Articolo
07 dic 2017

Per Natale parcheggiate fuori dal centro storico!

di Cristina Betti

Rendiamo la città più a misura di pedone: parcheggi gratuiti o scontati fuori dal centro storico. Il Comune di Prato ha lanciato la seguente comunicazione: “Nel periodo natalizio, e precisamente dall’ 8 al 26 dicembre, i parcheggi di via Pomeria e di Piazza del Mercato Nuovo saranno gratuiti dalle 16 alle 20 mentre il parcheggio del Serraglio dalle 16 alle 8 del giorno successivo, avrà un costo forfettario di 1 euro” In questo modo, si invitano tutti coloro che frequenteranno il centro storico durante il periodo natalizio a non parcheggiare dentro le mura (piazza Mercatale, per esempio), sfruttando i parcheggi nelle immediate vicinanze, che per l’occasione saranno per lo più gratuiti o con tariffe agevolate. L'atmosfera natalizia sarà così più tranquilla e rilassata, come meno code, disagi, multe, ecc da dover affrontare, e soprattutto un ambiente non intasato da macchine e smog. Tanto più che i parcheggi fuori dalle mura non mancano, da piazza del Mercato Nuovo a via Arcivescovo Martini, via Pomeria e anche il parcheggio dell’ex ospedale, e soprattutto... sono davvero a 5-10 minuti a piedi dal centro! Attenzione, non vale tutto l’anno, non solo per Natale.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 dic 2017

Il dicembre natalizio di Prato: il programma

di Cristina Betti

Ecco un breve elenco delle attività natalizie di Prato del mese di dicembre. Giovedì 7 dicembre Concerto dell’orchestra OsmannGold (ore 16) nei giardini di piazza Mercatale e accensione delle luminarie e dell’albero di Natale in piazza del Comune Babbo Running: Corsa -camminata di 5 km a ritmo libero in costume da Babbo Natale. Ritrovo ore 14 in piazza Duomo e partenza ore 15. Venerdì 8 Nel pomeriggio “Xmas Street Band” per le vie del centro storico, una marching band di “babbi natale”. Mercatino di Natale in via Pier Cironi. Alle 17:00, in piazza del Comune, “Voci in piazza”: The Gospel Fire Choir e il Little Big Gospel Choir. Sabato 9 dicembre Mercatino di Natale in via Pier Cironi. Nel pomeriggio: “Babbo Natale e i suoi folletti” in via Muzzi. Domenica 10 Nel pomeriggio: la slitta di Babbo Natale arriva in via Muzzi. In via Bologna invece c’è il mercatino di Natale 2017. Mercoledì 13 e giovedì 14 In centro storico, dalle 15:30, il Christmas Buskers Festival: artisti di strada, clown, trampolieri, scuola di circo. Venerdì 15 Nel pomeriggio, in centro storico, torna la “Xmas Street Band”. Sabato 16 Nel pomeriggio coro Gospel in via del Serraglio e in Largo Carducci. Domenica 17 A San Paolo, nel pomeriggio, animazione per bambini, carrozza di Babbo Natale. Mercatino di Natale invece in piazza della Chiesa alla Querce e in piazza Villa Fiorita. Babbo Natale arriverà invece in piazza Ciardi, dove ci sarà anche animazione per bambinie punto ristoro. Mercoledì 20 In via Muzzi e via Magnolfi arriva il “Babbo Natale Circus”. Venerdì 22 In centro storico la “Xmas Street Band” . In piazza Santa Maria al Soccorso, dalle 18:00, “Prepariamoci al Natale”: letture e canti natalizi. Sabato 23 Dalle 16,30 alle 18,30 una banda itinerante  percorrerà via Garibaldi, via Pugliesi, Corso Mazzoni, piazza del Comune, via Ricasoli, piazza San Francesco e piazza delle Carceri. Babbo Natale in via del Serraglio, In via Cironi mercatino di Natale. domenica 24 In via Cironi mercatino di Natale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 dic 2017

Prato in corsa per lo European Green Capital Award 2020

di Cristina Betti

European Green Capital Award 2020: Prato in gara. La competizione vuole premiare gli sforzi dei comuni che si sforzano di migliorare la vita dei propri cittadini, diventano modelli di riferimento e impegnandosi nella sostenibilità ambientale, sociale ed economica.  E proprio Prato, che ha stilato il suo Pums e che dovrà dimostrare di saperlo applicare, si sta giocando questa importante opportunità: infatti, per la prima volta, per festeggiare dieci anni dell’iniziativa dell’European Green Capital Award, la Commissione europea concederà un incentivo finanziario di 350.000 euro alla città vincente. A partecipare sono le città in tutta Europa, con oltre 100.000 abitanti. Ecco chi sta gareggiando per il 2020: Aberdeen (Regno Unito), Budapest (Ungheria), Bursa (Turchia), Ghent (Belgio), Guimarães (Portogallo), Lahti (Finlandia), Lisbona (Portogallo), Ostrava (Repubblica Ceca), Prato (Italia), Reykjavik (Islanda), Siviglia (Spagna), Tallinn (Estonia), Wroclaw (Polonia) I problemi di viabilità a Prato sono ben conosciuti, speriamo pertanto che il "ricco bottino" in palio spinga i lavori nella giusta direzione di logicità, funzionalità e fruibilità per i cittadini. Info: sito ufficiale   

