi. Biglietti in vendita presso Teatro Politeama: 20 euro platea, 15 euro galleria. Il costo è comprensivo di spumante e dolce per brindisi di mezzanotte. Il 1° gennaio, alle 17, ritorna al  Metastasio il tradizionale concerto gospel con Uni.sound Christmas Golspel show! Uno show giovane e moderno in cui le quattro voci di Terelle Tipton, Eric Sumter, Shilan Douglas e Sharon Williams, membri fondatori di Uni.sound daranno vita a un sound unico e speciale. Apriranno il concerto due gruppi gospel pratesi, entrambi diretti da Patrizia Calussi: The Gospel Fire Choir e Little Big Gospel Choir. Ingresso: 15 euro, ridotto 13 euro, soci Unicoop Firenze 12 euro. Info e prevendite: Teatro Metastasio. Altro tradizionale ed imperdibile appuntamento è il concerto dell’Orchestra Chiti che, a partire dalle 17, saluterà il 2019 nell’ atrio della Stazione centrale (ingresso libero). "Da 16 anni ci esibiamo il primo giorno del nuovo anno - ha affermato il presidente Attilio Baldanzi - e anche quest'anno i 35 musicisti dell'orchestra, diretti dal maestro Leonardo Gabuzzini,  si esibiranno in tradizionali brani natalizi, musica jazz, swing, musica leggera nazionale  e internazionale, musiche da film e non solo. Sono sempre molti gli spettatori che assistono in piedi a circa un'ora e mezza di concerto - conclude -  dimostrando di apprezzare questo che ormai è un appuntamento tradizionale per la città". I concerti fanno parte del cartellone  Prato Festival 2018, rassegna di musica ed eventi vari promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comun

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 dic 2018

Divieto di transito alla rotatoria di via Foscolo, via Alfani e via Ciulli

di Mobilita Prato

Per lavori di riasfaltatura da domani 11 dicembre a venerdì 14 divieto di transito alla rotatoria tra via Foscolo, via Alfani e via Ciulli. I lavori saranno divisi in due fasi. Nella prima il traffico proveniente da via Suor Niccolina Infermiera con direzione via Alfani sarà deviato in via Foscolo, via dell'Organo, via Matteo degli Organi e via Alfani. Quello in direzione via Ciulli/piazza della Chiesa di Galciana sarà deviato in via Foscolo e via dell'Alberaccio. Il flusso diretto a via Ciulli/via Scarlatti sarà deviato in via Suor Niccolina Infermiera, viale Nam Dinh, inversione ad "U" alla rotatoria con via della Pace e viale Nam Dinh e via Ciulli. Il traffico proveniente da via Alfani con direzione via Foscolo "Ospedale Santo Stefano" sarà deviato in via Bettazzi, via della Lastruccia, via del Fondaccio, via Nesi, via della Chiesa di Capezzana, via dell'Organo e via Foscolo. Le auto provenienti da via della Chiesa di Galciana con direzione via Alfani proseguiranno per via Frescobaldi, via Isidoro del Lungo, via Matteo degli Organi e via Alfani. Quello dalla via della Chiesa di Galciana in direzione di via Foscolo/Ospedale Santo Stefano andrà invece verso via dell'Alberaccio, mentre quello in direzione di via Ciulli/via Scarlatti, sarà deviato in via via dell'Alberaccio e via Foscolo, via Suor Niccolina Infermiera, viale Nam Dinh, inversione ad "U" alla rotatoria con Via della Pace. Il traffico proveniente da via Ciulli (lato via Scarlatti) in direzione di via Alfani, sarà deviato in via Scarlatti, via Corelli, viale Nam Dinh, via Galcianese e via degli Organi. Subirà delle deviazioni anche il trasporto pubblico locale La LAM BLU in direzione Ospedale da via Pistoiese proseguirà su via Arcangelo Corelli, viale Nam Dinh, via Suor Niccolina Infermiera e Ospedale Santo Stefano da dove prenderà il percorso regolare; in direzione Repubblica dall'Ospedale Santo Stefano proseguirà per via Suor Niccolina Infermiera, viale Nam Dinh, via Vivaldi e via Mascagni da dove prenderà il percorso regolare; La LAM ARANCIO in direzione Ospedale/Galciana dall' Ospedale Santo Stefano devierà su via Foscolo, via dell'Organo, via della Chiesa di Capezzana, via Nesi, via del Fondaccio, via della Lastruccia, via Bettazzi e via Visiana, da dove riprenderà il percorso regolare; in direzione Stazione da via della Lastruccia deviazione in via del Fondaccio, via Nesi, via della Chiesa di Capezzana, via dell'Organo e via Foscolo da dove riprenderà il percorso regolare; La LINEA 10, direzione Maliseti, dall'Ospedale transiterà da via Suor Niccolina Infermiera, viale Nam Dinh, via Vivaldi, via Mascagni, via Borgioli, via Albinoni, via Becherini, via Don Ciabatti e via Pistoiese da dove prenderà il percorso regolare; in direzione Iolo da via Pistoiese deviazione in via Corelli, viale Nam Dinh, via Suor Niccolina Infermiera e Ospedale Santo Stefano da dove prenderà il percorso regolare.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 dic 2018

