Articolo
23 mar 2017

Polemiche per i lavori per la passerella pedonale: sensate o sterili?

di Alessandra Santoni

La giornata di lunedì 20 marzo è stata ricca di polemiche: da parte di chi si è trovato in auto nella zona ovest di Prato dalle 9.00 alle 16.00, ed ha impiegato circa un’ora e mezza per percorrere tre chilometri. Infatti la chiusura delle corsie di marcia di via Allende, la tangenziale ovest, in entrambe le direzioni di marcia, dalla rotonda di via Orione alla rotonda di via Cava, per consentire il collaudo della passerella pedonale, ha provocato un maxi-ingorgo. Ovviamente, c'è subito chi ha posto la classica domanda "Ma perché questi lavori su una delle strade più trafficate di Prato non li fanno di notte, invece che nelle ore di punta?" Il maxi ingorgo di ieri ha intrappolato anche un consigliere comunale dell'opposizione, Giorgio Silli che, sulla sua pagina Facebook, ha ironizzato: E quindi chiudete la tangenziale che collega Prato con Tobbiana, Iolo, Tavola, Seano ecc. all'ora di pranzo e nell'ora di punta. Questo sicuramente crea consenso. Per noi. Ma la risposta dell’assessore alla Mobilità Filippo Alessi è arrivata subito. Di notte non è possibile eseguire i lavori perché è un intervento delicato dove è necessario controllare le tarature che al buio non si vedono. Calendarizzare il collaudo in un giorno festivo significa pagarlo il doppio. E parliamo sempre di soldi pubblici. Del lavoro è stata data ampia informazione su giornali, siti, tv e sui pannelli luminosi delle strade. Quel tratto poteva essere evitato, le alternative c'erano. In questo anno stiamo assistendo a numerosi progetti che stanno portando Prato in una dimensione sicuramente più "virtuosa" e, possiamo dire,  "europea" dal punto di vista della mobilità: sicuramente questo genere di lavori crea disagio, ma spesso chi si infuria e polemizza (per altro senza alcuna competenza) poi spesso gode in religioso silenzio dei benefici che ne risultano. Fonte: Il Tirreno

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 mar 2017

Muoviamoci Insieme Prato: pista ciclabile in via Montalese

di Alessandra Santoni

Prosegue il percorso partecipativo Muoviamoci Insieme Prato: infatti domani, giovedì 2 marzo 2017, dalle ore 18.00 alle 21.00, presso la sede della Misericordia in Via Po, 24 sarà presentato il progetto di riqualificazione di Via Montalese che prevede anche l'inserimento di un percorso ciclabile, che permetterà ai cittadini di raggiungere il centro in sicurezza. Si tratta del primo di una serie di incontri partecipativi finalizzati a informare la città sugli interventi previsti nel Piano Urbano della Mobilità sostenibile (PUMS) che, dopo la sua recente approvazione, entra nella fase di attuazione. La prima parte della serata sarà dedicata alla illustrazione delle strategie del PUMS con particolare riferimento alla mobilità ciclabile;a seguire sarà esposta una dettagliata spiegazione del progetto che riguarda Via Montalese. Nella seconda parte dell'incontro i partecipanti, organizzati in tavoli di lavoro e supportati da facilitatori esperti, potranno esprimere le loro opinioni sul progetto ed eventualmente proporre delle soluzioni migliorative. Durante l'incontro sarà servito un piccolo buffet. Per partecipare è opportuna la registrazione a questo link. Per quanto riguarda invece i prossimi appuntamenti, mercoledì 15 marzo 2017, dalle ore 18.00 alle ore 20.00, presso il Circolo Favini in Via Po, 4, saranno presentati i risultati dei tavoli di lavoro e il progetto eventualmente modificato da parte dell'Amministrazione Comunale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 feb 2017

Cambiamenti per i parcheggi a Prato, da Piazza Mercatale al Serraglio.

