Articolo
16 nov 2016

Situazione dei lavori in Piazza Ciardi

di Cristina Betti

Lavori in corso in Piazza Ciardi: il progetto prevede lavori di rifacimento e riqualificazione. Stanno proseguendo le operazioni di rifacimento del percorso ciclopedonale dalla Stazione di Porta al Serraglio-Piazza Università a Piazza Ciardi, lavori che prevedono la costruzione di una passerella di collegamento con Piazza del Mercato: un modo per riqualificare e mettere in sicurezza la zona, che sarà anche dotata di telecamere di sicurezza e di un nuovo impianto di illuminazione. Dopo mesi di proteste e di battaglie, i residenti dovranno quindi sopportare il traffico e la viabilità, oltre alla perdita di qualche posto auto, a beneficio di più posto per i pedoni e di più sicurezza. «Abbiamo scelto di iniziare a giugno per limitare le ricadute sul traffico - spiega l'assessore all'ambiente e alla mobilità Filippo Alessi - Si tratta di un lavoro importante concordato con i cittadini che prevede tutta la sistemazione della fontana, del verde, anche se gli alberi non verranno sostituti, e della pavimentazione» Saranno aumentati i parcheggi per biciclette e motorini, mentre diminuiranno quelli per le automobili, che vedranno anche cambiare l'assetto dei posti: non più a lisca di pesce ma orizzontali.   Nel progetto di riqualificazione, cominciato ad inizio estate, sono coinvolte anche Piazza Duomo, Piazza del Mercato e Piazza San Michele. Il termine dei lavori è previsto verso fine autunno.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 nov 2016

Il TAR blocca la gara del trasporto pubblico toscano

di Alessandro Gori

Il TAR ha annullato il bando regionale per l'assegnazione del trasporto pubblico su gomma in tutta la Toscana.  Non valide le offerte di Ratp e Mobit. il 28 ottobre è stata pubblicata la sentenza che dichiara illegittima l'aggiudicazione della maxi gara da 4 miliardi di euro in 11 anni  indetta dalla Regione Toscana per affidare il trasporto pubblico su autobus a un solo soggetto. Il contenzioso era nato con il ricorso della perdente Mobit, il consorzio che raggruppa le varie aziende di trasporto locale (inclusa la CAP), contro la vincitrice Autolinee Toscane, facente parte della francese Ratp, colosso mondiale del settore che gestisce fra le altre cose la metropolitana di Parigi. Secondo i giudici l'assegnazione non spettava a nessuno dei due contendenti, dato che entrambe le offerte non rispettano i requisti del bando, soprattutto sul fronte economico. Il bando però rimane aperto, evitando di dover ricominciare una nuova lunga e costosa procedura di gara, ma le partecipanti dovranno riformulare l'offerta. Il governatore della Toscana Enrico Rossi su Repubblica.it Firenze è intervenuto duramente sulla questione: "La nostra lettura è che la gara per il Tpl toscano non è annullata, e questo è positivo. Anche il Tar dice che l'annullamento non si estende alla previsione della gara. E' stato infatti annullato il piano finanziario presentato dai due concorrenti" e noi "daremo esecuzione alla sentenza chiedendo ai due concorrenti di riformulare dei nuovi piani finanziari di sostenibilità".  "Chiederemo di rifare i piani finanziari e poi sarà fatta una valutazione. Vinca il migliore: questa è la linea politica della Toscana". Inoltre auspica che  "i due concorrenti evitino di aggravare con ulteriori ricorsi una procedura già abbondantemente appesantita. Più che pagare gli avvocati paghino qualcuno per rifare i piani finanziari. Mi dicono però che gli avvocati si stiano riunendo, si parte male". Anche visto che "è 5 anni che stiamo dietro a questa gara, ora basta con le carte da bollo". Altrimenti "proverò a mettere all'indice questi due grandi player che impediscono alla gara di andare in porto perché a pagare sono i cittadini. Auspico che entro pochi mesi si firmi un contratto con il migliore" I trasporti locali verranno garantiti da proroghe dei contratti con le aziende locali ancora titolari, ovvero le stesse aziende che formano il consorzio Mobit. C'è da aspettarsi ancora una dura battaglia fra avvocati.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 nov 2016

