Articolo
28 mag 2018

Pop Art e Pop House, comincia nel segno dell’arte la rinascita del Macrolotto Zero

di Mobilita Prato

Prato sarà una delle città italiane, tra cui Milano, Roma, Venezia e Bologna, in cui farà tappa il progetto artistico Dream di Yoko Ono: comincia quindi dalla visione di futuro in un'unica parola di questa artistica eclettica la primavera del Macrolotto Zero. Nell’ambito dei progetti Pop Art e Pop House sotto l’insegna "La Cultura unisce", a partire dal 1° giugno si realizzano azioni di rigenerazione urbana e sociale e interventi artistici di grandi interpreti della scena contemporanea internazionale. Pop House e Pop Art fanno parte di “Rigenerazione POP”, progetto pilota in materia di sicurezza urbana integrata del Comune di Prato finanziato da Regione Toscana e attuato attraverso Pin Polo Universitario Città di Prato. I due interventi – che si aggiungono a Pop Up Lab già realizzato nel 2017 con la riaperturadi diversi fondi sfitti in via Muzzi e via del Serraglio – sono svolti in collaborazione con il Centro per l’Arte contemporanea Pecci, le associazioni culturali Chi-na, Dryphoto, Kinkaleri, Circolo Curiel e un’ampia rete di cittadini e di attori e partner locali. I progetti sono stati illustrati stamani in Palazzo comunale dall'assessore Vittorio Bugli della Regione Toscana, dall'assessore alla Cultura del Comune di Prato Simone Mangani, dal direttore generale del Pin Enrico Banchelli, da Stefano Pezzato, responsabile dell'area Arte e Ricerca del Pecci, e dai rappresentanti delle associazioni coinvolte. Il contesto urbano di Prato si propone come laboratorio per la sperimentazione di una nuova generazione di politiche locali per la sicurezza urbana, da affiancare alle tradizionali misure di controllo del territorio. Con Pop House e Pop Art, cultura, arte e socialità diventano i presupposti per la rigenerazione del tessuto sociale e urbano della città e, quindi, per la sicurezza dei suoi abitanti: «E' stata scelta l'area del Macrolotto Zero perchè rappresenta l'anello di congiunzione con il Progetto di Innovazione Urbana PIU, anch'esso finanziato dalla Regione Toscana per la rinascita dello storico quartiere produttivo pratese, e le associazioni che da anni operano sul territorio - dice l'assessore Mangani - Un vero intervento di coprogettazione, rispondente alle linee strategiche di questa Amministrazione che intendono fare del Macrolotto Zero il distretto creativo dell'area metropolitana». I due interventi “Pop” per il Macrolotto Zero – pensati in stretta connessione con il Progetto di Innovazione Urbana PIU Prato e con altre iniziative promosse nella zona dall’Amministrazione comunale – si sviluppano lungo tre direttrici. 1 / POP HOUSE - Nasce Pop House Garden , il primo spazio pubblico dell’area, “pensato” insieme ai residenti attraverso un percorso partecipativo. Uno spazio verde con al centro la Pop House , un piccolo “edificio” (leggero, rimovibile e successivamente ricollocabile in altre zone) che vuole essere un nuovo punto di aggregazione e integrazione per gli abitanti della zona. Con Pop House Garden si apre “in anteprima” ai cittadini un’area che con il progetto PIU Prato sarà poi definitivamente destinata a parco urbano. Pop House Garden si trova all’angolo tra via Giordano e via Colombo, e nel mese di giugno sarà “teatro” di un intenso programma di attività. 2. / POP ART Part 1 – Artista internazionale e icona della cultura pop, Yoko Ono presenta il suo progetto DREAM. A partire dal 1° giugno saranno diffusi nell’area del Macrolotto Zero, da Porta Pistoiese a via Pistoise, via Filzi e strade limitrofe, 11 grandi cartelli con la scritta “DREAM”- più due al Centro Pecci- , che ripetono l’invito ad abitanti e passanti a sognare e a immaginare nuove chiavi di lettura della realtà. L’intervento artistico – curato dal Centro Pecci e con la partecipazione della Fondazione Bonotto di Molvena – contribuisce alla diffusione di sentimenti di comune appartenenza tra i residenti e di nuovi spunti di interesse per potenziali visitatori e artisti. 3. / POP ART Part 2 – Due progetti di arte urbana per piazza dell’Immaginario, nel cuore del Macrolotto Zero. Il primo è Please, teach me Chinese - Please, teach me Italian , un progetto con cuiRainer Ganahl – artista austriaco, eclettico e poliglotta, acclamato a livello mondiale – propone la richiesta di apprendimento della lingua altrui come forma di avvicinamento e considerazione reciproca, per la comprensione e la convivenza. L'artista ha ideato una linea di tessuti (prodotti da Marini Industrie S.p.A.) con cui confezionare diversi abiti (a cura di Manifatture Digitali Cinema) e mettere in scena una performance pubblica in cui lo scambio degli abiti da parte di un gruppo di attori di varie nazionalità diventa una rappresentazione della fluidità dei ruoli sociali e delle contaminazioni culturali tipiche delle città contemporanee. Il secondo progetto consiste nella rigenerazione artistica di uno dei principali luoghi di aggregazione spontanea della zona. Con la creazione di una grande PAN-CHI-NA(una lunga ‘panca di via’ progettata e realizzata con l’associazione culturale Chi-na) si mette a disposizione dei cittadini un nuovo luogo dedicato alla socialità e all’incontro che contribuisca alla vitalità della zona e che sia sentito proprio da chi lo frequenta. La performance conclusiva del progetto di Rainer Ganahl (realizzata con il collettivo artistico Kinkaleri) e l’inaugurazione della PAN-CHI-NA costituiranno gli elementi centrali di un vero e proprio street festival, che sarà animato da un ampio programma di eventi e che coinvolgerà cittadini, associazioni, esercenti e imprenditori, italiani e cinesi. Lo street festival – momento culminante di Pop Art e punto di partenza ideale per la rigenerazione del tessuto urbano e sociale del Macrolotto Zero – si terrà in via Pistoiese, nella cosiddetta piazza dell’Immaginario (progetto pluriennale a cura di Dryphotoarte contemporanea), il 22 giugno. La strada sarà chiusa dalle 17 alle 22. L’evento è collegato alle iniziative del trentennale del Centro Pecci.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2018

