12 dic 2016

Inquinamento oltre i limiti di sicurezza: scattano i blocchi al traffico


Superati per 15 giorni consecutivi i limiti di inquinamento atmosferico. Da domani saranno in vigore (limitati) vincoli al traffico e agli impianti di riscaldamento.


Da martedì 13 dicembre entra in vigore l’ordinanza del Comune di Prato per cercare di ridurre l’ammontare di polveri sottili presenti nell’aria con le seguenti direttive:

  • Riduzione da 12 a 10 ore dell’accensione degli impianti di riscaldamento.
  • Consiglio di ridurre le temperature a 19 gradi per le abitazioni e a 18 per le attività produttive.
  • Obbligo di spegnimento dei motori in caso di soste prolungate.
  • La combustione di biomassa (leggi camini e stufe a legna) è consentita soltanto con impianti ad alta efficienza energetica.
  • Vietata la circolazione ai veicoli diesel euro 2 e 3 nella ZTC .

La notizia non arriva a sorpresa visto che Prato è risultata essere una delle aree più inquinate d’Italia e d’Europa (vedi qua), e tutti quanti noi ci siamo accorti che recentemente la qualità dell’aria ha subito un drastico peggioramento.

Per tanto non possiamo fare a meno di sottolineare che le misure messe in atto dal Comune sono largamente insufficienti a una drastica riduzione delle polvere sottili o, come si dice popolarmente, dello smog. Questo sarebbe possibile nel breve periodo solo attraverso un blocco praticamente totale del traffico automobilistico (non solo diesel 2 e 3), ma ovviamente si tratta di una scelta politica estremamente impopolare.

A questo punto non possiamo fare altro che continuare a respirarci l’aria che noi stessi produciamo, nella speranza che arrivino presto un po’ di vento (a portare l’inquinamento a qualcun altro) e di pioggia (a far sciogliere le polveri sottili nel terreno e nelle falde).

 

 


blocco del trafficoinquinamento dell'ariatraffico


Lascia un Commento