Articolo
09 giu 2017

Dal 9 all’11 giugno “Eat Prato”

di Cristina Betti

Una tre giorni dedicati alla cultura del cibo, del vino e del buon vivere presso il Giardino Buonamici e in città. La seconda edizione di Eat Prato vede un intero weekend tutto all'insegna della produzione enogastronomica e della ristorazione pratese: mortadella, pane, biscotti, pasticceria, fichi, vino di Carmignano e Montemurlo e ancora molto altro. "Tutto il territorio dell'area pratese è ricco di affascinanti particolarità anche enogastronomiche e questa manifestazione permette ai visitatori di esplorarle in un percorso inedito – commenta Daniela Toccafondi, Assessore alle politiche economiche del Comune di Prato - Un'esperienza da raccomandare a grandi e piccini, a pratesi e non pratesi, a chi vuole venire a conoscere più da vicino una realtà famosa per la sua produzione manifatturiera ma che produce anche eccellenze enogastronomiche che meritano attenzione, a partire dal vino che vanta una docg vecchia di 300 anni” Eat Prato 2017 esordisce venerdì 9 giugno con l'inaugurazione dedicata a giornalisti, opinion leader, food blogger e influencer del mondo del food al giardino Buonamici. Per il programma completo, visitate il sito: www.eatprato.it La manifestazione è promossa dal Comune di Prato in collaborazione con Associazione Strada dei Vini di Carmignano e dei Sapori Tipici Pratesi e organizzata da Artex con il patrocinio della Regione Toscana.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 giu 2017

Al via la ristrutturazione dell’Anfiteatro di Santa Lucia

di Alessandra Santoni

A breve al via i lavori di ristrutturazione dell’Anfiteatro di Santa Lucia.  Le condizioni del piccolo anfiteatro ormai sono pessime (si pensi che qualche anno fa la caduta di una balaustra ferì gravemente una bambina di 9 anni): i gradini si stanno sgretolando e il centro della struttura è impraticabile. Così l’intera area è stata recintata, la giunta comunale ha affidato l’incarico dei lavori per un totale di 150 mila euro e il cantiere dovrà essere smontato entro sei mesi. Questa situazione di degrado ha portato più volte i residenti a protestare, ultimamente anche durante il corso del processo partecipativo sul progetto del Parco fluviale Riversibility. Proprio in questa occasione, dovendo il parco fluviale essere collegato nei suoi punti principali con i quartieri vicini, anche e soprattutto con percorsi privi di barriere architettoniche, è stato chiesto di mettere a norma sia quelli del giardino sia quelli interni del teatro all’aperto con percorsi per disabili e ipovedenti. L’intervento di adeguamento renderà quindi interamente fruibile il teatro anche per i cittadini con gravi disabilità sensoriali, nell’ottica di realizzare programmazioni artistiche sperimentali per specificità sensoriali. Nonostante i lavori, la festa prevista dal 29 giugno al 9 luglio organizzata dalla Pro Loco Santa Lucia si svolgerà regolarmente, anche se mancherà uno spazio importante che da sempre ha ospitato i saggi di fine anno delle scuole del quartiere e di quelle di ballo e i capannelli dei ragazzi che abitano in zona. Fonte: Notizie di Prato  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 mag 2017

Stasera il 18° Trofeo della Questura di Prato

di Cristina Betti

Alle ore 20:15 la partenza del 18° Trofeo della Questura della città di Prato. Parte questa sera la manifestazione di podismo di livello nazionale che si snoda per il centro di Prato. 5 km di percorso da compiere due volte attaverso le vie del centro città. La manifestazione è valida anche come campionato toscano Fidal assoluti e Master. Invece per la corsa non competitiva denominata "81 Run" il percorso sarà di 5-10 km. Il ritrovo avverrà alle ore 18:00 in Piazza Lippi, mentre la partenza della gara sarà alle 20:15 in Piazza del Duomo. Alle 19,30 si terrà per i bambini dai 6-12 anni la Corsa della Panterina - Memorial Thomas Langianni per un percorso di 600 metri attraverso le strade del centro. "Questa corsa ricorda un nostro collega e vuole essere un modo per far vivere il centro storico - spiega il questore di Prato, Paolo Rossi - è il miglior modo per far vedere Prato" La manifestazione sarà valida anche per le forze dell'ordine e la non competitiva 81 Run sarà legata alla sicurezza sui luoghi di lavoro. Per informazioni: Il comitato organizzatore di A.S.D. Prato Promozione 0574.583340 - 329.7895662 - info@run1.it - www.trofeoquesturaprato.it - pratopromozione@email.it  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 mag 2017

