Articolo
17 ago 2017

Proteste per il taglio degli alberi per far posto alla nuova scuola

di Cristina Betti

Sul Viale Montegrappa sono stati tagliati dei pini per far posto alla costruzione della scuola: proteste fra i cittadini. Il 9 agosto 26 pini pluriquarantenni sono stati abbattuti sul Viale Montegrappa per fare posto alla nuova scuola materna di Ponzano. Gli alberi si trovavano nell’area dei giardini che dalla parte est del viale - dal lato di viale Marconi - confinano ad ovest con viale della Repubblica e a nord con il fiume Bisenzio. Già da 10 anni è stata scelta per la localizzazione della nuova scuola, che farà parte dell’Istituto Comprensivo Pier Cironi. I cittadini protestato perché nei pressi c'era un'area sterrata che poteva essere scelta per ubicare la scuola, senza la necessità quindi di abbattere alberi sani. Il comune rassicura che verranno adeguatamente piantati nuovi alberi: «Il progetto della nuova scuola - afferma l’assessore comunale all’Urbanistica Valerio Barberis - prevede la ripiantumazione di nuovi alberi: 2 carpini bianchi, 12 alberi assortiti fra meli, nespoli e melograni, 6 ciliegi da fiore e circa 80 metri di nuove siepi e altri alberi da piantare in prossimità della recinzione della scuola. Parte dell’area verde della scuola sarà accessibile a tutti i cittadini, perché farà parte di un centro gioco - che prevede la realizzazione di una piazza coperta - per le famiglie del quartiere. La nuova scuola sarà inoltre costruita secondo i principi dell’ecosostenibilità, tramite l'uso di materiali ecologici in legno e risorse rinnovabili. È un progetto innovativo».* Il sindaco inoltre informa che ogni anno circa 100 alberi, fra malati e morti, vengono rimossi a Prato per poi essere sostituiti con il doppio delle piante. Non ci resta altro che vedere se questi nuovi alberi verranno veramente ripiantati.   *Fonte: Il Tirreno - Prato  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 ago 2017

Ferragosto di Prato: ecco il programma

di Cristina Betti

"Festa di mezz'estate" 2017: cocomerata e visita in notturna del Palazzo Pretorio. In Piazza dell Carceri e Viale Piave si rinnova l'appuntamento per il ferragosto in città: il pomeriggio del 15 agosto torna l'evento gratuito con cocomero a volontà e musica organizzato dal Comune di Prato in collaborazione con la Pubblica Assistenza L'Avvenire e con il contributo di Esselunga. la tradizionale Ostensione della Sacra Cintola di Maria si terrà alle 18:00 dal Pulpito di Donatello in Duomo. In piazza S. M. delle Carceri aalle 19:00 comincerà la Festa di mezz'estate: il sindaco taglierà la prima fetta di cocomero, che sarà poi distribuito a tutti i presenti dai volontari della Pubblica Assistenza L'Avvenire. I 20 quintali di cocomeri verranno messi a disposizione da Esselunga. Il palco sarà posizionato sotto il Castello dell'Imperatore, gli stand della Pubblica Assistenza per la distribuzione del cocomero e i vari punti ristoro saranno invece posizionati in viale Piave, da via Dante verso via Frascati. A partire dalle 20:00 musica dal vivo con il Clan dei Ribot. Palazzo Pretorio effettuerà invece anche qust'anno l'apertura in notturna, e sarà possibile godere della splendida vista dalla terrazza panoramica:  in occasione della Festa di Ferragosto ,  martedì 15 agosto, il Museo non osserverà il giorno di chiusura e aprirà anzi eccezionalmente  con  orario prolungato fino alle 22. Per i residenti di Prato l'ingresso è gratuito dalle 18 alle 22, un regalo del Comune per i residenti di Prato che rimangono in città per Ferragosto. Per quanto riguarda la viabilità, ecco che cambiamenti ci saranno: per permettere lo svolgimento della manifestazione lunedì 15 agosto dalle 9:00 a mezzanotte divieto di sosta e transito in piazza Santa Maria delle Carceri nel tratto compreso tra l'incrocio con via Dante e quello con con via del Ceppo Vecchio. Durante la chiusura il traffico proveniente da via Dante sarà deviato in via San Bonaventura, piazza San Francesco, via Rinaldesca, via degli Alberti, via Banchelli, via del Pellegrino, via Santa Caterina, via Dolce de' Mazzamuti, via delle Misericordia, via Cavour, via J. Monnet, via Roncioni, via Zarini, via Don G. Arcangeli, via Frascati, via del Ceppo Vecchio e viale Piave.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 ago 2017