di Alessandra Santoni

A partire dal 1 marzo 2017, Essegiemme sarà sostituita dalla nuova società Consiag Servizi Comuni nella gestione dei parcheggi di Prato. Tra i progetti ci saranno l'inserimento di sbarre per accedere al parcheggio di Piazza Mercatale (che comunque la notte rimarrà gratuito), la sostituzione di tutti i parchimetri nella cinta muraria, e la creazione di un punto informazioni e di gestione degli abbonamenti in centro storico e più controlli per contrastare l'evasione. Ma tra i progetti più a breve termine, e sicuramente più interessante e utile, è quello che riguarderà il Parcheggio del Serraglio, con una nuova campagna informativa, nuove formule per gli abbonamenti, ma soprattutto l'ampliamento del box biciclette e il potenziamento delle telecamere di videosorveglianza. Queste le parole dell'assessore Filippo Alessi: E' uno spazio  vicino al centro storico, ma non è assolutamente valorizzato; abbiamo fatto uno studio con Consiag Servizi Comuni per cercare di renderlo più appetibile, anche con nuovi servizi come l'ampliamento del box per le bici a cui potremmo aggiungere anche l'attività di riparazione. Per ora resteranno invariate le tariffe in tutti i parcheggi anche se l'idea dell'amministrazione è di rimodularle secondo il principio concentrico. Alcune zone sono assolutamente da riprogettare, ad esempio in via Pomeria si paga come per piazza Mercatale, quindi pensiamo di attuare tariffe differenziate, più alte nel centro storico e più basse in periferia, oppure a costo crescente per ogni ora di sosta, per eesmpio in Piazza San Francesco. Riguardo alle sbarre in piazza Mercatale E' una scelta che ci permetterà di regolare la sosta anche nelle ore notturne ed evitare code di macchine in attesa di trovare il posto: tramite le sbarre si possono aggiornare i pannelli informativi e quindi sapere in tempo reale il numero dei posti disponibili. Abbiamo abbandonato l'idea del parcheggio a pagamento la sera. Dal 1 marzo gli uffici verranno spostati in via Panziera 20, con apertura dal lunedì al sabato dalle 8.15 alle 12.30 e il lunedì e il giovedì anche dalle 14.30 alle 17.00. Per tutte le informazioni relative a permessi e soste potete rivolgervi al numero 0574870560.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 feb 2017

Open Day per il progetto Terna a Vaiano

di Cristina Betti

Venerdì 10 febbraio dalle 11 alle 19 i tecnici di Terna illustreranno il progetto della nuova stazione elettrica di Terna presso la Sala Polivalente di Vaiano. Un'intera giornata di informazione organizzato dalla società che gestisce le reti per la trasmissione elettrica per il progetto della nuova stazione elettrica di Terna, nella quale i rappresentati della società illustreranno il progetto, risponderanno alle domande e chiariranno la situazione riguardo all'opera che nell'ultimo decennio ha generato pareri contrastanti nella Valdibisenzio. «Saremo attenti a quello che la società dirà in quest’occasione – ha commentato il sindaco di Vaiano Primo Bosi – Ma per l’inizio di marzo stiamo organizzando un nostro convegno, con la presenza di esperti, perché abbiamo bisogno di risposte a due domande cruciali: se la stazione di scambio è realmente necessaria e se la sua realizzazione avrebbe delle implicazioni per la salute pubblica. Vogliamo infatti che ogni ragionevole dubbio sulla questione sia chiarito, perché sulla salute non si scherza» L'ex-discarica di Pozzino, tra Savignano e Sofignano, è ancora ufficialmente l'area individuata per la costruzione del nuovo impianto, nella quale la società Terna ha chiesto al Comune di Vaiano il permesso per costruire. Da agosto però la società ha fatto marcia indietro sul sito a causa di problemi legati a vincoli paesaggistici presenti nella zona. Tra le ipotesi del nuovo sito c'è anche Moschignano, località vaianese a confine con la frazione di Fabbro, del comune di Cantagallo. A tal proposito il sindaco di Cantagallo Guglielmo Buongiorno avrebbe dichiarato che: «L’amministrazione comunale di Cantagallo farà di tutto per evitare interventi che possano rappresentare rischi per la salute dei nostri concittadini e per preservare l’integrità del territorio».    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 gen 2017