Arriva la “Ciclopedonale” di Prato

di Cristina Betti

110 km di tracciati ciclabili e pedonali che collegheranno fra loro le frazioni e il centro. Una rete di 14 linee, con nomi e numeri diversi, per un investimento di 5 milioni e mezzo di euro. C'era anche questo nei progetti del Pums di Prato. Ai 55 km di rete già esistenti se ne aggiungeranno altrettanti, per collegare le periferia al centro, le frazioni tra loro e queste al cuore della città. «[Sarà] una rete di piste in buona parte in sede propria, altre da condividere con i pedoni ma separate rispetto al flusso delle auto e del trasporto pubblico per garantire la massima sicurezza - spiega l’assessore alla Mobilità Filippo Alessi – da concludersi entro i prossimi dieci anni, con un costo complessivo di circa 5 milioni e 500.000 euro. Si tratta di uno dei punti cardine del Piano della mobilità sostenibile e che ha l’obiettivo di diventare un’alternativa vera ed efficace all’uso delle auto per i piccoli spostamenti» Dati i grossi problemi di inquinamento di Prato ( non risolvibili certo attraverso il blocco dei mezzi euro 0 ed euro 1 , vedi il nostro articolo), di cui abbiamo parlato qui in passato, sostenere una viabilità sostenibile è auspicabile. Il passo maggiore sarà operare il cambiamento culturale verso una mobilità dolce, considerando i dati che hanno dimostrato come i pratesi usino la macchina per spostamenti che potrebbero essere fatti tranquillamente su mezzi alternativi (vedi qui). Per sostenere il costo della futura ciclopolitana, il ministero dei Trasporti ha dato l’ok per trasferire i sei milioni e mezzo di euro necessari per la costruzione della tramvia (dall’ex Banci alla stazione, progetto finito nel cassetto con l’archiviazione del polo espositivo) sulla mobilità dolce e che finanzia, oltre alle piste, anche la realizzazione di due passerelle ciclopedonali una a Capezzana, l’altra in via Galcianese.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 mag 2017

“Dialogues en humanitè” alle Cascine di Tavola il 27-28 maggio

di Cristina Betti

Sabato 27 e domenica 28 maggio nel Parco delle Cascine  di Tavola si terrà la prima manifestazione in Italia di "Dialogues en humanitè". Prato avrà il privilegio di essere la prima città in Italia ad ospitare la manifestazione nata nel 2002 in occasione del Forum Mondiale di Johannesburg. Il suo obiettivo è di svilupparsi nelle varie nazioni del mondo, creando una corrente dal basso di riflessione sui temi che oggi sono centrali nella vita di ogni essere umano, la solidarietà, l’ecologia, la pace, la rivoluzione interiore dell’uomo; un incontro tra culture, di democrazia viva. "Un grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questa iniziativa davvero importante e interessante per la nostra città – ha affermato il sindaco Matteo Biffoni -  Spero che sia solo la “data zero”, e che questo possa diventare un appuntamento annuale per Prato. Un’iniziativa che affronta temi attuali e complicati e lo fa mettendo al centro il dialogo, l’ascolto e il confronto. Siamo da sempre convinti che per certi temi, come l’immigrazione ad esempio, siano necessarie regole e controlli ma lo siamo altrettanto sull’importanza del confronto che porta ad una crescita da entrambe le parti” Le giornate, che avranno una strutturazione complementare (ispirata ai Dialogues di Lione), organizzate dall’Associazione Cieli Aperti e suddivise in due momenti, alternano una Agorà alla mattina, dai titoli “Ascolto: Conoscersi e condividere”e “Corporeità e spiritualità”. Dopo il momento del pranzo, allestito dalla Polisportiva Aurora e dal ristorante di cucina cinese Xianmanlou nella Casa del Caciaio, prenderanno avvio gli Ateliers du Sensible, piccoli laboratori di sperimentazione condotti da: Istituto Comprensivo I. Pacetti, Polisportiva Aurora, Graziella Lessio e dottoressa Piani del Progetto G.A.I.A. , Elena Cavaciocchi, Gianna Gori, DryPhoto Arte Contemporanea, Gruppo Informale di Via Colombo. Nel pomeriggio lo spazio del Dialogo verrà dedicato alle testimonianze di vita vissuta: il Sabato “Viaggio: Riscoprire se stessi e gli altri” e la Domenica “La vita: Costante relazione reciproca”. In chiusura della giornata del 27 andrà in scena “Romeo & Giulietta”, spettacolo curato dal Liceo Copernico. "Dialogues en humanitè" è promosso dal Comune di Prato insieme a Comitato Cittadino per la Pace, Massimo Carlesi Presidente del Comitato Cittadino per la Pace con Delega del Sindaco di Prato Matteo Biffoni, Ufficio della Presidenza del Consiglio Comunale, Associazione Cieli Aperti, PIN Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio ARCO, Comitato Provinciale della Consulta Studentesca con il Patrocinio della Regione Toscana.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mag 2017

