Articolo
05 ott 2018

Lavori al sottopasso Fs di via Pistoiese, divieti e deviazioni in orario notturno

di Mobilita Prato

Allo scopo di consentire l'esecuzione di lavori di manutenzione e di rinnovamento della linea ferroviaria Prato - Pistoia all'altezza del sottopasso ferroviario in Via Pistoiese, a cura di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A, da lunedì 8 ottobre fino al termine dei lavori, e comunque non oltre il 20 ottobre, nella fascia notturna compresa tra le 22 e le 5 del mattino, saranno attivi i seguenti provvedimenti: divieto di transito dei pedoni nel tratto di marciapiede interessato ai lavori; divieto di sosta con rimozione forzata su ambo i lati della strada; divieto di transito. Nell'orario suddetto saranno attive delle deviazioni alla circolazione indicate con apposita segnaletica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 ott 2018

Aperto oggi al transito il prolungamento di via Tasso

di Mobilita Prato

E' stato aperto al traffico oggi il prolungamento di via Tasso che collega via Roma a via del Purgatorio, primo lotto della strada complanare al Sottopasso della Declassata (viale Leonardo Da Vinci) per il raddoppio dell'arteria all'altezza del Soccorso. Ad aprire la nuova strada sono stati il sindaco Matteo Biffoni, l'assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica Valerio Barberis e Filippo Alessi alla Mobilità. Questa prima tranche (A2) prevedeva la realizzazione del collegamento tra via Tasso, finora senza sfondo, e via del Purgatorio, mediante l'esproprio di una parte del piazzale dell’autofficina che si affaccia su via del Purgatorio. Si tratta di 300 metri di strada - parallela al terrapieno della Declassata - che era divisa in due parti dalla rete di confine del  piazzale dell’officina meccanica. La nuova strada è a senso unico di marcia in direzione via del Purgatorio, con soste su entrambi i lati, marciapiedi e specchio parabolico su via del Purgatorio per migliorare visibilità all'incrocio. L'ingresso nella via da via Roma è stato ampliato e reso più agevole sia percorrendo via Roma da sud (provenendo dal centro città) che da nord (provenendo dal Parco dell’ex Ippodromo). La realizzazione della complanare, di competenza dell'Amministrazione Comunale, è propedeutica allo scavo del tunnel da parte di Anas, in modo da non dover bloccare il traffico sullo snodo in nessuna fase di cantiere e da migliorare la circolazione stradale garantendo un flusso veicolare corretto. «Inoltre il collegamento diretto tra via Roma e via del Purgatorio alleggerisce il flusso di traffico diretto alla scuola materna ed elementare Collodi - dice l'assessore Valerio Barberis, - contribuendo a "scaricare" le due rotatorie di via dell'Ippodromo e di via Alessandria». L'importo dei lavori del primo lotto è di 70.000 euro, più 120mila di esproprio del piazzale dell'autofficina. Il sottopasso come è noto sarà assoggettato a VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) da parte del Comune in seguito alle osservazioni al progetto preliminare dell'opera pervenute da Arpat, Asl e Autorità di Bacino: «Si tratta di approfondimenti che sarebbero comunque stati fatti da Anas in fase di progettazione definitiva - spiega il sindaco Biffoni - ma il Comune, per trasparenza, ha preferito procedere subito. Va chiarito infatti che noi non eravamo obbligati a chiedere questo adempimento, avremmo potuto aspettare il passaggio di competenze ad Anas che avverrà tra pochi giorni. Ma il punto è che certo non temiano di far slittare la costruzione di qualche mese di fronte alla più grande opera pubblica realizzata a Prato negli ultimi decenni, un investimento da oltre 40 milioni di euro in gran parte coperti con fondi statali. Questo non rappresenta solo un progetto di viabilità per un'arteria percorsa comunque da 50mila veicoli al giorno, ma anche di riqualificazione urbana di quartieri grandi e popolosi come il Soccorso e Cafaggio e di ricucitura della città, da decenni divisa in due. Insomma, è una forma di investimento per tutta la città e noi per questo siamo disposti ad aspettare qualche mese in più. Prato è una grande città e si merita il miglior progetto possibile».  Il passaggio di competenza ad Anas sui 32 km della Declassata dal casello autostradale A1 Calenzano-Sesto Fiorentino fino all'innesto con la SS 64 Porrettana a Pistoia sarà firmato venerdì 19 ottobre presso la Regione Toscana (insieme a decine di altre strade regionali) dagli enti coinvolti, ovvero Comuni di Prato, Campi Bisenzio, Sesto fiorentino, Agliana e Pistoia, la Città Metropolitana di Firenze, Regione Toscana e le province di Prato, Pistoia e Firenze. Questo comporterà anche il risparmio di oltre 500mila euro all'anno di manutenzione per il Comune, che potrà riversare le risorse in altri interventi. Per quanto riguarda il 2° lotto della complanare (A1), da via del Purgatorio a via Nenni con una nuova rotatoria di raccordo con l'attuale grande rotonda che sovrasta il sottopasso di via Nenni, sono in fase di gara d'appalto la demolizione del capannone lungo la Declassata e la successiva asfaltatura del tratto: «La prossima settimana è prevista la sigla dell'accordo con la stamperia che si trova all'interno dell'immobile, che si impegna a traslocare entro il 30 novembre, ed entro la stessa data firmeremo l'accordo di esproprio con la proprietà per procedere alla demolizione e acquisiremo l'area che si affaccia su via Nenni dove si trova il parcheggio - afferma l'assessore Barberis -L'apertura del cantiere è prevista per gennaio». L'investimento in questo caso è di 780mila euro, più 1,5 milioni circa per gli espropri.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 set 2018