Lavori al manto stradale in un tratto di via Roma, i divieti e le deviazioni

di Mobilita Prato

Per consentire l'esecuzione dei lavori di risanamento del manto stradale e di rifacimento del tappeto d'usura in via Roma, nel tratto compreso tra l'intersezione con via castellano de' Castellani e l'intersezione con via Maestri del Lavoro, dalle 14 di mercoledì 2 maggio e fino al termine del lavori, comunque non oltre le 22, sarà attivo il divieto di sosta con il restringimento della carreggiata. Durante i divieti il traffico veicolare sarà così deviato: il traffico veicolare con itinere nord (proveniente da Poggio a Caiano) in via Domenico Giuliotti, via Ardengo Soffici, via Castellano de' Castellani e nuovamente in via Roma. Il traffico veicolare con itinere sud (proveniente da centro città in direzione Poggio a Caiano) in via Paronese, via Toscana, via del Molinuzzo, via Traversa il Crocifisso e nuovamente in via Roma.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 apr 2018

Continua la riqualificazione del parco ex Ippodromo

di Mobilita Prato

Continuano i lavori di riqualificazione al Parco ex Ippodromo in vista dell'estate, con un occhio di riguardo alla sicurezza. In questi giorni è in corso l'installazione di cancelli per chiudere tutti gli accessi al parco, in otto punti diversi. Eccezionalmente da lunedi a sabato il parco sarà  chiuso dalle 20 alle 8: l'azione è propedeutica a mirati interventi di controllo da parte della Polizia Municipale e delle forze dell'ordine, oltre che a un  successivo continuo servizio di chiusura limitatamente alle ore notturne (24-6) con una formula diversa da quella degli altri giardini pubblici presenti in città. La particolarità dell'ex Ippodromo infatti sta nella sua ampiezza e nella frequentazione con la bella stagione sin dalle prime ore del mattino da parte di runners, sportivi, oltre che famiglie e anziani. Così come, soprattutto d'estate, viene frequentato anche dopo cena. Per questo l'Amministrazione comunale sta valutando, per attivarla prossimamente, un  servizio di chiusura dell'intera area dalla mezzanotte fino alle 6 del mattino da parte di personale specializzato. Inoltre a breve verrà perfezionato il contratto con il gestore del chiosco che, avendo già ottenuto i permessi necessari, entro l'estate effettuerà i lavori di ristrutturazione per poi aprire la nuova attività, proprio sul lato dell'ingresso principale di via Roma. Un servizio di ristoro molto gradito ai frequentatori del parco, ma anche una funzione di presidio. "L'ex Ippodromo è il parco principale della città, particolare perché è luogo di svago per tutte le fasce della popolazione, dai bambini agli anziani - sottolinea l'assessore all'Ambiente Filippo Alessi -. Gli interventi delle prossime settimane riguarderanno ancora la riqualificazione del parco, ma anche un controllo per garantire a tutti di godere al meglio di un'area verde meravigliosa. L'apertura del chiosco sarà un punto di arrivo importante per offrire un punto di riferimento e avere un presidio sempre attento alla vita del parco".   Già la scorsa estate erano stati effettuati interventi di riqualificazione del Parco ex Ippodromo dove sono stati piantumati 25 nuovi alberi, tinteggiati i pali della luce, installati i bagni autopulenti a pagamento e realizzato un gazebo dalla parte dell’ingresso principale su via Roma, molto richiesto dai frequentatori del giardino, soprattutto anziani. Inoltre è pronto il progetto di rifacimento della struttura per la realizzazione del chiosco da parte del vincitore del bando

