Articolo
23 nov 2016

USE-IT Prato: una nuova guida per la città

di Cristina Betti

Da oggi anche Prato è disponibile nelle innovative mappe Use-it: gratuite, disponibili su internet ed alternative.   Da quest'anno anche la città di Prato farà parte dell'elenco di mappe del network Use-it, insieme ad altre grandi città italiane come Bologna, Bari, Brescia, Palermo, Milano, Padova, Trieste, Torino, Verona. La creazione della mappa Use-it Prato, cofinanziata e partecipata dal Comune di Prato, è stata promossa da Local Trusted tramite l'Associazione Il Pentolone e con il coinvolgimento di un gruppo di cittadini.   Ma cosa sono le mappe Use-it? Use-it: made by locals, for young travellers, not commercial, free (creata da persone del luogo, per giovani viaggiatori, non commerciale, gratis), è un network europeo nato in Danimarca nel 2006 che prevede la creazione di mappe non convenzionali e attente alla mobilità sostenibile e all'ecologia. Al progetto, senza fini di lucro e finanziato dalla comunità europea, può partecipare chiunque abbia voglia di mettersi in gioco e di dar valore alla propria città, ed è così che nasce Use-it Prato. Il motto del network è "act like a local", atteggiati come uno del posto. Le informazioni sono scritte da pratesi ad uso e consumo dei non pratesi e contengono le indicazioni più disparate, da quali siano luoghi più famosi per mangiare o per trascorrere la serata, fino a notizie campanilistiche; da cosa siano la Pallagrossa, le pesche pratesi, i pottini, fino ai termini ed i modi di dire strettamente locali come "son di praho e voglio esser rispettaho". Il tutto condito da un'attenzione verso i luoghi di interesse storico, antico e moderno, e verso la mobilità sostenibile. La mappa è disponibile in formato cartaceo, scaricabile gratuitamente dal sito di Use-it o dalla pagina facebook, disponibile anche tramite app, in italiano ed inglese.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 nov 2016

A teatro senza pagare il parcheggio

di Alessandra Santoni

Da quest'anno gli abbonati alle stagioni del Teatro Metastasio e della Camerata Strumentale parcheggeranno gratuitamente al Serraglio nelle date previste dai programmi. Per questa stagione teatrale il Teatro Metastasio e Essegiemme spa, Società Gestione Infrastrutture per la Mobilità, hanno stipulato una convenzione che consente a chiunque abbia un abbonamento MET/10 (abbonamento con quattro turni a posto fisso per i dieci spettacoli del cartellone Metastasio) di usufruire gratuitamente del parcheggio del Serraglio nelle date degli spettacoli compresi nel proprio pacchetto abbonamento. L'iniziativa, oltre a garantire una fruizione più sicura del centro città nelle ore serali (il parcheggio è infatti dotato di un servizio di guardiania 24 ore su 24), permette allo spettatore di non dover avere a che fare con il problema degli orari e soprattutto con il problema dell'infinita ricerca del posto auto gratuito, che ormai nel centro storico è quasi diventato impossibile da trovare la sera, specialmente nel fine settimana ma anche nei giorni feriali. La convenzione con il teatro permette infatti di lasciare l'auto nel parcheggio di Via Cavallotti 42 già a partire dalle ore 19.00 (gli altri parcheggi del centro sono gratuiti a partire dalle 20.00); ovviamente il parcheggio è da intendersi gratuito fino alle ore 8.00 del giorno successivo, orario a partire dal quale verrà applicata la normale tariffa vigente. Inoltre, ma solo per gli abbonati della domenica, l'orario di sosta gratuita inizierà alle ore 16.00. Per usufruire del parcheggio gratuito ciascun abbonato, all'ingresso del teatro, dovrà recarsi al guardaroba, presentare il proprio abbonamento alla maschera addetta al servizio e ritirare il tagliando da consegnare alla cassa del parcheggio. Ma non è finita qui: il teatro ha pensato anche a chi raggiunge Prato in treno per assistere agli spettacoli al Fabbricone e alla Sala Fabbrichino, istituendo un servizio navetta (andata e ritorno) dalla Stazione di Prato Porta al Serraglio al prezzo forfettario di 2 euro. Il ticket  per la navetta può essere acquistato online (ticka.metastasio.it) congiuntamente all'acquisto del biglietto dello spettacolo, oppure in biglietteria (via Cairoli 59, dal martedì al sabato 9.30/12.30 e 16.00/19.00) Foto: pagina Facebook Teatro Metastasio  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 nov 2016