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 nov 2017

Nell’ex fabbrica Pieri nascerà una cittadella della cultura

di Cristina Betti

Al numero 158 di via Pistoiese, incastrato tra una fila di abitazioni tra il bar Lo Scalino e piazzetta Unicredit, c'è l'ex-fabbrica Pieri, che potrebbe diventare il nuovo centro culturale di Prato. L'x fabbrica è il perno centrale dell'intervento di riqualificazione della zona, il famoso Piano di innovazione urbana che ha ottenuto oltre 6 milioni di finanziamento regionale per un investimento complessivo di 8.236.000 euro.  L'assessore alle opere pubbliche Valerio Barberis spiega che il passato si trasformerà in futuro attraverso una medialibrary, un bar, uno spazio coworking e una piazza che metterà in comunicazione le due prinicipali arterie stradali del Macrolotto Zero. Il progetto prevede la demolizione del piano superiore, che sarà ricostruito più piccolo e contemporaneo per ospitare il coworking. Il piano di sotto sarà ristrutturato trasformandolo in un bar di servizio, ma non solo, alla medialibrary con area eventi che sorgerà sul lato sinistro e che come la Lazzerini seguirà il modello della fabbrica della cultura. Tutta la parte destra sarà abbattuta perché assieme al capannone attiguo per cui è in corso l'esproprio, diventerà un grande spazio pubblico all'aperto con parcheggio sul lato di via Filzi e percorso pedonale da via Pistoiese, costellato da panchine e aree verdi. "Entro questo mese - afferma Barberis- sarà approvato il progetto esecutivo. Conclusa la procedura di esproprio potremo andare a gara, ipotizziamo nella primavera 2018. Siamo in una zona molto particolare, densa e complessa che necessita di funzioni pubbliche. Si dice sempre che l'unica proprietà del Comune in questa area sono i marciapiedi e le strade. Con questo edificio si va ad acquisire  uno spazio che sarà in parte demolito ma che di fatto costituirà una nuova polarità pubblica con piazze, giardini e funzioni pubbliche. Nella filosofia generale di questa amministrazione saranno gestite sia direttamente dal Comune che aperte all'interpretazione dell'associazionismo e dei cittadini"* *Fonte: Notizie di Prato  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 nov 2017

MoBike anche a Prato?

di Cristina Betti

L'assessore alla mobilità Alessi vuole portare il Mobike di Firenze fino a Prato. Mobike, l'azienda fondata nel 2016 da Hu Weiwei e Davis Wang e diventata la prima e più grande impresa di smart-bike sharing a livello mondiale, alza le tariffe a Firenze, dopo il periodo promozionale, è arrivata e Sesto e ora punta su Prato. "E' un progetto assolutamente interessante proprio per i trasferimenti interni alla città, di qualche chilometro - dice l'assessore alla Mobilità Filippo Alessi - Ho in agenda un incontro proprio per portare questa novità anche a Prato, ma prima dobbiamo valutare il problema sicurezza, che è il più delicato". Per sicurezza si intende abbandono delle bici nei fossi, nei fiumi, sulle piste ciclabili, privati che si portano la Mobike in casa (ne abbiamo parlato qui), ecc.., tutti fenomeni che coinvolge Firenze e non solo.  E difatti l'assessore sta cercando trattative con il colosso cinese: il Comune di Prato chiede «stazioni di parcheggio prestabilite» (ma in quel caso non sarebbe più bike sharing a flusso libero, dato che le classiche "stazioni" di sosta sono caratteristiche del vecchio modello di bike sharing) e «dispositivi efficaci di opposizione al vandalismo e al degrado». Attualmente a Firenze si è visto un aumento da 30 a 50 centesimi ogni mezz'ora per l'uso delle biciclette, abbonamenti mensili, trimestrali e annuali al bike sharing e pene severe per i trasgressori che parcheggiano le bici in maniera errata (ad es: in cortili privati o con lucchetti personali). La novità del "Mobike pass", disponibile in via promozionale a Firenze e Milano, consentirà di utilizzare la bici per viaggi di non più di due ore ma illimitati nel periodo scelto. Abbonarsi ad un mese di bike sharing, ad esempio, costa 5 euro. Per 90 giorni di utilizzo illimitato bastano 10 euro, 180 giorni costano 50 euro mentre l'abbonamento annuale costa 199 euro.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 nov 2017

