Articolo
21 nov 2018

Count up, l’Orologio della Costituzione torna al suo posto

di Mobilita Prato

Si sono conclusi i lavori di restauro dell'opera "Count up", il monumento di piazza dell'Università conosciuto come "Orologio della Costituzione" e ideato dall'artista Alessandra Andrini. Un restauro complesso per l'orologio che conta il tempo trascorso dal 27 dicembre 1947, quando fu promulgata la Costituzione ad opera del Capo dello Stato provvisorio Enrico De Nicola. "Questo lungo ma puntuale intervento di restauro ha permesso di restituire alla città un'opera importante senza dover rinunciare al meccanismo originale e anche alla sua collocazione in piazza dell'Università - sottolinea il sindaco Matteo Biffoni -. Count up è un'opera particolare, densa di significato, un promemoria per ciascuno di noi sul valore della Costituzione". Da un esame accurato fatto sull’opera dai restauratori, la ditta Angelinoartworks di Roletto (Torino), insieme con l’artista Alessandra Andrini, è emerso che nonostante le oggettive difficoltà a ripristinare il movimento elettromeccanico dell’opera, poteva essere fatto un tentativo. La volontà dell’artista infatti è sempre stata quella di mantenere il meccanismo originale. Per fare ciò sono state recuperate le palette dei secondi ed una nuova scheda elettronica, mentre per testare il movimento è stato realizzato un nuovo software. Al termine dei lavori di restauro è stato avviato per alcuni mesi un test per verificare l’affidabilità del meccanismo soprattutto in caso di esposizione al sole. Visti i buoni risultati sono stati presi alcuni accorgimenti per garantire una ventilazione adeguata all'interno del cassone, la posa della scheda madre in zona protetta dagli agenti atmosferici e dagli sbalzi di temperatura e il fissaggio del policarbonato esterno per evitarne lo spostamento. L'intervento di restauro ha avuto un costo di circa 20mila euro. "La collaborazione tra l'artista Alessandra Andrini, puntuale nelle sue osservazioni e nei suggerimenti, e la ditta di restauro che già si era occupata della prima installazione dell'opera, ha permesso di ottenere il risultato ottimale. - spiega l'assessore alla Cultura Simone Mangani - Chiudiamo idealmente l'anno del 70° anniversario dall'entrata in vigore della Costituzione". Foto di copertina TV PRATO

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 nov 2018

Pista ciclopedonale, lunedi inizieranno i lavori per il posizionamento dell’arcata del Ponte Manetti

di Mobilita Prato

Lunedì inizieranno i lavori per il posizionamento dell'arcata del Ponte Manetti, dando così la svolta decisiva per la realizzazione del nuovo ponte ciclo-pedonale dove tuttora sorgono i due portali in pietra dello storico “Ponte Leopoldo II” sull’Ombrone, realizzato nel 1833 su progetto di Alessandro Manetti e distrutto dalle truppe tedesche nel 1944. La struttura metallica sarà lunga complessivamente 50 metri e costituita da tre elementi che saranno realizzati in officina, trasportati in cantiere e montati in opera per mezzo di gru. La struttura portante sarà in metallo e il rivestimento della passerella in legno. Il progetto rientra tra gli interventi previsti per il Parco agricolo della Piana ed è stato finanziato dalla Regione Toscana con un investimento di 750.000 € con il recupero dei vecchi bastioni e del nuovo ponte di acciaio e legno.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 nov 2018

Lavori al manto stradale in un tratto di via Roma, i divieti e le deviazioni

di Mobilita Prato

Per consentire l'esecuzione di lavori di risanamento del manto stradale e di rifacimento del tappeto d'usura in Via Roma, nel tratto compreso tra il civico 607/f e l'intersezione con Via Albano Laziale, dalle 7 di martedì 20 novembre e non oltre le 18 di giovedì 22 novembre sarà attivo il divieto di sosta e il restringimento della carreggiata in via Roma nel  tratto compreso tra il civico 607/f e l'intersezione con Via Ostia. In Via Roma, nel tratto compreso tra l'intersezione con Via Ostia e l'intersezione con Via Albano Laziale sarà attivo il divieto di sosta e il senso unico con direzione da Via Albano Laziale verso Via Ostia, oltre al restringimento della carreggiata. Durante la fase di senso unico di circolazione del suddetto tratto di Via Roma il traffico veicolare proveniente dal lato di Poggio a Caiano con direzione centro città sarà deviato in Via Ostia, Via Albano Laziale e Via Roma.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 nov 2018