Prato propone la Gualchiera di Coiano come Luogo del cuore FAI. Ecco come votare

di Mobilita Prato

Il Comune di Prato e l'associazione "Insieme per il recupero della Gualchiera di Coiano" promuovono la candidatura della Gualchiera di Coiano, o Mulino Naldini, come luogo del cuore FAI (Fondo Ambiente Italiano). Ambiente di origine medievale legato all'industria della lana, nell'opificio - conosciuto come Gualchiera di Coiano o Mulino Naldini - veniva esercitata l'attività di follatura (processo che consiste nel compattare il tessuto di lana attraverso l'infeltrimento per renderlo compatto e in alcuni casi impermeabile). Il mulino, veniva alimentato dal sistema di gore che è derivato dal fiume Bisenzio mediante il Cavalciotto di Santa Lucia. L'edificio, per quanto si presenti ad oggi in un pessimo stato di conservazione, mantiene intatta al suo interno tutta l'originaria struttura del processo produttivo. L'idea dell'Amministrazione e dell'associazione "Insieme per il recupero della Gualchiera" è di procedere con una ristrutturazione e riqualificazione in modo da renderlo fruibile per visite turistico-culturali e scolastiche. "Questa è ormai l'unica Gualchiera rimasta a Prato, è un luogo che ci appartiene - il commento dell'assessore Toccafondi - è parte della storia della nostra industria ed è parte della nostra identità, dobbiamo quindi fare in modo di perpetuarne il ricordo in maniera adeguata". Dello stesso avviso anche il sindaco Matteo Biffoni, che definisce la Gualchiera di Coiano "un gioiello architettonico e culturale che una volta risistemato potrebbe diventare un fiore all'occhiello del patrimonio storico della città".  Roberto Dei, presidente dell'associazione Insieme per il recupero della Gualchiera di Coiano, ipotizza una Gualchiera come valida appendice del Museo del Tessuto, una volta rimessa in sesto: "Possiede delle caratteristiche uniche e potrebbe diventare la testimonianza reale di un edificio industriale. Noi ci impegneremo per creare le condizioni affinché possa riprendere vita e tornare parzialmente agibile". Tutti i cittadini possono dare il proprio voto recandosi presso l'Ufficio Informazioni Turistiche in Piazza Buonamici in orario di apertura, al Museo del Tessuto e alla Biblioteca Lazzerini in via Puccetti, oppure votando presso i vari stand che fino al 30 novembre nel fine settimana saranno presenti in città. È possibile votare anche online attraverso il sito https://www.fondoambiente.it/luoghi/la-gualchiera-di-coiano-o-mulino-naldini?ldc Anche l'associazione degli Ex allievi dell'Istituto Buzzi coinvolgerà i suoi circa 600 soci nell'adesione durante l'incontro in programma il prossimo martedì 9 ottobre alle 21.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 set 2018

Al via i lavori di manutenzione nei giardini di via Bresci, via Ragnaia, via Spadaro, via Guerra e via Righi

di Mobilita Prato

Approvati questa mattina con delibera della Giunta i lavori di manutenzione straordinaria nei giardini dell'area di via Bresci e via Ragnaia a La Querce, e in via Spadaro, via Guerra e via Righi. Gli interventi rientrano nel più ampio piano di miglioramento del verde da 600.000 euro annunciato lo scorso giugno. Nell'area di via Bresci e via Ragnaia a La Querce previste nuove aree verdi e l'ampliamento dell'attuale parco giochi, oltre alla realizzazione di un'area di sgambatura per cani, il tutto per un costo totale di 66.000 euro. In via Spadaro, via Guerra e via Righi previsti interventi generali di riqualificazione, il miglioramento degli arredi e un adeguamento della viabilità con creazione di vialetti d'accesso. Il costo previsto per i lavori è di 31.000 euro. Nello specifico, nel giardino di via Guerra verrà risistemata la pavimentazione, mentre nel giardino di via Righi saranno sostituite e riposizionate le panchine ed eliminate due grandi ceppaie di pioppo. I lavori partiranno nelle prossime settimane

