Articolo
31 ott 2017

Bike Sharing a Firenze: la situazione

di Cristina Betti

Sapevamo che sarebbe successo, ed infatti ecco i primi fenomeni di vandalismo alle biciclette del nuovo MoBike di Firenze. Ne avevamo parlato solo poco tempo fa qui, ed ecco che il nuovo servizio di bike sharing comincia ad avere i primi problemi dovuti ad utenti non proprio corretti. Qualche giorno fa è scattata denuncia è di appropriazione indebita: così la società di bike sharing a flusso libero ha denunciato gli 8 utenti che hanno deciso di portarsi le mobike a casa. Fenomeno questo che sbuca fuori dopo la sosta selvaggia cui sono state sottoposte le biciclette nei primi periodi del progetto: lasciate ovunque, in mezzo di strada e in luoghi non idonei, o addirittura abbandonate in fossi dopo essere state danneggiate. Dopo le numerose segnalazioni di biciclette abbandonate ovunque e parcheggiate in malo modo, la polizia municipale, invece che rimuoverle con il carro attrezzi, ha deciso segnalerà le bici parcheggiate male alla società che gestisce il servizio, che provvederà a riposizionarle utilizzando 3 furgoni (inizialmente era uno solo), gli stessi usati per spostare e riequilibrare il numero delle bici nelle varie parti delle città. Mobike ha quindi annunciato che sospenderà la App agli utenti che non parcheggiano la bici in modo corretto. Intanto, nonostante i primi problemi, il servizio di bike sharing si espande all'area metropolitana: hanno già annunciato l'arrivo delle Mobike sul proprio territorio i comuni di Bagno a Ripoli, Scandicci e Sesto Fiorentino. Alla fine, il principale ostacolo e problema al diffondersi di un servizio pubblico necessario allo sviluppo urbano, è dato proprio dal cittadino-utente irrispettoso...  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 set 2017

Sportello animali: riapre dal 1° settembre

di Cristina Betti

Dal 1° settembre sarà nuovamente attivo lo sportello animali di via dei Tintori. Gli orari de "Il Riccio", lo Sportello Animali del Comune di Prato, saranno quelli degli altri servizi comunali: dal lunedì a venerdì dalle 9:00 alle 13:00, lunedì e giovedì anche dalle 15:00 alle 18:00. Lo Spazio Animali è stato rafforzato con la presenza di un altro addetto comunale ed è frequentato con regolarità dalle associazioni che gestiscono le strutture pubbliche del canile "Il rifugio" e del gattile de la Bogaia (come prevede il bando pubblico che si erano aggiudicate). All'interno di questo spazio si possono reperire informazioni su: - adozioni di cani e gatti, animali abbandonati; - assistenza e monitoraggio delle colonie feline; - aree di sgambatura; - servizi presenti sul territorio (guardie zoofile, associazioni animaliste/ambientaliste) e relative competenze; - disposizioni sulle corrette norme di disciplina e detenzione degli animali (esempio: Regolamento comunale). - segnalare casi di maltrattamento animali (segnalazioni che saranno gestite dall'Enpa in collaborazione con la Polizia Municipale di Prato). Lo sportello è gestito dall'Urp Multiente del Comune, Provincia, Prefettura di Prato e Azienda USL 4 di Prato, dalle associazioni animaliste che gesticono il canile e il gattile, dall'Assessorato per i diritti e la salute degli animali, dal servizio Ambiente, dalla Rete Civica e dal Sistema informativo del Comune di Prato. Info: 0574 1835614