A scuola in bici in modo sicuro? Con il progetto DeMo.S Prato ci prova

di Cristina Betti

Obiettivo di DeMo.S è rendere veramente sicuro il tragitto casa-scuola in bicicletta, in modo da incentivare una mobilità alternativa al traffico esagerato dei genitori in automobile che portano e riprendono i figli a scuola. Ecco di cosa si tratta. DeMo.S è una sigla che indica D(idattica inclusiva) e Mo(bilità) S(ostenibile), progetto che ha già ottenuto il via libera della giunta comunale su proposta dell'assessore alla Mobilità Filippo Alessi, è stato presentato nel Programma-bando sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare che mette in palio 35 milioni di euro di finanziamenti. Presentato dal Comune di Prato in partenariato con Euromobility, Cras srl, Simurg consulenze e servizi snc e Legambiente Prato, in collaborazione con la polizia municipale, con un costo totale è di un milione e 884mila euro di cui circa la metà finanziato dal Ministero e 726.000 euro dal Comune, si interviene sulla mobilità sistematica per motivi di studio promuovendo l'utilizzo di modalità di trasporto a ridotto impatto, in particolare a piedi, in bici o in bus, aumentando la sicurezza stradale grazie a corsie ciclabili e Zone 30. Già da molto si parla a Prato di progetti sulle Zone 30 e sulla progettazione e costruzione di nuove piste ciclabili, quest'ultime in particolare non hanno visto realizzati grandi progetti se non i soliti marciapiedi dipinti di rosso (vedi il tratto di 100 metri di pista ciclabile in Via Cavour, nei pressi dell'ospedale vecchio). In questo bando lle azioni previste riguardano in prima istanza quattro scuole elementari (De Andrè, Santa Gonda, Pizzidimonte e Virginia Frosini), tre medie (Pier Cironi, Zipoli, Bogardo Buricchi) e sei istituti superiori (Buzzi, Datini, Gramsci Keynes, Dagomari, Cicognini-Rodari e Marconi) per un totale di 9.398 studenti, mentre in seconda istanza il progetto prevede azioni che coinvolgono un numero molto più ampio di scuole. In particolare, il numero più consistente di istituti selezionati è concentrato nei poli di via Reggiana e via Galcianese, connessi dalla Declassata e in un'area ad elevato flusso di traffico e con problemi di congestione ed inquinamento anche per l'accesso alle scuole. In base agli studi preliminari effettuati nel progetto, attualmente il 51% degli studenti va a scuola in bus, solo l’1% va a piedi, il 10% in bici e il 23% in auto. Gli spostamenti sistematici per scuola o lavoro che ogni giorno interessano la città in base alle stime Istat sono oltre 125mila, di questi 74mila, il 60%, sono interni alla città, il 20% attratti da Prato e altrettanti generati da Prato con destinazione esterna.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 nov 2017

Bando per l’acquisto di veicoli ecologici a Montemurlo

di Cristina Betti

Il comune di Montemurlo ha messo a disposizione 21mila euro per l'acquisto di mezzi ecologici. C'è tempo fino al 31 gennaio 2018 per partecipare, e possono fare domanda sia i cittadini che le imprese. “Le questioni della qualità dell'aria e dell'inquinamento sono centrali per garantire la qualità della vita e la salute pubblica - spiega l'assessore all'ambiente Simone Calamai - La mobilità ibrida, elettrica e a metano nelle aree urbane rappresenta una soluzione ideale, rendendo maggiormente ecocompatibili le esigenze di spostamento nelle zone centrali della città maggiormente vulnerabili all'inquinamento atmosferico. Siamo consapevoli che questa misura non può essere risolutiva dei problemi legati all'inquinamento, ma vuole lanciare un messaggio di attenzione verso l'ambiente e favorire nella cittadinanza scelte più consapevoli ed ecologiche verso i mezzi di trasporto privati. Inoltre, viste le condizioni meteo di queste ultime settimane sull'Italia e visto che ci stiamo avviando verso l'inverno, quando, con l'accensione dei riscaldamenti, aumenteranno inevitabilmente le emissioni di particolato nell'aria, agire sul trasporto privato significa impegnarsi per far si che i valori dell'inquinamento atmosferico rimangano sotto i livelli di attenzione”.* Il Comune di Montemurlo ha stanziato per questo primo anno con 21.500 euro: per l'acquisto di ciclomotori elettrici nuovi di fabbrica il contributo è di 361.52 euro, per le autovetture nuove, ibride o elettriche di 1.032 euro, mentre per la trasformazione dei veicoli con un impianto a gas metano il contributo sarà di 516 euro. L'avviso e la relativa modulistica posso essere scaricati dal sito internet del Comune di Montemurlo (www.comune.montemurlo.po.it), oppure richiesti presso l'area b “Qualità del Territorio e del Patrimonio, servizio ambiente e difesa del suolo” (via Toscanini 1, Montemurlo ) telefono: 0574 558326/339 * Fonte: Notizie di Prato  

Leggi tutto    Commenti 0