Oggi nasce Mobilita Prato

di Mobilita Prato

Nasce Mobilita Prato: il primo blog sulla città che conta sulla tua partecipazione! Dopo Palermo, Catania e Torino, mobilita.org sbarca a Prato, prima città della Toscana, e del centro Italia, a far parte del network. L’urban blog e piattaforma di partecipazione civica nasce come Mobilita Palermo nel capoluogo della Sicilia nel 2008, riscuotendo sin da subito successo grazie alla sua capacità di uscire dagli schemi tradizionali delle testate di informazione, con gli utenti che non si limitano a consultare le notizie, ma vengono invogliati a partecipare inviando le proprie proposte, segnalazioni, articoli, foto e materiali multimediali. Mobilita.org nasce da un’esigenza di evoluzione che vuole raggruppare in un unico network le tante realtà nazionali che già oggi operano sui rispettivi territori: una piattaforma di confronto, una piazza virtuale dove gli utenti sono parte integrante dell’informazione e possono discutere dei temi della propria città – con particolare sguardo alla mobilità sostenibile – nonché laboratorio di idee, dove i cittadini possono confrontarsi tra di loro (e con la Pubblica Amministrazione) per individuare soluzioni efficaci a vantaggio del territorio, monitorare le opere pubbliche e tenersi informati sullo stato di avanzamento dei cantieri, ma anche tutti quei temi inerenti il contesto urbano (quali riqualificazione del centro storico, ambiente, aree verdi, piste ciclabili, isole pedonali, etc.). L’esperimento di Palermo è riuscito a coinvolgere centinaia di migliaia di utenti, per cui adesso la volontà è quella di replicare la best practice in tutte le principali città di Italia. Prato è sicuramente un passo importante: seconda città della Toscana per popolazione, ha tutte le caratteristiche per poter diventare un esempio da seguire in termini di sviluppo urbano, mobilità sostenibile, attenzione ambientale e connettività (Smart Cities). I presupposti ci sono, le energie anche, ma adesso bisogna iniziare a lavorare per entrare a pieno titolo nel novero delle più affermate realtà europee, usando queste come esempi da seguire e da cui trarre ispirazione, ma anche rielaborando attraverso le peculiarità e l'inventività locali. Da oggi, Alessandra, Cristina e Alessandro vi accompagneranno tutti i giorni, curando questo spazio virtuale a disposizione della città, dove poter avanzare proposte, segnalare criticità o proporre anche voi stessi articoli su temi che avete particolarmente a cuore! La filosofia portante di Mobilita.org è proprio la partecipazione dal basso: un motore in grado di innescare il processo creativo e attivo di rivitalizzazione delle nostre città. Mobilita.org è un progetto a costo zero, basato esclusivamente sulla passione della propria community, che ha come obiettivo lo sviluppo sostenibile e smart della propria città. La strategia è quella di individuare gruppi locali già radicati nel territorio di appartenenza, che abbiano una conoscenza approfondita della propria città e vogliano coordinare uno spazio di discussione e informazione che possa fare da vetrina e da punto di riferimento per tutti quei cittadini che vogliono partecipare alle dinamiche dei contesti urbani. L’altro obiettivo è quello di creare una rete di competenze che possano far fronte comune nella presentazione di progetti e soluzioni efficaci per il territorio, innescando un movimento di opinione e di azione che parta dal basso, e che possa influenzare le politiche della Pubblica Amministrazione in fatto di politiche urbane sostenibili. Nel 2013, mobilita.org è stato inserito tra i soggetti proposer all’interno del vademecum nazionale per le smart cities redatto dall’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani). Sull’onda di questo entusiasmo, da oggi il nuovo team gestirà lo spazio Mobilita Prato (prato.mobilita.org), accompagnandovi come sempre attraverso un’informazione precisa, obiettiva e puntuale. Mobilita.org sono anzitutto i cittadini! Attendiamo i vostri contributi, per lavorare tutti insieme ad uno sviluppo sostenibile di questa splendida città!