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ago 2017

Prato e il nuovo regolamento sulla convivenza civile

di Alessandra Santoni

Pochi giorni fa la polizia municipale ha redatto il nuovo regolamento sulla convivenza civile per la città di Prato. Queste 60 pagine prevedono praticamente tutto, dalle trasgressioni alle relative sanzioni amministrative, divise per fasce a seconda della gravità e della tipologia. Vediamone alcune: abbandono dei rifiuti in centro: non si tratta solo dei soliti sacchi neri di scarti tessili, ma anche dei rifiuti domestici, quelli di ogni giorno della propria abitazione. L’abbandono anche di un solo sacchetto di rifiuti, se preso in flagrante o con altri sistemi fotografici o video, comporta una multa in fascia 3 (come da regolamento approvato) , ossia una contravvenzione che va da un minino di 100 ad un massimo di 500 euro. deiezioni dei cani: portare a spasso il proprio cane è una bellissima abitudine, un po' meno però abbandonarne i “bisognini” per strada. Nel caso si venga presi sul fatto, ossia che il proprio cane faccia escrementi su suolo pubblico e non li raccogliamo, la sanzione è di fascia 1 ossia da un minimo di 25 ad un massimo di 200 euro. sigarette, cartacce e bottigliette per terra: stessa cosa se si gettano per terra cartacce, sigarette, chewingum o altro come bottigliette vuote, anche qui la sanzione corre fra 25 e 200 euro, ma se tale gesto causa danno a cose, persone o animali, la sanzione può raggiungere i 500 euro oltre alle eventuali conseguenze di una comunicazione d’ufficio alla Procura della Repubblica, che puo’ esaminare l’eventuale integrazione di reato penale. Divieto di suoni e schiamazzi anche in area privata: il regolamento parla chiaro, “è fatto divieto a chiunque, col proprio comportamento, nei luoghi pubblici come nelle private dimore, disturbare la pubblica quiete e la tranquillità delle persone”. Il che sta a significare che il perseguire ad urlare, gridare, fare schiamazzo anche a qualsiasi ora in una casa privata arrecando danno o disagio ai vicini, o ai condomini, è sanzionabile con un’ammenda in fascia 2, multa compresa fra 50 e 350 euro e in caso di inottemperanza e recidiva fino a 400 euro. Uso dei fontanelli d'acqua. Non si possono prendere in una sola volta più di 12 litri di acqua e non si possono usare contenitori di capacità superiore ai 2 litri, come non si puo’ usare l’acqua del fontanello per sciacquo o lavaggio delle bottiglie. L’ammenda potrebbe essere compresa fra i 25 e i 200 euro, fascia 1. Concludiamo con una tematica a noi cara: Vietato lasciare le bici allucchettate ad un palo. Allucchettare una bici dove capita, ma soprattutto ad un palo di proprietà pubblica, può costare dai 25 ai 200 euro di contravvenzione. Bici e velocipidi andrebbero, infatti, parcheggiati negli appositi spazi segnalati con strisce e cartello verticale. Magari ci fosse qualche rastrelliera in più non dovremmo allucchettare le bici a pali e ringhiere... C'è anche un video illustrativo, guardatelo sul sito del Tirreno!

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 gen 2017

La bicicletta protagonista del calendario 2017 della Polizia Municipale

di Cristina Betti

Il consueto calendario pubblicato ogni anno dalla Polizia Municipale ha come protagonista del 2017 la bicicletta. Si è tenuta il 22 dicembre alle 11,00 in Sala Giunti la Conferenza Stampa per la presentazione del consueto calendario autoprodotto dalla Polizia Municipale, arrivato quest'anno alla sua tredicesima edizione: a presentare il calendario, ed anche i dati dei sinistri stradali pratesi del 2016, il Comandante della Polizia Municipale Andrea Pasquinelli.  La bicicletta è stata scelta non solo come simbolo di mobilità sostenibile, ma soprattutto perché, purtroppo, risulta essere il mezzo più coinvolto in incidenti stradali. Per contribuire ad una diffusione delle buone pratiche, il calendario presenta fotografie e consigli per ricordare come circolare in modo sicuro con il mezzo a due ruote. Oltre al calendario, si sono esposti i sinistri che hanno coinvolto l'area pratese da gennaio a settembre del 2016, in particolare si sono analizzati i sinistri stradali: gli incidenti stradali nei primi nove mesi del 2016 sono stati 1.075 contro i 919 dello stesso periodo del 2015, tra questi gli incidenti con solo danni a cose sono stati 387 (+32,99%), quelli con feriti 685 (+10,13%) e 3 quelli mortali (-50%). Il trend dei sinistri stradali totali dal 2008 al 2012 è tendenzialmente in calo: da 1806 incidenti si è arrivati a 1260. E ancora: le strade con maggiore incidentalità sono: viale Leonardo da Vinci (73), via Pistoiese (30), via Roma (28), viale Galilei (26), via Firenze (25), via Paronese (21), via Ferrucci (21), via Filzi (21) e via Valentini (20).* "Dopo un lungo calo dal 2008 al 2012, la situazione sui sinistri stradali negli ultimi anni è sostanzialmente stabile - ha affermato il comandante della Polizia municipale Andrea Pasquinelli - Questo significa che le misure prese in precedenza, come la patente a punti e alcuni inasprimenti dei reati e delle sanzioni, non riescono più a incidere”.  C'è ancora molto da fare quindi per una migliore educazione e morale stradale, non solo delle nuove generazioni, e per un miglior controllo da parte della autorità, a tal proposito è previsto per gli inizi del 2017 un bando per l'assunzione di nuovi agenti.   * fonte: Comune di Prato  

Leggi tutto    Commenti 0