19 mar 2018

15 milioni per realizzare il progetto Prato Manifattura 5G


La presenza della sperimentazione 5G sul territorio pratese apre anche a nuove opportunità.

Le sperimentazioni in atto su 5 aree pilota individuate dal Ministero dello Sviluppo Economico costituiscono un’occasione per anticipare il futuro contesto di riferimento per l’organizzazione della produzione e si interseca con la strategia nazionale per la Banda ultralarga e con il Progetto Industria 4.0, che nel corso 2018 evolverà verso il tema di Impresa 4.0, ampliando la sua portata verso i settori del terziario. Tutti temi di innovazione e sviluppo che per la Toscana, ed in particolare per il distretto pratese, sono essenziali per la crescita del settore tessile e per l’implementazione di nuove realtà, come il progetto del cineporto.

Per questo la Regione Toscana, attraverso gli assessorati regionali alle Attvità produttive e Turismo e quello all’Università e Ricerca, ha avviato una collaborazione sinergica con il Comune di Prato, assessorato all’Innovazione, presenterà al Mise un progetto che porterà sul territorio pratese 12 milioni di fondi Cipe destinati alle regioni che sono protagoniste della sperimentazione 5G a cui si aggiungeranno 3 milioni di euro di cofinanziamento regionale. La Regione Toscana e il Comune di Prato sottoscriveranno entro l’estate un accordo di programma per la realizzazione del progetto.

I 15 milioni di finanziamento verranno utilizzati per costituire un centro di competenze sull’impresa digitale collegata al 5G di carattere regionale con le tre università toscane (Firenze, Pisa e Siena), nel quale saranno impegnati dieci ricercatori, e per realizzare progetti concreti, con il coinvolgimento delle imprese del distretto pratese, su due ambiti principali (il settore tessile, moda e meccanica nell’ambito manifatturiero, con la sperimentazione del 5G e trasferimento tecnologico nelle filiere di distretto, e i settori delle manifatture digitali del cinema e dell’audiovisivo).

Il progetto Prato Manifattura 5G e i suoi contenuti sono stati illustrati stamani dal sindaco, dall’assessore all’Innovazione e dagli assessorati regionali alle Attvità produttive e Turismo e quello all’Università e Ricerca.

Il Centro di competenze sarà finalizzato a svolgere le seguenti attività:

  • progettare e sviluppare soluzioni e prodotti connessi alla tecnologia 5G che potranno essere messi a disposizione delle PMI per la loro sperimentazione o utilizzazione;
  • supportare le imprese nello sviluppo e progettazione di soluzioni prototipali provenienti dalle PMI – diffondere le opportunità di utilizzazione del 5G;
  • promuovere sperimentazioni nella filiera di produzione manifatturiera;
  • ricerca, sperimentazione e sviluppo di ecosistemi di dati per la loro valorizzazione e messa a disposizione in particolare dei soggetti operanti negli ambiti trattati dal presente progetto.

Le risorse disponibili saranno allocate ai singoli progetti finanziati o cofinanziati, anche da aziende private, e potranno essere impiegate per rafforzare il Centro con competenze specifiche legate ai progetti selezionati, per attrezzature o altre spese di riceca e sviluppo.


progetto Prato Manifattura 5Gregione toscana


Lascia un Commento