Piano di recupero Cap, partito il cantiere a Le Badie

di Mobilita Prato

Ha preso il via il cantiere del Piano di recupero Cap con il quale il Comune va a riqualifcare un'ampia area in zona Le Badie compresa tra via de Sanctis, via delle Badie, via Edison e via del Lazzaretto. Il sindaco Matteo Biffoni e l'assessore Filippo Alessi hanno fatto questa mattina il sopralluogo insieme con il presidente della Commissione 4 Massimo Carlesi e i vertici della Cap, il presidente Giuseppe Gori e il direttore Alberto Banci. «Con questo piano finalmente si dà una duplice risposta ai residenti de Le Badie, con la soluzione della mancanza di posti auto e una riqualificazione ambientale» ha ricordato il sindaco Matteo Biffoni . «Entro la prossima primavera saranno terminati i lavori che comprendono anche la realizzazione della pista ciclabile, la sistemazione di tutto l'asse stradale, 170 nuovi posti auto e la piantumazione di alberi di tre diverse altezze per 8mila mq di verde». Un progetto che per l'assessore Filippo Alessi permetterà di dare nuovo volto al quartiere: "Nella zona abbiamo fatto e stiamo portando avanti diversi piccoli interventi sia sui giardini di viale Ferraris, sia nelle aree a verde su via delle Fonti e via delle Badie, oltre che sulla viabilità con la realizzazione degli attraversamenti pedonali luminosi in viale Ferraris. Con questo spazio e la risistemazione dell'asse stradale diamo una risposta importante sul fronte della mobiltà, anche dolce, e della carenza di parcheggi lamentata da tempo nella zona". I lavori rientrano nel piano di recupero urbanistico che interessa anche la riqualificazione dello storico edificio della Cap in via del Romito, la costruzione degli uffici nell'area dell'officina meccanica((originariamente erano previsti il centro direzionale e il centro congressuale). "Con la commissione 4 abbiamo fatto un lavoro importante affinchè il progetto rispondesse al meglio alle esigenze dei residenti - sottolinea il presidente di commissione Massimo Carlesi -. Rispetto al progetto originario sono molti i miglioramenti, con più parcheggi e più verde". La vasta area compresa tra via de Sanctis, via delle Badie, via Edison e via del Lazzaretto, che si estende per circa 15.600 metri quadri. L'intervento prevede la rimodulazione di tutta la viabilità limitrofa. Questo lotto di intervento prevede la realizzazione di due parcheggi, uno nella parte nord e uno nella parte sud, per un totale di quasi 170 nuovi posti auto, per dare risposta alla mancanza di parcheggi nella zona; inoltre sarà realizzata un'area a verde verde pubblico e spazi alberati per un totale di circa 8mila metri quadri. Infine verrà fatta una rivisitazione della viabilità per rendere più agevole e sicuro il transito. Il parcheggio a nord, pubblico e accessibile da via delle Badie, sarà dotato di aiuole a verde intervallate agli stalli delle auto che consentiranno l'inserimento di impianti luce e di alberature, per permettere un benefico ombreggiamento delle auto. Nella parte centrale di verde verranno piantumate circa 180 alberature a medio e alto fusto. Il parcheggio è stato costruito seguendo un modello già ampiamente diffuso in Europa per evitare la creazione di isole di calore quando la temperatura è molto alta. L'altro parcheggio pubblico, con accesso da via de Sanctis, verrà costruito sulla restante porzione meridionale del lotto. Anche le aree di confine, immediatamente a sud del parcheggio, verranno destinate a verde pubblico con folte alberature distribuite su una superficie di circa 8000 metri quadri. In totale verranno quindi piantate circa 400 nuove piante. La nuova area sarà interamente circondata da una pista ciclabile che collegherà la parte nord a quella sud andandosi a ricongiungere poi con le piste già presenti in viale Ferraris, completando così il collegamento del quartiere con il centro storico. Infine, verrà rivista interamente la viabilità. La sede stradale di via De Sanctis sarà spostata di un metro e mezzo dalle abitazioni e verrà realizzato un ampio marciapiede corredato da alberature. Inoltre, verrà ampliata la rotonda presente sull'incrocio con via delle Badie per rendere più agevole e sicuro il transito. Un'ulteriore rotonda verrà realizzata all'incrocio fra via De Sanctis e via del Lazzeretto, permettendo così l'eliminazione dello stop per chi proviene da est per rendere l'attuale incrocio più sicuro. I lavori, interamente a carico della Cap per un totale di quasi 900.000 euro, saranno terminati entro la primavera 2019.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 nov 2018