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 nov 2016

Si comincia! Ecco a voi… Parcheggio in do’ voglio!

di Alessandro Gori

Parcheggio "in do' voglio" è la nostra piccola bacheca di “denuncia” civica degli automobilisti incivili. Un microfono che da voce all'esasperazione dei cittadini verso gli automobilisti indisciplinati, un atto ribelle, un barlume di resistenza verso l'oppressore... ok, come avrete capito non vogliamo prenderci troppo seriamente. Quindi Parcheggio in do' voglio vuole essere soprattutto una valvola di sfogo goliardica le cui vittime designate sono tutti quelli che a giro per la città non hanno di meglio da fare che parcheggiare i loro giocattoli nei modi più assurdi possibili. Quindi, signori e signore, buona caccia! :) Regole del gioco: Fai una foto a qualche simpaticone che parcheggia nei posti più improbabili, Vai alla rubrica Segnalazioni e clicca su Fai la tua segnalazione, Usa questa intestazione per il titolo: Parcheggio in do' voglio: luogo + (data+ora), Copri nel modo che preferisci la targa (per evitare fastidiosi problemi…) e carica la foto come immagine in evidenza. Se non sei in grado non ti preoccupare, ci pensiamo noi! Se vuoi puoi aggiungere un commento ma, per favore, vacci piano Clicca su pubblica. Il post verrà vagliato dalla redazione e poi pubblicato. Ricomincia da capo! Tanto non ti mancheranno le fonti di ispirazione Qui puoi trovare un esempio pratico:  link

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 nov 2016

Mobydixit a Prato: di cosa si è parlato?

di Cristina Betti

Si è svolta a Prato la 16esima Conferenza Nazionale sul Mobility Managemente e sulla Mobilità Sostenibile presso la Camera di Commercio nelle giornate del 27-28 ottobre.   Da quindici anni la conferenza Mobydixit crea un momento di riflessione sulla gestione della mobilità urbana del nostro paese, ponendo al centro della sua visione l'ottica europea del Mobility Management integrato con la specificità e la realtà italiana. Il programma 2016 ha visto le due giornate di incontri così suddivisi: - 27 ottobre: Esposizione dei risultati di ECOMM 2016 (European Conference on Mobility Management) tenuto l'1-3 giugno ad Atene, sulla mobilità sostenibile in Europa. Risultati della Settimana Europea della Mobilità EMW, svoltasi il 16-22 settembre. Confronto e dibattito sulle nuove iniziative proposte dal Ministero dell'Ambiente MATTM riguardo alla mobilità sostenibile - 28 ottobre: Workshop sul progetto Bike to Work, dall'esperienza europea a quelle della Ciab (Club Imprese a Misura di Bici). Esposizione di workshop a tematiche innovative e nazionali come l'Osservatorio PUMS, Piano Urbano sulla Mobilità Sostenibile (per maggiori notizie vedi qui), prodotto dalla piattaforma panueropea Endurance. Workshop del progetto europeo per coinvolgere i più piccoli, il Traffic Snake Game, iniziativa che ha coinvolto anche una scuola di Prato, l'ICS Marco Polo. Nel pomeriggio si sono svolte le iniziative, tutte gratuite, rivolte ai cittadini: il corso di riparazioni di bicicletta curato da Ecoposta Prato, il Corso Demo di Ecoguida, una biciclettata turistica a cura di Fiab e un percorso turistico a basso impatto per la città con visita dei musei di Prato; infine le cerimonie di premiazione per 'Annibale il serpente sostenibile', 'Mobilità di classe' e 'Pensieri e Pedali'.     Mobidixit è stata organizzata da Euromobility e il Comune di Prato, in collaborazione con Cap Autolinee Prato e la Camera di Commercio di Prato, con il patrocinio di Fiab, Ministero dell'Ambiente, Legambiente, Confindustria Ancma, Regione Toscana e l'Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Prato.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 nov 2016

