23 mag 2017

Il servizio di “punzonatura”: lo abbiamo provato per voi!


Dai primi di maggio è partita la nuova campagna “Salvabici” del Comune di Prato. L’abbiamo provata per voi!


In un nostro articolo vi abbiamo parlato della nuova campagna del Comune “Salvabici“, realizzata dall’assessorato alla Mobilità in collaborazione con Consiag Servizi Comuni e l’assessorato all’Ambiente, che consiste in un servizio di “punzonatura”, una marcatura della propria bicicletta che permette di identificare il legittimo proprietario.

La scorsa settimana, abbiamo deciso di provare questo servizio!

IMG_7081

La “punzonatura”

Ho telefonato allo 0574 401621, il numero indicato dal sito e preso appuntamento per il giovedì pomeriggio alla stazione di Porta al Serraglio, nella ex-sede dell’Essegiemme.

Presentando un documento, ho compilato l’apposito modulo, così la mia bicicletta è stata descritta, schedata e associata al mio nome. Il modulo contiene un codice alfanumerico, lo stesso che è stato “marchiato” sul telaio della bicicletta attraverso un apposito strumento. Senza rovinare la vernice, il numero è stato impresso sulla bici (una sigla composta dalla sigla del comune, un numero di serie di 6 cifre e la scritta “bike” (ma va!): “PO******BIKE”) accompagnato da un’etichetta bianca con su riportata la scritta “Prato – bici registrata – salvabici” (un po’ parecchio anti-estetica per la verità ma, dicono, aiuta a svolgere la funzione di deterrente per i possibili ladri). In circa dieci minuti, al costo di 5 euro, la mia due ruote è stata marchiata e segnata in un registro di proprietà del comune e gestito da Consiag. Al termine, ho ricevuto la tessera, di funzione puramente estetica, che mi identifica come proprietaria della bicicletta.

Come tutti sappiamo, un semplice marchio non impedisce un furto (alla fine una sigla può essere ben levigata e una bici completamente smontata), ma questo è comunque uno strumento in più per dissuadere i ladri e soprattutto un ottimo modo per regolamentare il possesso di una bicicletta. Se la mia bici venisse rubata (tocco ferro!), anche fuori dal territorio comunale posso dimostrare alle autorità di competenza che il proprietario sono effettivamente io grazie al marchio e al registro. A livello del territorio pratese sembrerebbero quindi non esserci particolari problemi. Quel che non è chiaro è cosa succede se la mia bici finisce, ad esempio, in un’altra regione: se le autorità trovano la bici, come fanno a capire chi contattare leggendo solo il marchio? I carabinieri hanno un elenco consultabile di tutti i registri comunali? Esiste una regola per cui tutte le marchiature cominciano con la sigla della provincia di riferimento? La soluzione migliore sarebbe senza dubbio un registro a livello nazionale consultabile da tutte le autorità non limitato ai singoli comuni coinvolti in queste campagne.

In conclusione, registrare la vostra bicicletta è già meglio di niente, ma ricordatevi soprattutto di usare sempre lucchetti di buona qualità!

IMG_7087

Ufficio/biglietteria del parcheggio del Serraglio


antifurtobiciBiciclettacodice alfanumericocomune di pratoconsiagfurti di bicimarcaturaporta al serragliopratopunzonaturaSalvabici

Articolo precedente


Lascia un Commento