Messa in sicurezza dell’intersezione tra via Manzoni e via Castruccio, approvato il progetto definitivo

di Mobilita Prato

E' stato approvato il progetto definitivo per la messa in sicurezza dell'intersezione tra via Manzoni e via Castruccio. L'intervento rientra nel progetto denominato “Sistema infrastrutturale di area metropolitana, seconda tangenziale Ovest di Prato” e nel caso spefifico prevede la realizzazione di una rotatoria. In questo momento l'intersezione è gestita con semplice immissione a raso di via Castruccio su via Manzoni regolata da una segnaletica orizzontale e da dei semplici segnali verticali di stop. La rotatoria in progetto servirà per la messa in sicurezza dell'intersezione e per la riduzione della velocità dei passaggi su via Manzoni. L'intervento prevede anche l'adeguamento di via Castruccio con i marciapiedi da entrambi i lati e la costruzione di 18-20 posti auto "a pettine". Il costo dell'intervento sarà di 350 mila euro

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 nov 2018

Inaugurato il nuovo parcheggio in Via Oberdan

di Mobilita Prato

E' stato inaugurato oggi il nuovo parcheggio di via Oberdan alla presenza del sindaco Matteo Biffoni, dell'assessore all’Ambiente e alla Mobilità Filippo Alessi, dell'amministratore unico di Consiag Servizi Comuni Antonio Ossi e della direttrice Maria Tripoli. Il parcheggio è costituito da circa 70 posti misti tra auto e moto e sarà utilizzabile a partire da sabato 1 dicembre, dietro sottoscrizione di un abbonamento trimestrale, semestrale o annuale. Il costo degli abbonamenti, tutti H/24, sarà di 150 euro per il trimestrale riservato alle auto, 275 euro per il semestrale e 500 euro per l'annuale. Per le moto invece il prezzo sarà di 90 euro per il trimestrale, 150 euro per il semestrale e 300 euro per l'annuale. "Questo intervento ha permesso di riqualificare un'area rimasta a lungo inutilizzata dando posti auto dedicati in particolare ai residenti del centro storico e dintorni - sottolinea l'assessore Filippo Alessi -. Un progetto che guarda anche alla sicurezza, con accesso tramite badge e sistema di telecamere". Da oggi sarà possibile visionare il garage e le persone interessate potranno opzionare il posto che più gradiscono: "Sin da questa mattina sono cominciate le richieste di scelta dei posti auto, segno dell'attesa da parte dei cittadini di questa apertura", spiega Maria Tripoli. Si tratta di una prelazione che avrà valore per un massimo di cinque giorni e che non implica un impegno a sottoscrivere, in seguito, l'abbonamento. Trascorso questo periodo il posto può essere mantenuto pagando l’abbonamento oppure ritornerà nella disponibilità di Consiag Servizi Comuni.

Leggi tutto    Commenti 0