Articolo
10 mag 2018

Da oggi ritorna il doppio senso di marcia nel tratto di via Roma alle Fontanelle

di Mobilita Prato

Oggi è stato ripristinato il doppio senso di marcia nel tratto di via Roma alle Fontanelle interessato dai lavori di riqualificazione stradale voluti dall’assessorato alla Mobilità di Filippo Alessi: dopo mesi di chiusura non sarà quindi più necessario deviare verso la parallela via Soffici per raggiungere il centro città provenendo da sud. Il cantiere, avviato nel giugno scorso, proseguirà per terminare la pista ciclabile, che va da via Traversa del Crocifisso fino all’altezza dello stabilimento Magniflex, mentre i marciapiedi sono già stati ultimati.  E’ in corso anche la piantumazione di 150 alberi,  tigli e Vanessa Parrotia persica al posto dei 50 pini tagliati,  lungo la via e nella zona circostante.   Il secondo stralcio dei lavori per il prolungamento della pista ciclabile fino a via Baciacavallo inizierà a metà giugno, dopo la chiusura delle scuole, mentre il terzo tratto, da via Traversa del Crocifisso a via del Guanto, inizierà dopo l’estate. La riqualificazione dell’area, che ha compreso marciapiedi, ciclabile, riasfaltatura, illuminazione, attraversamenti pedonali protetti e nuovi alberi è stata finanziata con  450.000 euro del Ministero dei Trasporti per il Pums, provenienti dai fondi per l’ex progetto tramvia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 apr 2018

In corso i lavori di riqualificazione della pavimentazione di piazza Santa Maria in Castello

di Mobilita Prato

E' in corso l'ultima parte dei lavori per la riqualificazione della pavimentazione in pietra in piazza Santa Maria in Castello. I lavori, che dureranno circa dieci giorni, consistono nel rifacimento del massetto sottostante e nel riposizionamento delle pietre, togliendo l'asfaltatura che era stato posto in modo provvisorio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 apr 2018