Prato lancia il Pin per tentare il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2020

di Cristina Betti

Il PIN avrà tempo fino al 15 settembre per prepare il progetto per l'ambito titolo. Dopo la nomina di Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017, Prato non ci sta e vuole provarci. E sarà proprio il Polo Universitario di Prato, a dover preparare il dossier per la candidatura della città di Prato all'ambito premio per l'anno 2020. E per farlo avrà tempo fino al 15 settembre. Il Pin è stato scelto in merito "della sua natura e dell'oggetto della sua attività, - si legge nell'atto di affidamento - delle competenze professionali di carattere scientifico possedute, della sua radicazione sul territorio, della propria organizzazione strutturale, nonchè del suo coinvolgimento trasversale su una pluralità di obiettivi, interventi strategici e progetti che risultano connessi con la progettualità in questione".* C'è a disposizione quindi poco tempo, e per questo il Comune ha deciso di affidare questo compito delicatissimo a un ente esterno che sappia arrivare all'impellente scadenza nel modo migliore. Costo dell'incarico: 20mila euro più Iva (quindi 24.400 euro). Ben altre altre 45 città che hanno manifestato il proprio interesse per il bando: Agrigento, Agropoli, Alberobello, Altamura, Ancona, Asti, Aversa, Bellano, Benevento, Bitonto, Capaccio Paestum, Casale Monferrato, Caserta, Catania, Ceglie Messapica, Cuneo, Fabriano, Fasano, Foligno, Gallipoli, Lanciano, Macerata, Merano, Messina, Montepulciano, Noto, Nuoro, Oristano, Parma, Piacenza, Pietrasanta, Pieve di Cadore, Ragusa, Ravello, Reggio Emilia, Salerno, Scandiano, Siracusa, Telese Terme, Teramo, Tivoli, Tremezzina, Treviso, Vibo Valentia e Villa Castelli. Incrociamo le dita.   *Fonte: Notizie di Prato

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 ago 2017

Cambia aria per la differenziata: da settembre si cambia azienda

di Cristina Betti

L'amministratore Alia annuncia che da settembre entrerà in campo un'altra società per la gestione della raccolta differenziata a Prato. E' dal 13 marzo che Alia gestisce il sistema di raccolta e di smaltimento dei rifiuti a Prato, ma durante l'ultima riunione con il sindaco, al centro della quale si discutevano le criticità registrate sulla raccolta porta a porta e l’abbandono dei rifiuti de assimilati, cioè gli scarti tessili, l'amministratore di Alia Livio Giannotti ha annunciato che a settembre il servizio verrà affidato a un’altra società perché quella che ha visto l’appalto non è risultata idonea e si sta ritirando. «Vogliamo risposte certe, immediate e a basso costo in termini di impianti e nuovi siti di stoccaggio per le aziende che smaltiscono correttamente i rifiuti deassimilati - ha affermato il sindaco Biffoni - per questo abbiamo già chiesto il coinvolgimento della Regione Toscana: non ci basta che il problema degli scarti tessili venga spostato da Prato ad altri Comuni, per effetto soprattutto delle telecamere e dei controlli maggiorati, a cui quotidianamente si dedicano la polizia provinciale e municipale e gli ispettori di Alia» I problemi maggiori riguardano attualmente il centro storico, dove spesso vengono saltati i ritiri del materiale differenziato, e nella zona del Macrolotto 0, dove nvece spesso la raccolta non viene proprio rispettata. Altro problema riguarda gli scarti tessili dato che, oltre al frequente abbandono di "sacchi neri" in varie zone della provincia e non solo (già raccontato qui), è necessario che lo smaltimento sia a carico delle aziende che li producono con il ricorso a ditte autorizzate e specializzate, le quali però stanno fronteggiando il problema della mancanza di discariche, e per questo è necessario che intervenga la Regione. Aspettiamo di vedere a settembre che cosa succederà...

