Articolo
03 ago 2017

Lavori in Via Roma: abbattimento degli alberi

di Cristina Betti

I lavori per l'abbattimento degli alberi in Via Roma porteranno a un divieto di sosta per tutta la strada dal 3 al 10 agosto. Dalle ore 8:00 di oggi, giovedì 3 agosto, partiranno i lavori di abbattimento degli alberi in Via Roma. Per  tutta la durata dei lavori, fino alle 18:00 di giovedì 10 agosto, sarà attivo il divieto di sosta e di transito in Via Roma, nel tratto compreso tra l'intersezione con via Parini e l'intersezione con via Maestri del Lavoro. Il traffico proveniente dal lato di Poggio a Caiano, con direzione centro città, sarà deviato in via Roma, via Giuliotti, via Soffici, via Castellani e via Roma. Il traffico in senso opposto, proveniente dal lato del centro città con direzione Poggio a Caiano, sarà deviato in via Parini, via Soffici, via Giuliotti, via Roma, via Maestri del Lavoro, via A. Bruce Sabin, via Traversa il Crocifisso e via Roma. Anche per la Lam azzurra ci saranno deviazioni, in direzione centro città/stazione da via Roma devierà in via Giuliotti, via Soffici, via Castellani e via Roma da dove riprenderà il percorso regolare. In direzione Poggio a Caiano invece devierà in via Parini, via Soffici, via Giuliotti, via Roma e via Maestri del Lavoro da dove riprenderà il percorso regolare.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 dic 2016

Aumentano i pirati della strada

di Alessandro Gori

Nel 2016 il numero di chi ha causato un incidente ed è scappato senza prestare soccorso è aumentato. Non solo, la strada più pericolosa in assoluto è risultata essere viale L. daVinci (a.k.a. declassata) Rispetto al 2015 siamo passati da 25 a 38 casi di omissione di soccorso. L'ultimo in ordine di tempo un automobilista che a bordo della sua mercedes ha investito un bambino di 10 anni mentre attraversava le strisce pedonali in via Bologna ed è scappato via senza prestare soccorso. Il bambino ha riportato per fortuna solo alcune fratture guaribili in trenta giorni. Il pirata invece è rimasto latitante per diversi giorni, finché non è stato individuato dalla polizia municipale che ha predisposto il ritiro della patente e il sequestro dell'auto dell'uomo. Nel 2016 sono aumentati anche i casi di guida in stato di ebrezza sanzionati. dai 38 del 2015 ai 43 di quest'anno. Saliti del 10% anche gli incidenti con feriti: ben 685. L'unico dato "positivo" riguarda il numero dei morti, diminuiti a "soli" tre casi. Per concludere, la strada che detiene il ben poco invidiabile primato per numero di sinistri, quindi la strada più pericolosa della città, è viale Leonardo da Vinci: 873 incidenti. Causati in larga parte da alta velocità, guida pericolosa, mancanza del rispetto delle distanze di sicurezza, uso del cellulare alla guida. Guardando questi dati ci viene spontanea una risata isterica quando si scopre che certi cittadini impugnano le multe fatte dagli autovelox disposti sulle tangenziali affidandosi, molto italianamente, a cavilli burocratici e definizioni astruse. D'altra parte, l'importante è poter fare quello che ci pare, mica la vita altrui! Per saperne di più: La Nazione, Il Tirreno      

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 dic 2016

Inquinamento oltre i limiti di sicurezza: scattano i blocchi al traffico

di Alessandro Gori

Superati per 15 giorni consecutivi i limiti di inquinamento atmosferico. Da domani saranno in vigore (limitati) vincoli al traffico e agli impianti di riscaldamento. Da martedì 13 dicembre entra in vigore l'ordinanza del Comune di Prato per cercare di ridurre l'ammontare di polveri sottili presenti nell'aria con le seguenti direttive: Riduzione da 12 a 10 ore dell'accensione degli impianti di riscaldamento. Consiglio di ridurre le temperature a 19 gradi per le abitazioni e a 18 per le attività produttive. Obbligo di spegnimento dei motori in caso di soste prolungate. La combustione di biomassa (leggi camini e stufe a legna) è consentita soltanto con impianti ad alta efficienza energetica. Vietata la circolazione ai veicoli diesel euro 2 e 3 nella ZTC . La notizia non arriva a sorpresa visto che Prato è risultata essere una delle aree più inquinate d'Italia e d'Europa (vedi qua), e tutti quanti noi ci siamo accorti che recentemente la qualità dell'aria ha subito un drastico peggioramento. Per tanto non possiamo fare a meno di sottolineare che le misure messe in atto dal Comune sono largamente insufficienti a una drastica riduzione delle polvere sottili o, come si dice popolarmente, dello smog. Questo sarebbe possibile nel breve periodo solo attraverso un blocco praticamente totale del traffico automobilistico (non solo diesel 2 e 3), ma ovviamente si tratta di una scelta politica estremamente impopolare. A questo punto non possiamo fare altro che continuare a respirarci l'aria che noi stessi produciamo, nella speranza che arrivino presto un po' di vento (a portare l'inquinamento a qualcun altro) e di pioggia (a far sciogliere le polveri sottili nel terreno e nelle falde).    

Leggi tutto    Commenti 0