Partono a ottobre i lavori di potenziamento infrastrutturale della Bologna-Prato

di Mobilita Prato

Partiranno a ottobre i lavori sulla linea Bologna-Prato, cuore del Corridoio europeo Scandinavia-Mediterraneo, per adeguarne le caratteristiche agli standard previsti dalla rete europea per il traffico delle merci. oltre a riqualificare e potenziare l'intera infrastruttura per il servizio passeggeri. Si tratta di opere indispensabili a garantire il collegamento dei porti dell’area logistica costiera toscana e del sistema logistico e portuale emiliano-romagnolo con il centro e il nord dell’Europa, ma complessivamente tutto il traffico ferroviario ne beneficerà, in termini di maggiore regolarità del servizio e potenzialità della linea. Rete Ferroviaria Italiana, Regione Emilia Romagna e Regione Toscana hanno siglato un Protocollo d’intesa che definisce articolazione degli interventi, cronoprogramma e attività di monitoraggio per tutta la durata dei lavori. Il documento è il risultato di un processo di condivisione avviato lo scorso anno, con lo scopo di consentire la realizzazione di questi importanti lavori limitando il più possibile i disagi, inevitabili, per i viaggiatori. I LAVORI Per consentire il passaggio dei treni adibiti al trasporto di semirimorchi e dell’autostrada viaggiante, oltre ai container High Cube, RFI amplierà la “sagoma” della linea (P/C80) secondo i requisiti per l’interoperabilità. Gli interventi riguarderanno sia l’infrastruttura – binari, linea di contatto, gallerie – sia gli impianti tecnologici. Contestualmente saranno eseguiti lavori di miglioramento dell’accessibilità nelle stazioni. L’attività più complessa sarà quella di allargamento della sezione utile di circa 20 km di gallerie (su un totale di 40 km), che richiederà la fresatura delle volte, l’abbassamento del piano del ferro e l’adeguamento della linea di alimentazione elettrica necessaria per la marcia dei treni. L’upgrading dei sistemi di gestione della circolazione sulla linea aumenterà invece efficienza e affidabilità di tutto il traffico ferroviario sulla linea, non solo merci ma anche pendolare e di media/lunga percorrenza. Saranno eseguiti anche lavori di miglioramento dell’accessibilità nelle stazioni di Pianoro, Monzuno, Grizzana, San Benedetto Val di Sambro Vernio e Vaiano. In particolare saranno alzati i marciapiedi dei binari (55 cm, standard europeo per i servizi metropolitani) per facilitare l’accesso ai treni, realizzati percorsi tattili a terra per ipovedenti, installati gli ascensori e riqualificato il fabbricato viaggiatori. Le stazioni di Monzuno e Vaiano, inoltre, saranno attrezzate per permettere la gestione di treni merci lunghi fino a 750 metri (standard europeo). RFI si impegnerà inoltre, insieme alle Amministrazioni interessate, a valutare la possibilità di utilizzare aree prossime alle stazioni della linea  - non più funzionali all’esercizio ferroviario - per lo sviluppo dell’interscambio modale. Previsto infine, da parte di Regione Toscana, la promozione di uno studio trasportistico finalizzato a valutare nuovi modelli di servizio ferroviario con l’eventuale utilizzo, se necessario, di nuove fermate. CRONOPROGRAMMA Il cantiere, il cui avvio è previsto a ottobre 2018, avrà una durata di tre anni e mezzo. Per garantire la continuità del servizio sulla linea, ancorché in misura ridotta, l’attività è stata divisa in tre fasi della durata di circa un anno ciascuna. Seguirà un’ultima fase, della durata di sei mesi, durante la quale sarà completato l’upgrading delle dotazioni tecnologiche di tutte le gallerie della linea. La prima tratta interessata sarà quella fra la Pianoro e San Benedetto Val di Sambro, seguita dalla San Benedetto Val di Sambro-Vernio e infine dalla Vernio-Prato. La tratta Bologna-Pianoro non è interessata dai lavori e rimarrà disponibile anche durante l’attività dei cantieri. Le modalità di esecuzione dei lavori sono state testate nei mesi di gennaio e febbraio di quest’anno, nel corso di due fine settimana durante i quali è stata sospesa la circolazione dei treni. Tali attività hanno confermato la pianificazione complessiva dell’intervento. MODIFICHE ALL’ORARIO FERROVIARIO RFI, Regione Emilia Romagna, Regione Toscana e imprese ferroviarie stanno predisponendo il nuovo orario ferroviario che sarà in vigore sulla linea durante i lavori. Il servizio ferroviario sarà integrato da autobus. Attualmente sono in corso, da parte della Regione Emilia Romagna, i risultati di un’indagine realizzata all’inizio dell’anno e mirata a mappare l’utilizzo della linea, per meglio pianificare servizi sostitutivi che riducano il più possibile i disagi agli utenti durante i lavori. Il modello individuato prevede da lunedì a venerdì, nella tratta interessata dall’intervento principale, la circolazione a binario unico dalle 00:01 alle 9:30 e dalle 16:30 alle 24:00 e la sospensione totale del traffico dalle 9:30 alle 16:30. Sul resto della linea, per consentire attività propedeutiche/di completamento, il traffico ferroviario verrà invece sospeso su entrambi i binari dalle 9:30 alle 13:30 e su un solo binario dalle ore 13:30 alle ore 14:30. In questo modo sarà garantita la mobilità su ferro nelle fasce pendolari e il servizio notturno, senza deviazione su percorsi alternativi, dei treni a lunga percorrenza e merci. Complessivamente, nei giorni feriali escluso il sabato, sarà garantito il 90% dei treni regionali nelle fasce pendolari e sarà possibile far circolare il 65% dei treni a lunga percorrenza (il 100% in fascia notturna). La continuità del traffico merci sarà garantita in parte con l’utilizzo di percorsi alternativi, in parte sulla stessa linea Bologna – Prato in orario notturno. Il mantenimento di questo livello di offerta renderà indispensabile, dalle 9:30 del sabato alle 16:30 della domenica per tutta la durata del cantiere, la sospensione totale del traffico ferroviario fra Pianoro e Prato. Il Protocollo d’intesa siglato da RFI e dalle Regioni prevede l’istituzione di un Osservatorio Permanente con lo scopo di informare costantemente i cittadini, i viaggiatori e gli operatori ferroviari sull’avanzamento dei lavori. Fra i componenti dell’Osservatorio vi saranno anche rappresentanti delle Istituzioni locali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 apr 2018

