Articolo
17 mag 2018

Un weekend dedicato al Castello dell’Imperatore per le Giornate nazionali dei Castelli

di Mobilita Prato

Saranno dedicate al Castello dell'Imperatore le iniziative organizzate in occasione della 20a edizione delle Giornate nazionali dei Castelli dalla Sezione Toscana dell'Istituto Italiano dei Castelli, con il patrocinio del Comune di Prato e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Sabato 19 dalle 16.45 alle 18 si terrà in Palazzo Pretorio la conferenza con dibattito dal titolo "Il Castello dell'Imperatore: architettura piombante normanna in Toscana". Presenterà la conferenza il professor Domenico Taddei, architetto e membro del consiglio scientifico nazionale dell'IIC. Domenica 20 sarà possibile visitare gratuitamente con l'accompagnamento di una guida il Castello dell'Imperatore: saranno organizzati due gruppi, uno per le ore 16 e uno per le 18, con partenza dal giardino di Palazzo Banci Buonamici. Lì sarà possibile osservare i resti del lastricato e della casa-torre del Castrum Prati, l'antico villaggio fortificato sorto fra l'attuale Piazza delle Carceri e via Ricasoli che assieme al nucleo di Borgo al Cornio diede origine alla città di Prato; successivamente i gruppi si sposteranno in Piazza delle Carceri per visitare gli interni sia del Castello dell'Imperatore che della chiesa di Santa Maria delle Carceri, proseguendo in seguito verso il Cassero. L’ingresso al Castello e alla Chiesa è libero, salvo concomitanza di funzioni religiose. Il costo della guida per la visita guidata è a carico della Sezione Toscana dell’Istituto Italiano dei Castelli; le visite sono solo su prenotazione, chiamando lo 0574 38207 o scrivendo a operatori.castello@gmail.com entro le ore 13 del 20 maggio, fino ad un massimo di 30 persone a visita. Il Castello dell'Imperatore, la cui costruzione risale al sec. XIII, è l’unica struttura fortificata medioevale che fa riferimento alla straordinaria stagione di Federico II di Svevia che tra le altre iniziative che lo caratterizzano (culturali, politiche, ornitologiche e architettoniche) è stato un grande costruttore di castelli e di fortificazioni: Lucera, Trani, Lagopesole, Castel del Monte. Viene attribuita a lui l’iniziativa della costruzione di questa grandiosa fortificazione posizionata su una "motta"; sistema tipico, non solo della cultura svevo-normanna, ma anche inglese-sassone (vichingha). Inoltre con le semplici e pure forme delle cortine e delle torri quadrate ( venustas) situate nel suo perimetro fa conoscere precisamente la tipologia dell’architettura fortificata piombante nei suoi stilemi più facilmente leggibili rappresentando un unicum non solo nell’architettura fortificata medioevale presente in Toscana, ma anche in comparazione con quella straordinaria presente in Puglia, in Sicilia e in Lucania (Basilicata). Il castello ha pianta quadrata, con lati di circa 40 metri, potenziata agli angoli da torrioni anch'essi a pianta quadrata; altre torri si inseriscono a metà dei lati. Le robuste murature, spesse due metri e mezzo, hanno paramento regolare in alberese e sono coronate da una omogenea merlatura 'a coda di rondine'. Di particolare suggestione il portale d’ingresso, bell'esempio della composita cultura federiciana, con richiami alla tipica bicromia toscana romanico-gotica, al gotico con i capitelli sormontati da leoni ed alla cultura classica con i due semipilastri che sostengono il coronamento a timpano. Negli ultimi decenni, dopo secoli nei quali il Castello fu adibito a molteplici usi, il Comune ha realizzato interventi di restauro che hanno ricostituito l’immagine e l’aspetto originari dell’edificio, rendendolo fruibile al pubblico.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 mar 2018