Rotatoria tra viale Allende e via Orione, divieti e deviazioni per installazione di stazione radio

di Mobilita Prato

Allo scopo di consentire l'installazione di un'area di cantiere nonché lo stazionamento dei mezzi adibiti alla realizzazione di una stazione radio base per conto di Iliad Spa all'interno dell'area d'intersezione regolata a rotatoria tra Viale Salvador Allende e Via Orione, da domani, sabato 10 vovembre, fino al termine dei lavori e comunque non oltre venerdì 30 novembre, saranno adottati alcuni provvedimenti al traffico. Nell’area della rotatoria si avrà un restringimento della carreggiata con strettoia asimmetrica a sinistra e limite di velocità di 10 chilometri orari. Nella giornata di domenica 11 novembre (o in caso di avverse condizioni meteo la domenica successiva, 18 novembre), su entrambe le carreggiate di viale Allende, compresa l’area della rotatoria con via Orione, sarà attivo il divieto di transito. Durante questa fase dei lavori, il traffico veicolare proveniente dal lato di Viale Sedici Aprile 1992-Via Cava con direzione Viale L. Da Vinci/Prato Nord sarà deviato in: Via Cava, Via di Pontalto, Via di San Giusto, Via Galcianese, Via F. Braudel, Viale L. da Vinci -- oppure -- Via Cava, Via Traversa Pistoiese, Via di Reggiana, Via Tobbianese, Via O. Nesi, Via della Chiesa di Capezzana, Via dell'Organo, Via U. Foscolo, Via Suor Niccolina Infermiera e Viale Nam Dinh. Il traffico veicolare proveniente dal lato di Via Orione con direzione Via Cava-Viale Sedici Aprile 1992 sarà deviato in: Via Orione, Via delle Pleiadi, Via di Reggiana, Via di San Giusto, Via di Pontalto, Via Cava e Viale Sedici Aprile 1992. Il traffico veicolare proveniente dal lato di Via Orione con direzione Viale L. da Vinci-Prato Nord sarà deviato in: Via Orione, Via delle Pleiadi, Via di Reggiana, Via di San Giusto, Via Galcianese, Via F. Braudel, Viale L. da Vinci, oppure Via Orione, Via delle Pleiadi, Via di Reggiana, Via Tobbianese, Via O. Nesi, Via della Chiesa di Capezzana, Via dell'Organo, Via U. Foscolo, Via Suor Niccolina Infermiera e Viale Nam Dinh. Il traffico veicolare proveniente dal lato di Viale Chang Zhou sarà deviato in: Viale L. da Vinci, Via dei Trebbi, Via delle Caserane, Via Castruccio, Via A. Manzoni, Via Paronese e Viale Sedici Aprile 1992, oppure Viale L. da Vinci, Via Abbe Pierre, Via Reggiana, Via San Giusto, Via di Pontalto, Via Cava e Viale Sedici Aprile 1992. Il traffico veicolare proveniente dal lato di Viale L. da Vinci sarà deviato in: Viale L. da Vinci, Via Abbé Pierre, Via Reggiana, Via San Giusto, Via di Pontalto e Via Cava. Il traffico veicolare proveniente dal lato di Via Reggiana con direzione Viale Sedici Aprile 1992 sarà deviato in: Via Traversa Pistoiese, Via Cava e Viale Sedici Aprile 1992, oppure Via Reggiana, Via San Giusto, Via di Pontalto e Via Cava. Il traffico veicolare proveniente dal lato di Via Reggiana con direzione Viale L. da Vinci-Prato Nord 1992 sarà deviato in: Via di Reggiana, Via di San Giusto, Via Galcianese, Via F. Braudel, Viale L. da Vinci , oppure Via di Reggiana, Via Tobbianese, Via O. Nesi, Via della Chiesa di Capezzana, Via dell'Organo, Via U. Foscolo, Via Suor Niccolina Infermiera e Viale Nam Dinh. Altri provvedimenti minori che interesseranno via di Reggiana e via Orione saranno appositamente evidenziati con apposita segnaletica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 nov 2018