Critical Mass rimandata a dicembre

di Cristina Betti

A causa del maltempo è stata rimandata la prima Critical Mass di Prato: rimanete pronti per la prossima, prevista per il weekend della seconda settimana di dicembre (tempo permettendo) "LA CRITICAL MASS E' RIMANDATA a quando il tempo sarà più clemente! Presto vi comunicheremo la data. Saremo comunque presenti (a meno di nubifragi) in Piazza delle Carceri alle 16 per tutti coloro che non avranno letto il post o che volessero avere più informazioni, fare proposte ecc.Rimanete sintonizzati!" Ecco il comunicato dalla pagina di facebook di Critical Mass Prato. Il prossimo evento si svolgerà probabilmente fra le giornate del 10-11 dicembre. Consultate la loro pagina per saperne di più! Nel frattempo, date un'occhio ad uno dei primi articoli pubblicati dal gruppo: Piste ciclabili a Prato: secondo il rapporto PUMS del Comune di Prato si tratterebbe di una "rete". Ma una rete è una trama continua che consente di inventare di volta in volta la propria strada! In questa cartina invece si vedono due binari, distanti e in posizione marginale... Allora sabato 19 deragliamo dai binari e conquistiamo le strade con la bicicletta! #criticalmassprato      

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 nov 2016

A Montemurlo la prima casa green

di Cristina Betti

Un cittadino di Montemurlo ha deciso di ricostruire la propria casa per renderla eco-compatibile, a basso consumo energetico e anti-sismica. In Via Casini a Montemurlo, all'angolo di Via Montegrappa, la famiglia Piaggesi ha deciso di demolire la vecchia casa e di far spazio ad una nuova dimora eco-friendly: la struttura di 100 mq è completamente in legno, eccenzion fatta per le fondamenta, materiale che la rende altamente anti-sismica; le pareti sono rivestite da "cappotti" ad alto isolamento termico  e a breve saranno montati impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica e impianti solare termico per la produzione di acqua calda. L'abitazione, la cui anima di legno è stata realizzata dalla ditta umbra "La Cost", è costata circa 250mila euro; i lavori, cominciati a Maggio, sono durati 6 mesi. «Rispetto ad una casa tradizionale costa un po' di più, ma i vantaggi in termini di sicurezza, comfort abitativo e risparmio energetico sono enormi- spiega il tecnico della famiglia Piaggesi, il geometra Alessandro Gherardini - questa casa consuma un terzo di un'abitazione tradizionale, il che vuol dire che se una famiglia in media in un anno spende circa mille euro tra gas ed energia elettrica per riscaldare per rinfrescare gli ambienti, qui al massimo la spesa si attesta sui trecento euro» Da sfatare inoltre il mito della scarsa sicurezza in caso di incendio: il legno brucia lentamente e le travi lamellari del soffitto hanno una resistenza maggiore di quelle delle costruzioni tradizionali, in pratica il legno si "carbonizza" ma non fa cedere la struttura. La famiglia Piaggesi ha realizzato una casa che, dopo i terremoti degli ultimi anni e i problemi di sprechi delle risorse, deve far riflettere le varie amministrazioni sulle condizioni di sicurezza e di risparmio energetico delle abitazioni. «Il problema di come si costruisce e soprattutto di come si è costruito negli anni del boom economico ce lo dobbiamo porre tutti. Quindi sono felice d'apprendere che nel nostro Paese esistono aziende all'avanguardia, capaci di competere a livello mondiale per quanto riguarda la sicurezza sismica degli edifici. - aggiunge il sindaco Mauro Lorenzini - La sicurezza è la strada per il futuro ed anche il Comune di Montemurlo ha intenzione di costruire una scuola dell'infanzia utilizzando queste tecniche innovative». Speriamo che altri seguano questo esempio.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 nov 2016

Primo Critical Mass Prato: 19 novembre

di Cristina Betti

Biciclettata di massa sabato 19 novembre ore 16:00, partenza P.zza delle Carceri, organizzata dal gruppo Critical Mass Prato   Il gruppo Critical Mass Prato ha organizzato per il giorno sabato 19 novembre una biciclettata di massa per le vie della città, partenza presso Piazza delle Carceri alle ore 16:00. La critical mass è una coincidenza organizzata di ciclisti, in altre parole un gruppo di ciclisti, amici e non, che si ritrovano in bici e che hanno voglia di godersi la città pedalando. E' un modo per riconquistarsi la città, completamente occupata dalle macchine, attraverso uno strumento come quello della bicicletta, che rivendica una migliore mobilità nelle città ed anche un minor impatto ambientale. La critical mass non è una protesta, uno sciopero, o una manifestazione. Il loro slogan è "noi non blocchiamo il traffico, noi siamo il traffico": non chiedono nulla se non di riprendersi gli spazi stradali che ad oggi sono ad uso esclusivo di macchine, suv e motori. Qui sotto la descrizione dell'evento su facebook: A Prato ci sono 70 veicoli ogni 100 abitanti e vengono abbondantemente superati i limiti per le polveri sottili raccomandati dall'Organizzazione Mondiale della Salute http://maps.who.int/airpollution/. A questa situazione rispondiamo portando a Prato la Critical Mass, un'iniziativa diffusa ormai in molte città di tutto il mondo: montiamo tutti insieme in sella alla bicicletta e a ritmo di musica ci prendiamo per un pomeriggio le strade, che normalmente appartengono solo alle auto. Liberiamo la città dal traffico e dall'inquinamento atmosferico per ritrovare uno spazio che sia a misura d'uomo, di tutti e respirabile, non più ostaggio delle macchine!Si possono portare casse portatili, maracas, fischietti, si può venire anche in skateboard o coi pattini... diventerà una festa itinerante!per maggiori dettagli http://criticalmassfirenze.blogspot.it/2009/06/critical-mass-frequently-asked-question.html L'evento sarà ripetuto ogni ultimo giovedì del mese. Per maggiori informazioni visitare la pagina di facebook: Critical Mass Prato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 nov 2016