Continua la riqualificazione del parco ex Ippodromo

di Mobilita Prato

Continuano i lavori di riqualificazione al Parco ex Ippodromo in vista dell'estate, con un occhio di riguardo alla sicurezza. In questi giorni è in corso l'installazione di cancelli per chiudere tutti gli accessi al parco, in otto punti diversi. Eccezionalmente da lunedi a sabato il parco sarà  chiuso dalle 20 alle 8: l'azione è propedeutica a mirati interventi di controllo da parte della Polizia Municipale e delle forze dell'ordine, oltre che a un  successivo continuo servizio di chiusura limitatamente alle ore notturne (24-6) con una formula diversa da quella degli altri giardini pubblici presenti in città. La particolarità dell'ex Ippodromo infatti sta nella sua ampiezza e nella frequentazione con la bella stagione sin dalle prime ore del mattino da parte di runners, sportivi, oltre che famiglie e anziani. Così come, soprattutto d'estate, viene frequentato anche dopo cena. Per questo l'Amministrazione comunale sta valutando, per attivarla prossimamente, un  servizio di chiusura dell'intera area dalla mezzanotte fino alle 6 del mattino da parte di personale specializzato. Inoltre a breve verrà perfezionato il contratto con il gestore del chiosco che, avendo già ottenuto i permessi necessari, entro l'estate effettuerà i lavori di ristrutturazione per poi aprire la nuova attività, proprio sul lato dell'ingresso principale di via Roma. Un servizio di ristoro molto gradito ai frequentatori del parco, ma anche una funzione di presidio. "L'ex Ippodromo è il parco principale della città, particolare perché è luogo di svago per tutte le fasce della popolazione, dai bambini agli anziani - sottolinea l'assessore all'Ambiente Filippo Alessi -. Gli interventi delle prossime settimane riguarderanno ancora la riqualificazione del parco, ma anche un controllo per garantire a tutti di godere al meglio di un'area verde meravigliosa. L'apertura del chiosco sarà un punto di arrivo importante per offrire un punto di riferimento e avere un presidio sempre attento alla vita del parco".   Già la scorsa estate erano stati effettuati interventi di riqualificazione del Parco ex Ippodromo dove sono stati piantumati 25 nuovi alberi, tinteggiati i pali della luce, installati i bagni autopulenti a pagamento e realizzato un gazebo dalla parte dell’ingresso principale su via Roma, molto richiesto dai frequentatori del giardino, soprattutto anziani. Inoltre è pronto il progetto di rifacimento della struttura per la realizzazione del chiosco da parte del vincitore del bando

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 apr 2018

Semafori “intelligenti” su via Valentini per ridurre le code

di Mobilita Prato

E' stato effettuato a marzo il primo intervento di connessione e coordinamento di impianti semaforici per la creazione di un effetto di "Onda Verde" intelligente nell'ambito del progetto "Smart Mobility", la sezione dedicata alla modernizzazione e telegestione degli apparati tecnologici distribuiti nelle strade della città del piano di innovazione cittadina "Prato Smart City". In particolare, ad essere connessi sono stati i semafori degli incroci fra via Valentini e via Zarini e quello fra via Valentini e via Meoni - Baldanzi: da qualche giorno infatti i veicoli che attraversano la prima intersezione riescono ad attraversare entrambi gli incroci in un'unica fase di verde, sia in partenza che in transito, consentendo così di diminuire i tempi di percorrenza dell'intero asse e di minimizzare le code nel tratto di via Valentini compreso tra le due intersezioni. Gli interventi sono stati preceduti dall'elaborazione dei dati di traffico rilevati su base annuale su 10 incroci regolati da semafori: gli impianti saranno connessi ad una piattaforma intelligente centralizzata capace di regolare automaticamente le tempistiche di accensione e spegnimento dei semafori ottimizzando così la gestione del traffico e, grazie al monitoraggio continuo da remoto, permetterà anche di minimizzare i tempi di intervento in caso di guasto o anomalia. L'assessore Filippo Alessi fa sapere che nelle prossime settimane l’Ufficio Mobilità e Traffico del Comune, in collaborazione con la ditta ILES, procederà alla connessione di altri impianti semaforici al sistema; a lavori ultimati, la piattaforma di infomobilità centralizzata consentirà la telegestione e il coordinamento automatizzato dei pannelli a messaggio variabile, delle postazioni di monitoraggio del traffico, degli impianti per il controllo dell'allagamento dei sottopassi veicolari e pedonali e, appunto, dei semafori.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 mar 2018