Partiti i lavori all’ex fabbrica Forti in via Giordano/via Bonicoli

di Mobilita Prato

Partiti i lavori all'ex fabbrica Forti in via Giordano/via Bonicoli, bellissimo esempio di archeologia industriale nel cuore del Macrolotto Zero che sarà completamente ristrutturato e trasformato nel mercato coperto  E' il Mercato metropolitano del Macrolotto Zero il primo cantiere in Toscana a partire nell'ambito dei progetti del Piano di Innovazione Urbana varato dalla Regione Toscana e finanziato in totale con 46 milioni di euro provenienti dal Programma operativo regionale ( Por) del Fondo europeo di sviluppo regionale ( Fesr) 2014-2020. Un primato che consegue al primo posto nella graduatoria del bando regionale PIU del 2016, e che si è tradotto in oltre  8 milioni di euro di finanziamento, di cui 6.031.666,85 di contributi regionali, e più di 2 milioni di investimenti comunali. A soli due anni di distanza, i lavori nell'ex fabbrica Forti sono già stati avviati dalla ditta appaltarice, la Laudante Costruzioni di Perugia: stamani 5 novembre si è tenuto il sopralluogo sul cantiere da parte del sindaco Matteo Biffoni, dell'assessore regionale alle Infrastrutture Vincenzo Ceccarelli e dell'assessore comunale all'Urbanistica Valerio Barberis. Erano presenti anche i progettisti Michela Brachi, Massimo Fabbri e Alessandro Pazzagli, il direttore ei lavori Carlos Gustavo Loggia, il responsabile della Sicurezza Andrea Landi e il costruttore Beniamino Laudante. Nei 900 mq di questa ex follatura, nascosta in un dedalo di capannoni produttivi e in stato di abbandono da anni, nascerà un mercato coperto dedicato ai prodotti a km zero e alle eccellenze del territorio, aperto dalla mattina a tarda sera non solo per fare la spesa, ma anche per degustazioni ed eventi di vario genere. Con quattro grandi aperture si affaccerà su via Giordano e sarà connesso con percorso ciclopedonale sia al centro città, distante pochi minuti, e agli altri due tasselli pratesi del Piano di Innovazione Urbana, la Medialibrary di via Filzi, i cui lavori partiranno la prossima settimana, e l'area playground di via Colombo, alla vigilia della gara d'appalto. Molto ampio l'interesse suscitato dall'opera: alla procedura di assegnazione bandita dal Comune hanno partecipato oltre 260 imprese costruttrici provenienti da tutta Italia. "E' uno dei grandi interventi che cambierà il volto della città rendendola più bella, moderna ed europea - afferma il sindaco Biffoni - Fin da subito abbiamo lavorato al rilancio di questa area e rallentati dai tempi della burocrazia italiana arriviamo oggi alla partenza dei lavori. L'obiettivo è riqualificare il Macrolotto 0, un'area interamente privata a ridosso del centro storico, dandogli nuove funzioni pubbliche che miglioreranno la vivibilità. Non secondario poi il recupero di ex edifici produttivi dismessi che si trasformeranno in luoghi pubblici di incontro e svago". Il Macrolotto 0 si estende per circa 44 ettari, senza alcuna area pubblica, e malgrado la collocazione relativamente centrale, la zona presenta le caratteristiche della periferia: degrado edilizio e urbanistico, carenza di spazi di uso pubblico, sotto-dotazione di servizi alla persona, strade senza sfondo e altre barriere fisiche (a nord la ferrovia, ad ovest la tangenziale. Gli interventi del progetto del PIU sono ubicati nel cuore pulsante del quartiere,  tra via Filzi, via Pistoiese e via Colombo: "Questo progetto rappresenta un modello di rigenerazione attraverso finaziamenti pubblici di un quartiere che prima era uno dei motori produttivi della città e oggi presenta vari edifici in stato di degrado - aggiunge l'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli - Al posto di capannoni industriali abbandonati sorgeranno spazi pubblici con valenza culturale, ricreativa e commerciale. Questo aumenterà anche la percezione di sicurezza, che non dipende solo da quanti poliziotti vi sono in zona, ma anche dalla socialità e dalle attività che vi si svolgono. Quindi un modello di riqualificazione a 360° che comporterà anche maggiore qualità della vita e dell'abitare». «I progetti sono frutto di un lavoro intenso, partito dall'acquisizione delle aree private (ndr attraverso le perequazioni degli spazi derivanti da altri interventi edilizi) - La prossima settimana avvieremo anche le opere per realizzare la medialibrary e spazio co-working nell'ex fabbrica Pieri ed entro due mesi anche il playground. Otto milioni di finanziamenti regionali e comunali per tre progetti che faranno da starter per  trasformare il Macrolotto Zero nel distretto creativo dell'area vasta, questo è il nostro obiettivo. E le aziende hanno già manifestato il proprio interesse». I lavori per il Mercato metropolitano termineranno tra agosto e settembre 2019: prima della fine delle opere il Comune pubblicherà un bando per l'assegnazione degli spazi. Ti potrebbe interessare: Macrolotto Zero, aggiudicati i lavori per medialibrary e mercato coperto