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 mar 2018

Interventi in programma per il verde pubblico cittadino

di Mobilita Prato

Sono stati presentati in commissione 4 (Urbanistica, ambiente, protezione civile) presieduta da Massimo Carlesi, gli interventi in programma per il 2018 sul verde pubblico. L'assessore all'Ambiente Filippo Alessi accompagnato da Marco Mascelli di Consiag servizi ha illustrato ai componenti della commissione i tanti interventi in programma per un costo di circa 1 milione e 300 mila euro e che riguarderanno parchi pubblici e giardini, principalmente per la riqualificazione e realizzazione dei vialetti, la rimozione di giochi non più adeguati e l'installazione di nuovi con l'inserimento, dove possibile, anche di aree gioco riservate ai ragazzi più grandi, oltre alla potatura di alberi e nuove piantumazioni. "Abbiamo intenzione di proseguire il lavoro di riqualificazione dei giardini della nostra città - ha affermato l'assessore Alessi - con interventi di manutenzione pura e con altri che prevedono nuove installazioni sia di panchine, gazebi etc che di giochi. Vogliamo che i nostri giardini siano più belli, più fruibili. Inoltre è previsto un lavoro straordinario sui vialetti intorno ai giardini". Gli interventi più consistenti sono quelli che riguardano appunto le potature, con un costo di circa 150 mila euro, in viale Galilei durante l'estate, in piazza stazione, via pistoiese, viale Vittorio veneto, viale Piave e nell'autunno inverno del 2018-19 ai giardini di via Colombo. Sono previste anche piantagioni di 400 alberi per un costo di circa 80 mila euro in varie zone della città. Tra gli interventi più consistenti in programma anche la realizzazione di un laghetto nella parte sud del Parco dell'ex Ippodromo e la semina in primavera della montagnola nella zona della Multisala, la sistemazione del vialetto e la piantagione in autunno di circa 700 alberi. Sempre al parco dell'ex Ippodromo e al parco di Villa Fiorelli saranno installate due palestre all'aperto . Durante la commmissione è stata annunciata anche l'imminente apertura delle buste per il lavoro di monitoraggio delle alberature che riprenderà dopo essersi interrotto successivamente alla tempesta di vento del 2 marzo 2015. Saranno fatte indagini su tutte le piante, circa 27 mila, e ne sarà valutata la stabilità con una tecnica approfondita. Saranno indagate le piante che si trovano sui viali della nostra città, quelle con un diametro più grande di 30 centimetri, quelle che si trovano all'interno delle scuole e nei parchi giochi, con particolare attenzione alle querce e ai lecci.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 feb 2018

Prato “Città per la circolarità”

di Mobilita Prato

Il Ministero dell’ambiente e i comuni di Prato, Milano e Bari – scelti come città pilota – hanno firmato il protocollo di intesa ‘Città per la circolarità‘, finalizzato alla promozione di iniziative che stimolino al riuso, alla condivisione, alla distribuzione e all’estensione della vita dei beni ovvero alla diffusione dell’economia circolare e a modelli di sviluppo più sostenibili. Il protocollo prevede la realizzazione di attività concrete che siano il più possibile trasversali alle tre città. Il protocollo è uno stimolo a realizzare filiere che consentano di intercettare beni inutilizzabili ancor prima che diventino rifiuti. Tra i progetti allo studio vi è un contatore dei benefici della raccolta differenziata, un progetto pilota di diffusione di bicchieri di plastica riutilizzabili nei quartieri della movida, un quartiere smart e circolare dove realizzare con i residenti iniziative di sharing di elettrodomestici e utensili. Le città firmatarie sono definite pilota in quanto per dimensione, caratterizzazione geografica, tipologia di esperienze accumulate sul tema dell’economia circolare possono rendere più facilmente replicabili ed espandibili le iniziative che saranno attuate.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 dic 2017