Multata dopo l’invio dell’SMS per pagare il parcheggio: il servizio funziona?

di Alessandra Santoni

Vi ricordate dell'innovazione sul pagamento del parcheggio tramite SMS (se non hai ancora letto al riguardo vedi qui)? Ecco, sabato 12 novembre, in Via Marini, una ragazza ha usufruito di quello che dovrebbe essere un servizio pratico per i cittadini ma, tornata alla sua auto, ha comunque trovato la multa sotto il tergicristallo; ma vediamo come è andata. Il primo SMS è stato inviato alle ore 10:08, effettuando un pagamento di 1 euro che permette una sosta della durata di 60 minuti, perciò fino alle 11:08; allo scadere dell'ora la ragazza ha ricevuto un SMS che la avvisava che il tagliando virtuale era in scadenza ma, avendo ancora bisogno di tempo, alle 11:11 ha inviato un ulteriore SMS per prolungare il parcheggio per un'altra ora, perciò fino alle 12:11. La multa però. come testimonia la seguente foto, è arrivata alle 11:17, perciò non nei 3 minuti di "scoperto". La polizia municipale sostiene di non aver ricevuto alcun SMS, ma la multa (che ammonterebbe a 41 euro e riducibile a 28,70 con pagamento entro 5 giorni) ovviamente non è stata pagata, risultando chiaro l'errore. Angelo Formichella, presidente Essegiemme, ha dichiarato che potrebbe trattarsi di un ritardo del gestore a comunicare a Essegiemme l'invio del secondo SMS. Ad oggi c'è stato solo un disservizio, tra l'altro analogo a questo. Probabilmente anche in questo caso si tratta di un ritardo di comunicazione tra operatore telefonico ed Essegiemme, niente a cui non si possa porre rimedio. Se ci sono responsabilità, non ci siamo mai tirati indietro. Vogliamo dare un servizio, non certo fare i pidocchiosi. Tra l'altro, dai primi riscontri che abbiamo, ci sembra che stia andando tutto bene e che i cittadini apprezzino questa opportunità. Faremo un bilancio più puntuale quando scatterà il primo mese, ma siamo soddisfatti e il servizio funziona anche fuori dalle mura. Foto: Notizie di Prato

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 nov 2016

Basta spiccioli per il parcheggio! Da oggi basta un sms

di Cristina Betti

Da lunedì 24 ottobre sarà possibile pagare il parcheggio anche con un sms, carta di credito, bancomat e carta prepagata. I nuovi parcometri installati nel centro storico pratese, oltre a mantenere la classica modalità di pagamento in contanti, permetteranno agli utenti di pagare la sosta con bancomat, carta di credito e sms, senza registrarsi al servizio. Il funzionamento del nuovo servizio, sviluppato dalla società A-Tono, è molto semplice: con un sms al numero 4 899 899 sarà possibile effettuare il pagamento della sosta; un ulteriore sms avviserà l'utente 5 minuti prima della scadenza del biglietto, permettendo di prolungarla ulteriormente con un altro sms. Unica cosa da ricordare: il numero di targa del proprio veicolo, che andrà scritto nell'sms oppure digitato al momento del pagamento. L'ausiliare del traffico sarà in grado di verificare la validità della sosta fotografando la targa del veicolo con il proprio palmare. La tariffa del parcheggio rimane quella attualmente in vigore, mentre i costi di gestione sono a carico di Essegiemme, ad esclusione del costo di invio dell'sms che dipenderà dalla tariffa in vigore con l'operatore telefonico (Tim, Vodafone, Wind e Tre). Il nuovo servizio di pagamento con sms è esteso anche nelle aree in cui sono assenti i nuovi parcometri: in quelli vecchi saranno infatti presenti le istruzioni per effettuare il pagamento via telefonino. Ai 45 dispositivi installati di ultima generazione, previsti nel piano di ammodernamento urbano, se ne aggiungeranno presto altri 25, con un investimento di 100mila euro previsto per il 2017. «Tecnologia e mobilità devono integrarsi sempre di più – ha detto l’assessore alla mobilità Alessi – Attraverso uno strumento semplice e di uso comune da parte di tutti come l’sms rendiamo più facile parcheggiare e prolungare la sosta, andando incontro alle sollecitazioni che più volte sono nate proprio su questa esigenza di prolungare la sosta oltre quel che si era pensato all’inizio senza dover correre a stampare un nuovo ticket o a rimuovere l’auto per non incorrere nella multa»  

Leggi tutto    Commenti 0