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 nov 2018

Approvato il progetto per la realizzazione di attraversamenti semaforizzati per non vedenti.

di Mobilita Prato

La giunta ha approvato il progetto defintivo per la realizzazione di ulteriori attraversamenti semaforizzati, in varie zone della città, adeguati alle esigenze dei non vedenti. Il progetto prevede interventi di miglioramento della sicurezza stradale attraverso l'installazione di un dispositivo di richiesta di via libera all'impianto semaforico esistente e di uno di emissione del segnale sonoro di via. Il progetto prevede inoltre l'installazione e l'armonizzazione del percorso tattile per disabili visivi, l'adeguamento degli impianti semaforici e il miglioramento dell'impianto di segnaletica orizzontale e verticale esistente finalizzato ad una maggior ottimizzazione degli spazi. Gli interventi proposti sono in intersezioni risultate particolarmente pericolose per i disabili, o su percorsi di interesse pubblico sociale o di collegamento con uffici pubblici, tutti già segnalati anche nell'ambito del progetto "vigile in carrozzina". Le intersezioni coinvolte: via Firenze - via di Gonfienti; via Roma - via G. Parini; via Strozzi - via Marini - via di Filicaia; via Pistoiese - via Valdingole; via Pieraccioli - via Matteo degli Organi - via Costa; via Liliana Rossi - via Tagliamento. Il progetto ha un costo complessivo di 120 mila euro. Il Comune ha partecipato ad un bando del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e, nel caso in cui venga accolta l'istanza, il 50% dei costi per la realizzazione del progetto sarà a carico dello Stato. Il restante 50% invece sarà a carico del Comune.

Leggi tutto    Commenti 0