Il progetto del Parco della Piana

di Cristina Betti

Il Parco Agricolo della Piana più verde e smart.  Un sistema ambientale più efficiente, più bello e più vivibile.    La superstrada delle bici Firenze-Prato, piste ciclo-pedonali ed efficientamento energetico degli edifici degli enti pubblici e delle imprese, per ridurre l'inquinamento atmosferico nel Parco agricolo della Piana. Sono questi gli interventi che la Regione Toscana finanzia con le risorse del Programma operativo regionale (Por) del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) 2014-2020 ed altre risorse regionali, risorse finanziarie da assegnare in via prioritaria ai comuni del parco, Firenze, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Calenzano, Prato, Poggio a Caiano e Carmignano, per progetti di mobilità sostenibile ciclo-pedonale ed integrata e di risparmio energetico con riduzione dell'inquinamento atmosferico. Sono 7 milioni 256 mila euro le risorse (europee, statali e regionali) messe a disposizione dal Por Fesr 2014 2020 della Regione Toscana per creare nel Parco della Piana, dove coesitono ambienti rurali, insediamenti urbani e produttivi, un sistema di percorsi ciclo-pedonali interconnessi sia tra loro, sia con altri percorsi previsti dal Piano regionale integrato delle infrastrutture e della mobilità (Priim) e in corso di realizzazione, come la Ciclopista dell'Arno e la ciclovia  Firenze - Verona inserita nella legge finanziaria statale del 2016. Il progetto della "Superstrada delle bici" punta in alto: una grande strada per le biciclette, larga almeno 4 metri, illuminata con luci a led adattive che si accendono solo quando servono e con priorità sulle altre strade. Ai lati un percorso pedonale, nuove alberature, aree di sosta e attrezzature di servizio sia per le bici sia per i ciclisti. Interconessa, tramite un sistema di piste ciclabili locali, con le stazioni ferroviarie dislocate lungo la linea Firenze-Prato. Alle risorse per la mobilità ciclo-pedonale, si aggiungono le risorse  per aumentare l'efficienza energetica degli edifici pubblici e delle imprese nel Parco Agricolo della Piana. Disponibili per i comuni del Parco della Piana 1 milione di euro fino a esaurimento, a favore di progetti di efficientamento energetico degli immobili pubblici (500 mila destinati agli Enti locali e 500 mila alle Aziende sanitarie locali e alle Aziende ospedaliere),  50 sono i progetti presentati dal 2014 per ridurre l'inquinamento atmosferico della Piana, 10 dei quali rilevanti per tecnologie innovative e risparmio energetico previsti.I bandi, con priorità per gli edifici presenti nei territori dei comuni del Parco Agricolo della Piana: - Contributi in conto capitale ad Enti locali, Aziende sanitarie e Aziende ospedaliere (Domande online entro le ore 17:00 del 31 marzo 2018) - Contributi in conto capitale per l'efficienza energetica degli immobili delle imprese (Domande entro le ore 17:00 del 28 febbraio 2018) Ecco il video promozionale del progetto: https://www.youtube.com/watch?v=9AUKIbpq2Tk  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 ott 2017

Pronti i nuovissimi giardini di Tobbiana

di Alessandra Santoni

Tobbiana, dalla scorsa settimana, ha un nuovo spazio verde, adatto a grandi e piccini. I nuovi giardini di via Vulcano sono stati inaugurati alla presenza del sindaco Matteo Biffoni e dell'assessore all'Ambiente Filippo Alessi: un investimento di 150mila euro per riqualificare e ampliare quest'area giochi, punto di ritrovo del quartiere. Tra le novità una struttura centrale colorata a gradoni simile a un piccolo anfiteatro; i giochi sono stati cambiati e spostati in un'area più protetta rispetto alla strada, tutta recintata; l'area di sgambatura è stata raddoppiata ed è stato creato ex novo un campo polivalente sia per il calcio che per il basket. E' stato realizzato anche un nuovo attraversamento pedonale in corrispondenza della piazza e della pista ciclabile. Abbiamo realizzato gli interventi pensando a tre aree diverse all'interno di un unico luogo, lo spazio polivalente, la piazza e l'area giochi proprio per dare risposta alle necessità di ciascuno - ha sottolineato l'assessore Filippo Alessi -. Ci auguriamo che questo spazio, creato con il supporto fondamentale dei cittadini, possa essere aggregante. Questo è certamente un intervento importante per la frazione- prosegue il sindaco Matteo Biffoni -. I cittadini, con i quali c'è stato un rapporto costante e ricco di consigli e suggerimenti, avevano indicato la necessità di riqualificare i giardini, così frequentati da chi abita a Tobbiana e non solo. Siamo felici del risultato e speriamo che questo luogo possa essere sempre più vissuto da grandi e piccoli. Foto: Notizie di Prato e Il Tirreno

Leggi tutto    Commenti 0