Il servizio di “punzonatura”: lo abbiamo provato per voi!

di Cristina Betti

Dai primi di maggio è partita la nuova campagna "Salvabici" del Comune di Prato. L'abbiamo provata per voi! In un nostro articolo vi abbiamo parlato della nuova campagna del Comune "Salvabici", realizzata dall'assessorato alla Mobilità in collaborazione con Consiag Servizi Comuni e l’assessorato all’Ambiente, che consiste in un servizio di "punzonatura", una marcatura della propria bicicletta che permette di identificare il legittimo proprietario. La scorsa settimana, abbiamo deciso di provare questo servizio! Ho telefonato allo 0574 401621, il numero indicato dal sito e preso appuntamento per il giovedì pomeriggio alla stazione di Porta al Serraglio, nella ex-sede dell'Essegiemme. Presentando un documento, ho compilato l'apposito modulo, così la mia bicicletta è stata descritta, schedata e associata al mio nome. Il modulo contiene un codice alfanumerico, lo stesso che è stato "marchiato" sul telaio della bicicletta attraverso un apposito strumento. Senza rovinare la vernice, il numero è stato impresso sulla bici (una sigla composta dalla sigla del comune, un numero di serie di 6 cifre e la scritta "bike" (ma va!): "PO******BIKE") accompagnato da un'etichetta bianca con su riportata la scritta "Prato - bici registrata - salvabici" (un po' parecchio anti-estetica per la verità ma, dicono, aiuta a svolgere la funzione di deterrente per i possibili ladri). In circa dieci minuti, al costo di 5 euro, la mia due ruote è stata marchiata e segnata in un registro di proprietà del comune e gestito da Consiag. Al termine, ho ricevuto la tessera, di funzione puramente estetica, che mi identifica come proprietaria della bicicletta. Come tutti sappiamo, un semplice marchio non impedisce un furto (alla fine una sigla può essere ben levigata e una bici completamente smontata), ma questo è comunque uno strumento in più per dissuadere i ladri e soprattutto un ottimo modo per regolamentare il possesso di una bicicletta. Se la mia bici venisse rubata (tocco ferro!), anche fuori dal territorio comunale posso dimostrare alle autorità di competenza che il proprietario sono effettivamente io grazie al marchio e al registro. A livello del territorio pratese sembrerebbero quindi non esserci particolari problemi. Quel che non è chiaro è cosa succede se la mia bici finisce, ad esempio, in un'altra regione: se le autorità trovano la bici, come fanno a capire chi contattare leggendo solo il marchio? I carabinieri hanno un elenco consultabile di tutti i registri comunali? Esiste una regola per cui tutte le marchiature cominciano con la sigla della provincia di riferimento? La soluzione migliore sarebbe senza dubbio un registro a livello nazionale consultabile da tutte le autorità non limitato ai singoli comuni coinvolti in queste campagne. In conclusione, registrare la vostra bicicletta è già meglio di niente, ma ricordatevi soprattutto di usare sempre lucchetti di buona qualità!

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mag 2017

Arriva Pratocentro StreetMap

di Alessandra Santoni

Dalla collaborazione fra Quelli di Piazza Ciardi, il Gruppo di Via Muzzi, il Consorzio delle Vie del Serraglio e il Consorzio Santa Trinita nasce PratoCentro StreetMap, progetto che prevede la mappatura del centro storico. Si tratta ovvero di un gruppo di lavoro che, camminando nel centro di Prato e percorrendo le sue vie in compagnia di tecnici, disegnerà una mappa degli interventi necessari per migliorare il decoro urbano e architettonico. Ma tra i compiti di questo gruppo figura anche quello di individuare microinterventi, che poi saranno segnalati agli uffici comunali, e mettere a punto progetti esecutivi per la riqualificazione dell’area del centro, anche con la partecipazione a bandi e interventi mirati di sponsor privati. Nelle prossime settimane verrà pubblicata la presentazione della mappatura degli interventi. Inoltre, sempre insieme, le associazioni organizzeranno per il 26 giugno la III edizione della manifestazione podistica Di Corsa in Centro.  Fonte: Notizie di Prato  

Leggi tutto    Commenti 0