Nuovo polo sportivo-sanitario in Via Roma

di Cristina Betti

Venerdì 27 gennaio il Sindaco Biffoni ha presentato il progetto della nuova struttura: al via i lavori a settembre. Il sindaco Matteo Biffoni, l'assessore ai lavori pubblici Valerio Barberis  e i progettisti Francesca Logli e Luca Piantini hanno presentato il progetto per la nuova piscina riabilitativa di Via Roma, accanto alla piscina già esistente, con l'idea di colmare la mancanza di progetti, servizi ed attività terapeutiche per soggetti con varie disabilità (disabiliti motori e sensoriali, persone con patologie di vario tipo o disturbi intellittivi e relazionali); mancanza dovuta dalla chiusura, dieci anni fa, della struttura di Via Arcangeli. L'idea è quella di creare un polo sportivo e sanitario nell'area dell'ex Ippodromo, legato soprattutto ad attività di tipo acquatico, nei pressi di importanti arterie cittadine, Via Roma e la Declassata, sfruttando anche i parcheggi già esistenti e il collegamento con la Lam. L'edificio di tre piani avrà l'ingresso in Via Roma: al pian terreno verranno collocate l'area amministrativo e l'infermeria, lo spogliatoio e la vasca di 12 metri con diverse profondità; al primo piano sarà collocata la sala fisioterapica-riabilitativa e al pian terreno tutti gli impianti. Il progetto costerà al comune 168mila euro, di cui 600mila finanziati dalla Regione Toscana.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 gen 2017

Inaugurata la “nuova” Piazza Cardinale Niccolò

di Cristina Betti

Terminata la ristrutturazione, il 20 gennaio è stata finalmente riaperta Piazza Cardinale Niccolò. I lavori, cominciato lo scorso anno sono finalmente giunti al termine: la piazza, mantenendo il suo classico aspetto, è ora completamente ristrutturata: la fontana è stata valorizzata, sono stati impiantati nuovi alberi, è presente una nuova pavimentazione ed una nuova illuminazione ed inoltre l'intera area è stata pedonalizzata. L'intervento (di cui avevamo parlato qui) è costato circa 200mila euro. L'inaugurazione è avvenuta alla presenza dell'assessore alla mobilità Alessi e al Sindaco Biffoni, che ha commentato: “Sono molto soddisfatto dell’aspetto estetico della piazza e lo sono ancora di più perché rappresenta il segno concreto dell’impegno che l’amministrazione sta profondendo per dare un nuovo volto alla città, per renderla più bella e più vivibile da parte dei cittadini” Nella ristrutturazione, che rientrava nel piano di riqualificazione del centro storico, per un finanziamento totale di 500mila euro, sono coinvolte anche Piazza Duomo, Piazza Ciardi (di cui abbiamo parlato qui), Piazza Landini e una nuova piazzetta inserita fra la Biblioteca Lazzerini e le mura.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 gen 2017

Centro Pecci: i lavori vanno a rilento

di Cristina Betti

Il Centro per l'Arte Contemporanea Pecci, inaugurato tre mesi fa, deve ancora portare a termine diversi lavori che lo coinvolgono. Riaperto il 16 ottobre 2016 con la mostra "La fine del mondo", il Centro Pecci ha raccolto già 40.000 visitatori. Tuttavia, soltanto la parte "anteriore" dell'edificio è davvero completata: molte sono le cose da fare per la restante parte del museo. Valerio Barberis, assessore ai lavori pubblici, spiega che i lavori da portare a termine sono: - collegamento viario diretto fra declassata e l'area retrostante il museo - area di parcheggio retrostante il museo, con annessa area verde e anello pedonale - deposito delle opere della Collezione - sottosuolo del nuovo edificio e l'ex-garage sottostante il vecchio edificio In particolare, la nuova area parcheggio, che permetterà di avere 80 posti auto in più (per un costo di 40mila euro), prevede la rimozione delle opere presenti nella collezione permanente. Con questa nuova conformazione, un visitatore in arrivo da Firenze, dovrà uscire dal Viale Leonardo da Vinci per parcheggiare l’auto e visitare il museo; per tornare a casa però dovrà attendere il verde del semaforo a tempo, sistemato all’uscita del parcheggio, in direzione dell'Art hotel. Per evitare che questo nuovo "passaggio" venga usato dai non visitatori, le attese semafori saranno molto lunghe. Per finanziare l'area Cid, gli arredamenti e il deposito delle opere e la sistemazione della palazzina uffici nel Bilancio preventivo 2017 del comune è stata riportata la cifra di i milione e 400 mila, in realtà interamente a carico della Regione, che però fino ad aprile non ultimerà la stesura del bilancio.* Buone notizie invece per il bar-bistrot, i cui lavori sono cominciati in questi giorni, e per il riscaldamento della sala cinema, sistemato grazie all'intervento degli operatori del museo. *fonte: Il Tirreno Prato

Leggi tutto    Commenti 0