Rifacimento del tappeto d’usura in diverse strade cittadine

di Mobilita Prato

Per consentire l'esecuzione dei lavori di rifacimento del tappeto d'usura, in seguito alla realizzazione di una nuova rete gas, in Corso Savonarola ed in piazza Cardinale Niccolò, dalle 7 di giovedì 29 marzo e non oltre le 19 di venerdì 30 marzo sarà attivo il divieto di transito e sosta in  Corso Savonarola e in  Piazza Cardinale Niccolò, limitatamente al tratto di viabilità principale posto a collegamento tra Via Dolce de Mazzamuti e Corso Savonarola. Durante la chiusura il traffico veicolare, degli aventi titolo al transito lungo le corsie riservate, proveniente dal lato di Via Cavour con direzione Piazza San Domenico sarà deviato in Via Cavour, Via Pistoiese, Via San Vincenzo e Piazza San Domenico. Il traffico veicolare, proveniente dal lato di Piazza San Domenico/Via C. Guasti con direzione e Via Cavour sarà deviato in Piazza San Domenico, Via Convenevole da Prato, Via del Seminario, Via G. Meucci, Via R. Luti, Via A. Marini, Via Pistoiese, Via Orti del Pero, Via Due Novembre e Via Cavour. Il traffico veicolare, proveniente dal lato di Via Santa Caterina degli aventi titolo al transito lungo le corsie riservate con direzione Piazza San Domenico sarà deviato in Via Dolce De' Mazzamuti, Via della Misericordia, Via Cavour, Via Pistoiese, Via San Vincenzo e Piazza San Domenico. Inoltre per consentire l'esecuzione di lavori di risanamento del manto stradale e di rifacimento del tappeto d'usura in Via San Silvestro ed in Piazza San Marco, nel tratto compreso tra l'intersezione con Via San Silvestro ed il civico 5, dalle 9 di giovedì 29 marzo e non oltre le 18 di venerdì 30 marzo sarà attivo il divieto di transito e sosta e durante questo il traffico sarà deviato in Piazza Mercatale, Canto al Mercatale, Via Sant'Antonio, Viale G. Galilei, Ponte F. di Marco Datini, Via G. Miniati, Via Vittorio E. Orlando, Via G. Capponi, Via P. Colletta, Via C. Abba, Via Fra' P. Sarpi, Via N. Machiavelli, Via Arc. A. Martini e Piazza S. Marco.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mar 2018

Lavori notturni allo sbocco della Declassata su via Braudel

di Mobilita Prato

Per la sostituzione della struttura di un portale di segnaletica stradale in viale Leonardo da Vinci in prossimità dell'incrocio con via Braudel, la notte tra lunedì 26 e martedì 27 marzo dalle 21 alle 6 (oppure in caso di avverse condizioni metereologiche nella nottata seguente tra il 27 e il 28 marzo) divieto di transito sulla carreggiata con scorrimento da est verso ovest, nel tratto compreso tra la corsia in uscita dalla Declassata in direzione di via Braudel e la corsia in accesso alla Declassata. Il transito da via Braudel farà inversione ad "U" alla rotatoria di piazzale Pertini per imboccare di nuovo il viale da Vinci.

Leggi tutto    Commenti 0