Viale Borgovalsugana: si vede la fine?

di Alessandra Santoni

I lavori sono stati spostati sul ciglio della strada, e adesso il traffico può finalmente scorrere. I lavori per sostituire i tubi del gas su Viale Borgovalsugana sono cominciati ad agosto e, dopo le proteste di residenti e commercianti che a fine ottobre ancora non vedevano terminare gli interventi, finalmente la strada è stata riaperta al traffico. Ma attenzione, i lavori di ToscanaEnergia non sono ancora finiti; tuttavia, interessando adesso il ciglio della strada, permettono alle auto di percorrere regolarmente il viale. L'assessore all'urbanistica Filippo Alessi spiega che la data di inizio cantiere era stata fissata ad agosto proprio per ridurre al minimo i disagi, ma il prolungarsi delle operazioni aveva portato l'amministrazione a sollecitare la direzione dei lavori ad utilizzare più squadre, e sembra che la richiesta sia stata accolta. Le sollecitazioni, forse quelle più forti, erano però arrivate dai gestori degli esercizi della via, che hanno riscontrato un forte calo di presenze e quindi di incassi, e dai residenti, che per tornare a casa erano costretti a fare giri lunghissimi per magari poi giungere a destinazione e non trovare parcheggio per l'auto. Adesso la situazione sembra tornare alla normalità, ma i lavori non sono finiti. Infatti, sempre Alessi spiega: Ora inizieremo ad asfaltare Viale Valentini e Via Roncioni, ma per evitare di fare il lavoro due volte cercheremo di concordare gli interventi con Publiacqua e ToscanaEnergie, comunque i tempi di realizzazione degli interventi saranno più brevi rispetto a quelli di Viale Borgovalsugana. Tra i prossimi lavori programmati anche quello di Piazza Stazione. Foto: Notizie di Prato

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 nov 2016

Pedibus: a Vaiano l’autobus va a piedi

di Alessandra Santoni

A Vaiano i bambini vanno a scuola a piedi come se fossero in autobus.   A pochi giorni di distanza dalla riapertura delle scuole a Vaiano è tornato il Pedibus, il servizio gratuito di accompagnamento a scuola rivolto ai bambini della primaria di Vaiano. Il punto di partenza è previsto la mattina alle 8.00 in piazza Donatori del Sangue, dove i bambini partecipanti all'iniziativa, dotati tutti di pettorina e badge di riconoscimento, partiranno accompagnati da due operatori della Cooperativa Alambicchi in direzione del giardino della scuola elementare. Il percorso, rigorosamente effettuato in sicurezza sui marciapiedi, prevede tre fermate per permettere ad altri bambini che risiedono nei paraggi di aggregarsi al Pedibus.     Inoltre a tutti i bambini è stato distribuito un libretto per compilare fittizie "multe morali" da lasciare sui parabrezza di automobilisti irrispettosi colti a violare il codice della strada con comportamenti inopportuni, come parcheggiare l'auto sui marciapiedi o sulle strisce pedonali, intralciando così il passaggio. Queste le parole dell'assessore alla pubblica istruzione Fabiana Fioravanti: C'è entusiasmo intorno a questo servizio e ne sono felice. Ci permette infatti di far arrivare i bambini a scuola in modo ecologico, insegnando loro le regole della sicurezza stradale. E poi si fa anche movimento e soprattutto sia arriva a scuola belli vispi. Il Pedibus era cominciato a partire da maggio 2016, con l'arrivo della bella stagione, fino alla fine della scuola, il 10 giugno, ed il successo dell'iniziativa ha fortunatamente portato ad una sua replica per questo nuovo anno scolastico. Il servizio infatti sarà attivo fino al 31 ottobre, dal lunedì al venerdì, con qualsiasi condizione meteorologica.  

Leggi tutto    Commenti 0