Allerta arancione per il vento, domani chiusi parchi, cimiteri e impianti sportivi all’aperto

di Mobilita Prato

Allerta arancione per forte vento su Prato, dalla mezzanotte fino alle 17 di domani. E' quanto prevede l'ultimo bollettino delle criticità meteo emesso dal Centro Funzionale della Regione Toscana, con una criticità suddivisa in fasce orarie: dalle 18 di oggi, martedì 20, fino alla mezzanotte il codice è giallo. Dalla mezzanotte fino alle 17 di domani, mercoledì 21 marzo, l'allerta è maggiore e il codice è arancione. Dalle 17 di domani, mercoledì 21, fino alla mezzanotte di nuovo codice giallo. Secondo le previsioni fin da questa sera, martedì 20 si svilupperanno condizioni di “forte vento” di Grecale (provenienza da Nord-Est) che andranno ad interessare tutta la Regione. Nel corso della notte e per gran parte della giornata di domani, mercoledì 21, il vento potrà subite una ulteriore intensificazione con possibili raffiche a velocità variabile fra i 70 e gli 80 Km/h nelle zone di pianura (anche sul territorio del nostro Comune) e oltre i 100 Km/h sui crinali appenninici settentrionali. Alla luce delle previsioni dalla mezzanotte fino alle 17 di domani mercoledì 21, quindi periodo di validità della criticità a codice colore “Arancione” individuata dal Centro Funzionale della Regione Toscana, il sindaco ha disposto: la chiusura dei parchi e dei giardini pubblici; la chiusura di tutti i cimiteri cittadini sia pubblici che privati; la chiusura degli impianti sportivi all’aperto o coperti da tensostrutture e/o “palloni”; la chiusura delle piste ciclabili cittadine; L’intero Sistema di Protezione Civile cittadino ha attivato già dal pomeriggio di oggi il proprio livello operativo di “attenzione". Tutti gli aggiornamenti sul sito della Protezione civile www.protezionecivile.comune.prato.it/emergenze

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 feb 2018

Rifacimento tappeto d’usura di via Galileo Galilei

di Mobilita Prato

Allo scopo di consentire l'esecuzione di lavori di risanamento del manto stradale e di rifacimento del tappeto d'usura Viale Galileo Galilei, nel tratto compreso tra il civico 25 e l'intersezione regolata a rotatoria con Via F. Targetti/Ponte F. di Marco Datini,  dalle ore 06:00 del giorno 06 FEBBRAIO 2018 fino al termine dei lavori e comunque non oltre le ore 18:00 del giorno 08 FEBBRAIO 2018, nel sotto elencato viale siano adottati i seguenti provvedimenti alla viabilità: Viale Galileo Galilei, nel tratto compreso tra il civico 25 e l'intersezione regolata a rotatoria con Via F. Targetti/Ponte F. di Marco Datini; DIVIETO DI SOSTA CON RIMOZIONE FORZATA SU AMBO I LATI, apponendo conforme e idonea segnaletica stradale di divieto: divieto di sosta con pannelli integrativi di validità e di rimozione forzata; Viale Galileo Galilei, a partire dall'intersezione regolata a rotatoria con Via J. Louis Protche e per una lunghezza di circa ml.50,00 in direzione di Piazza del Mercato Nuovo: Deviazioni trasporto pubblico LINEA V, direzione Val di Bisenzio: da Viale G. Galilei deviazione in: Via J.L. Protche, Piazza G. Ciardi, Via A. Franchi, Via C. Battisti, Via Bologna, Via Mozza, Via Mozza sul Gorone, Via F. Targetti e Viale G. Galilei da dove riprenderà il percorso ordinario; LINEA 11, direzione Stazione: da Piazza G. Ciardi deviazione in: Piazza G. Ciardi, Via A. Franchi, Via C. Battisti, Via Bologna, Via Mozza, Via Mozza sul Gorone, Via F. Targetti e Ponte F. di Marco Datini da dove riprenderà il percorso ordinario. Durante le deviazioni i mezzi del trasporto pubblico locale effettueranno, a richiesta, fermata presso tutte le paline esistenti sui percorsi deviati.      

