04 nov 2016

Treni: aumentano le fermate a Borgonuovo e al Serraglio


Finalmente sono aumentati i treni che fermano a Prato Borgonuovo. Il primo passo verso un servizio ancora più frequente?


Dal 12 settembre le stazioni di Prato Borgonuovo e di Porta al Serraglio hanno visto aumentare il numero dei treni che vi fermano.

Nello specifico per quanto riguarda la stazione di Prato Borgonuovo, da sempre la meno sfruttata della città, si sono aggiunti 6 treni in direzione Firenze e 6 in direzione Pistoia.

Direzione Pistoia: Un nuovo treno Firenze SMN – Pistoia, che ferma a Prato Centrale (10:41), Porta al Serraglio (10:45) e Prato Borgonuovo (10:48). Altri treni fermeranno ai seguenti orari: 12:53, 15:53, 16:53, 18:53, 19:53, aumentando la frequenza durante quelle fasce orarie da uno ogni ora a uno ogni mezzora.

Direzione Firenze: un nuovo treno Pistoia – Firenze SMN che ferma a Prato Borgonuovo (10:33), Porta al Serraglio (10:37) e Prato Centrale (10:41). Vanno aggiunti a questi i treni per Montevarchi che fermano anche a Porta al Serraglio. Non arrivano a SMN, ma solo fino a Rifredi per poi proseguire sulla tratta FI Statuto, FI Campo di Marte, FI Rovezzano. Gli orari di partenza da Borgonuovo sono 13:04, 16:04, 17:04, 18:14, 20:04.

Da sottolineare che i treni in questione fanno parte di quel gruppo pendolare molto lento che fermano in tutte o quasi le fermate lungo la tratta.

Secondo l’assessore regionale ai Trasporti, Vincenzo Ceccarelli, questo è il primo passo verso il potenziamento del servizio ferroviario nella tratta Firenze-Prato-Pistoia con lo scopo di realizzare un servizio metropolitano nella Piana. Sempre secondo Ceccarelli il numero dei treni sarà ulteriormente implementato nel 2018, con l’obiettivo ultimo di avere un treno ogni 15 minuti in partenza da ogni stazione pratese sia in direzione Firenze che in direzione Pistoia.

Soluzioni auspicate da lungo tempo da chi usufruisce (o vorrebbe usufruire) dei treni che fermano a Borgonuovo, treni finora indecentemente rari e limitati ai più lenti, quelli che fermano ovunque nel gergo dei pendolari.

Nell’idea dell’amministrazione comunale l’aumento delle fermate a Borgonuovo dovrebbe essere di utilità anche per chi deve arrivare al nuovo ospedale, ma al momento l’accesso a questo dalla stazione è poco agevole per pedoni e ciclisti.

Lungo i due tratti possibili (vie Scarlatti-Ciulli-Foscolo, oppure passando da San Paolo e sbucando al sottopasso di viale Nam-Dih e in via dell’Alberaccio) le ciclabili sono scarse e frammentarie (via dell’Alberaccio lato Galciana escluso) e in alcuni punti manca anche il marciapiede pedonale (via Scarlatti). Inoltre essendo la distanza da percorrere di circa 1,5/2 km (a seconda del percorso) a piedi si impiegano 20/30 min solo andata. L’unica opzione agevole rimane quindi l’autobus (LAM blu) che ferma in via Pistoiese e raggiunge l’ospedale in pochi minuti.


pendolariPrato Borgonuovotreni


Lascia un Commento