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 ago 2017

Lavori in Via Roma: abbattimento degli alberi

di Cristina Betti

I lavori per l'abbattimento degli alberi in Via Roma porteranno a un divieto di sosta per tutta la strada dal 3 al 10 agosto. Dalle ore 8:00 di oggi, giovedì 3 agosto, partiranno i lavori di abbattimento degli alberi in Via Roma. Per  tutta la durata dei lavori, fino alle 18:00 di giovedì 10 agosto, sarà attivo il divieto di sosta e di transito in Via Roma, nel tratto compreso tra l'intersezione con via Parini e l'intersezione con via Maestri del Lavoro. Il traffico proveniente dal lato di Poggio a Caiano, con direzione centro città, sarà deviato in via Roma, via Giuliotti, via Soffici, via Castellani e via Roma. Il traffico in senso opposto, proveniente dal lato del centro città con direzione Poggio a Caiano, sarà deviato in via Parini, via Soffici, via Giuliotti, via Roma, via Maestri del Lavoro, via A. Bruce Sabin, via Traversa il Crocifisso e via Roma. Anche per la Lam azzurra ci saranno deviazioni, in direzione centro città/stazione da via Roma devierà in via Giuliotti, via Soffici, via Castellani e via Roma da dove riprenderà il percorso regolare. In direzione Poggio a Caiano invece devierà in via Parini, via Soffici, via Giuliotti, via Roma e via Maestri del Lavoro da dove riprenderà il percorso regolare.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

Cassa d’espansione pronta per l’Ombrone

di Cristina Betti

I lavori a Ponte a Tignano stanno per concludersi, giusto in tempo per l'arrivo della stagione delle grandi piogge. Sono quasi giunti a conclusione i lavori per la cassa di espansione "Ponte a Tignano" che, in caso di superamento dei livelli di guardia del fiume Ombrone, raccoglierà le acqua in eccesso per mettere in sicurezza le frazioni di Iolo, Tavola e Castelnuovo e il territorio di Poggio a Caiano. L'opera potrà contenere fino a 650mila metri cubi di acqua, acqua che sarà reimmessa nell'Ombrone appena questo tornerà nei livelli di guardia. «Grazie a questo intervento potremo mettere in sicurezza un’area importante del Comune di Prato che ha spesso vissuto momenti di difficoltà – ha spiegato il sindaco Biffoni – Quest’opera arriva dopo altri significativi interventi lungo l’asse dell’Ombrone ad opera del Consorzio di Bonifica, grazie ai quali possiamo dire di aver ridotto al minimo il rischio di inondazioni»* Il costo per la realizzazione è stato di 3 milioni e mezzo di euro, sostenuto con finanziamento regionali e ministeriali.   * Fonte: La Nazione di Prato

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 lug 2017

Lavori in Viale Galilei e Via Bologna

di Cristina Betti

Possibili disagi alla viabilità fra il 25 e il 29 luglio per opere di urbanizzazione primaria e allacciamenti alla rete idrica. Per permettere i lavori nel tratto compreso tra la rotatoria con via Torricini e quella con via  Marradi, dal 25 luglio fino al termine dei lavori,  sarà attivo il divieto di sosta e il senso unico di circolazione, con direzione da via Marradi verso via Torricini, con il restringimento della carreggiata. Durante la fase di senso unico di circolazione del tratto di viale Galilei il traffico veicolare sarà deviato in via Bologna, via  Campana, via Marradi. Per permettere inoltre l'esecuzione dei lavori di scavo per allacciamenti alla rete idrica in via Bologna (civico 11) dalle ore 9:00, sarà attivo nel tratto compreso tra l'intersezione con via Cerutti e l'intersezione con piazza  Ciardi, il divieto di sosta e transito. Il traffico veicolare sarà deviato in via Cerutti, via Mazzoni e piazza Ciardi.

Leggi tutto    Commenti 0