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 giu 2017

Investimenti per strade più sicure

di Alessandra Santoni

Erano circa 3,5 i milioni messi a disposizione dal bando regionale per la sicurezza stradale pubblicato a fine 2016 e scaduto lo scorso 16 febbraio: i progetti previsti saranno efficaci e velocemente "cantierabili" (entro il 1 luglio 2017), e ne beneficeranno 59 enti, tra comuni e province:  presente anche il territorio pratese, per un totale di 748.900 euro di investimenti. In particolare: il Comune di Cantagallo (destinati 40.000 euro) installerà nuovi semafori sulla sr 325 nel centro abitato di Carmignanello; sempre sulla sr 325, il Comune di Vernio (destinati 120.000) metterà in sicurezza il tratto che attraversa la frazione di Terrigoli. il Comune di Prato (destinati 75.000 euro) interverrà in via Ferrucci per aumentare accessibilità e sicurezza. Ilaria Bugetti e Nicola Ciolini, consiglieri regionali Pd, commentano i futuri interventi: Risorse importanti, che andranno a coprire le esigenze di alcuni tratti viari che presentano un maggiore rischio di incidenti. L’assegnazione delle risorse del bando regionale costituisce una boccata d’ossigeno per quelle amministrazioni comunali che avevano programmato interventi e non avevano risorse disponibili. Gli investimenti sulla sicurezza stradale sono il mantenimento di un impegno che la Regione vuole mantenere e le statistiche ci dicono che i risultati di questo lavoro cominciano a vedersi, visto che diminuiscono gli incidenti. Altra cosa importante delle risorse assegnate dalla Regione ai comuni di Prato, Vernio e Cantagallo è il fatto che esse vanno a finanziare progetti già pronti, cioè tutti cantierabili entro il 1 luglio 2017. Vogliamo ringraziare l’assessore regionale per il lavoro fatto e la sensibilità dimostrata nei confronti dei comuni interessati. Fonte: Notizie di Prato

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mag 2017

Nuove telecamere di sicurezza per la val di Bisenzio

di Alessandra Santoni

Entro la fine del 2017 la val di Bisenzio avrà un nuovo sistema di videosorveglianza: il progetto di controllo delle entrate e uscite dall'area è ormai quasi completato e presto verrà pubblicato il bando per la realizzazione dei lavori. L’ idea è nata nel 2014 e ora, grazie alla collaborazione dei presidenti dell’Unione dei Comuni e a un finanziamento di 20 mila euro della Regione, sta diventando realtà. Sono otto gli accessi individuati, e saranno collocati nei quattro punti cardinali. Una parte delle telecamere sarà posizionata lungo la strada statale 325, altre a Schignano, Montecuccoli, Montepiano e Fossato: potranno leggere la targa delle autovetture e, in caso di segnalazioni, avvertire immediatamente le forze dell’ordine trasmettendo le immagini alla sede della Polizia municipale della val di Bisenzio. La richiesta di monitoraggio è stata sollevata da un gruppo di cittadini in seguito a una serie di furti e all’inevitabile fuga dei ladri verso il bolognese o il pistoiese. Con questo sistema si spera che la situazione sia finalmente sotto controllo: E’ venuto il momento di dare un’accelerata a questo progetto, – ha spiegato il presidente dell’ Unione dei comuni della val di Bisenzio Primo Bosi - che non solo renderà la valle più sicura dal punto di vista della criminalità, ma anche da quello automobilistico: il sistema è in grado anche di leggere se la vettura è assicurata. Foto: Notizie di Prato

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mag 2017

Corsi di cultura generale del Comune: quando ripartiranno?

di Alessandro Gori

Non se ne ha notizia da quasi un anno, così alcuni docenti hanno scritto al Comune.  I corsi di cultura generale, gran calderone dove si infila un po' di tutto, dalle lingue, alla musica, passando per il fai-da-te e la fotografia, sono stati per anni un'interessante proposta formativa dell'Amministrazione locale, declinata nelle sue realtà più vicine ai cittadini: le circoscrizioni. Ma dal 1° gennaio 2017 le Circoscrizioni dei Comuni sotto i 250mila abitanti sono state abolite, quindi è venuto meno il promotore e organizzatore principale dei corsi per il tempo libero. Peraltro la gestione dei corsi era ormai passata dalle circoscrizioni all'assessorato alla cultura già nel 2015, sulla linea del progressivo svuotamento di funzioni delle prime. La situazione ha preoccupato gli insegnati dei corsi che hanno scritto una lettera all'assessore Mangani, dove si legge: "L'organizzazione dei corsi è stata tolta alla circoscrizioni e affidata all'assessorato alla cultura. Per qualche mese l'attività è andata avanti, ma poi, dal 2016 è stata sospesa senza che nessuno desse spiegazioni né a noi né ai numerosi partecipanti. Sospendere questa attività è sicuramente un errore: si rischia di non dare più un servizio ai pratesi e di disperdere un patrimonio di conoscenze che è stato costruito in tanti anni". Inoltre: "Quest'anno si è verificato uno stop totale e forse definitivo. Si parla in realtà di una sospensione. Se ne parla, appunto, perché nessuna comunicazione pubblica e ufficiale è arrivata dal Comune di Prato. Tante persone coinvolte e neppure un'informativa sulla soppressione o momentanea interruzione delle attività! Neppure l'accenno a un minimo di interlocuzione, magari per valutare l'ipotesi di un'alternativa". L'assessore Mangani ha replicato a stretto giro: "Non sono stati affatto soppressi, ma la competenza è passata al servizio bibliotecario dal primo di marzo, gli uffici stanno lavorando per far ripartire al più presto i corsi. Presto inizieremo anche la programmazione per il prossimo anno." A questo punto dobbiamo solo aspettare nuove notizie e capire quando e in quale entità avranno luogo i nuovi corsi. A questo indirizzo la pagina ufficiale del Comune per rimanere aggiornati: Corsi Cultura  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 mag 2017

Salvabici: al Serraglio puoi “punzonare” la tua bicicletta

di Alessandra Santoni

Ormai è abbastanza noto che a Prato sai dove parcheggi la bici, ma non sai se ce la ritroverai. Per questo è stata lanciata online la nuova campagna Salvabici, realizzata dall'assessorato alla Mobilità in collaborazione con Consiag Servizi Comuni e l'assessorato all'Ambiente. L'iniziativa prevede la punzonatura delle biciclette in modo da renderle rintracciabili in caso di furto o smarrimento: la bici infatti viene marcata sul telaio con un codice alfanumerico associato al proprietario, e affiancato poi da un'etichetta con la scritta “Prato-Bici registrata”.  Per usufruire del servizio basta compilare un modulo inserendo i propri dati anagrafici e creando una "carta di identità" della propria bicicletta: modello, colore, marca e numero di telaio se presente. Ogni modulo di richiesta riporterà lo stesso codice a barre alfanumerico punzonato sul telaio della bicicletta: tutti questi dati , gestiti da Consiag Servizi Comuni, saranno poi inseriti nel computer generando un tesserino da consegnare al proprietario al momento della marcatura. Putroppo la punzonatura non rende più sicuro il posteggiare la bici per strada, ma può sicuramente dissuadere il ladro dal rubarla, essendo un mezzo rintracciabile. È possibile marcare la propria bicicletta presso il parcheggio del Serraglio il giovedì pomeriggio dalle 14.30 alle 17.30, solo su appuntamento. Il costo per la punzonatura è di 5 euro a bicicletta mentre la tariffa per il posteggio della bicicletta presso il parcheggio del Serraglio è di 0,20 euro al giorno. Per prenotare un appuntamento basta chiamare il numero 0574 401621, e per avere maggiori informazioni, potete visitare la pagina dedicata sul sito del Comune. Foto: Il Tirreno

Leggi tutto    Commenti 0