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 set 2018

Mobilità dolce per gli studenti, entusiasmo per la giornata senza macchine

di Mobilita Prato

Ieri si è conclusa la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, in cui il Comune di Prato, in collaborazione i partner di DEMOS (Didattica Inclusiva e MObilità Sostenibile), ha realizzato una serie di azioni di sensibilizzazione verso le scuole per promuovere la cultura della mobilità alternativa e pulita. L'ultima iniziativa, ieri con la sperimentazione  della chiusura del polo scolastico alle auto e ai motorini. I ragazzi che raggiungono la scuola con mezzi a motore sono stati invitati a parcheggiare o a farsi accompagnare al grande parcheggio situato in fondo a via di Reggiana, lato Parco*Prato. Via di Reggiana è restata comunque regolarmente aperta al traffico senza alcuna difficoltà. Il " campus studentesto sperimentale"  è stato allestito per l'occasione con stand informativi, un'area relax e diverse postazioni di street sport a cura di Decathlon. Oltre a distribuire materiali informativi e gadget per promuovere nuove forme di mobilità sostenibile, chi è arrivato con la propria bici è stato accolto con il kit della "colazione del ciclista". Riuscito in pieno l'obiettivo è mostrare ai ragazzi e ai loro genitori quanto possa migliorare la qualità e la sicurezza degli spazi antistanti le scuole liberati dalle auto, oltre a favorire una maggiore autonomia dei ragazzi, la socializzazione e la salute legata al movimento e all'attività fisica, sperimentando nuove forme di mobilità (in particolare i mezzi pubblici, la bicicletta, ma anche le auto condivise)  per effettuare i percorsi casa-scuola. Entusiasmo è stato espresso anche dalla dirigenza scolastica. "Oggi abbiamo dimostrato due cose: che si può arrivare a scuola con mezzi diversi dalla macchina e che  i giovani sono pronti a questo cambio culturale - ha sottolineato l'assessore all'Ambiente Filippo Alessi -. Spesso il Pums viene percepito solo come una sigla, invece è la concretezza di interventi come quello sulle piste ciclabili e di iniziative che possano far meglio comprendere come una mobilità dolce migliori la qualità della vita quotidiana, la sicurezza e la vivibilità degli spazi".  E proprio sul fronte riqualificazione e sicurezza è arrivato il plauso anche degli insegnanti: "Mi hanno fatto notare come questo grande spazio privo di macchine sia anche più sicuro, ovviamente perché riempito anche da attività svolte dai ragazzi - ha sottolineato il sindaco Matteo Biffoni -. La sperimentazione di oggi incoraggia verso un cambio di prospettiva e per il futuro si potrebbe ripensare tutta l'area intorno al polo scolastico di via Reggiana così da creare uno spazio dedicato alla scuola, magari chiuso di notte, una sorta di campus permanente. Per farlo ovviamente dovremmo ridurre sensibilmente l'uso dell'auto o semplicemente cambiare abitudini su dove parcheggiare. Oggi lo questo spazio liberato dalle auto e rimepito dagli studenti era davvero bello". Coinvolte anche alle scuole primarie don Milani dove nell'occasione il sindaco Biffoni, l'assessore alla Mobilità Alessi e l'assessore alla Pubblica Istruzione Mariagrazia Ciambellotti hanno inaugurato la pista ciclabile che permette di raggiungere la scuola anche da Via Orione, sul retro del Parco Prato. Un collegamento che consente agli studenti di entrare adesso su due lati dell'edificio, favorendo chi proviene da sud alleggerendo il traffico su via di Reggiana. Cos’è il progetto DEMOS Il Comune di Prato, in collaborazione con Legambiente Prato, Simurg di Livorno, Euromobility di Roma, CRAS di Roma, ha vinto un bando del Ministero dell’Ambiente sulla promozione di una mobilità casa-scuola sostenibile. Il progetto DEMOS - Didattica Inclusiva e Mobilità Sostenibile – ha avuto avvio a febbraio 2018 e terminerà a gennaio 2020: durante questo periodo verranno realizzate azioni sia infrastrutturali che di sensibilizzazione per favorire ed incentivare una mobilità più sostenibile soprattutto negli spazi antistanti le scuole pratesi e sui tragitti casa- scuola (scuole primarie e secondarie di I e II grado).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 set 2018

Al via i lavori di manutenzione ai giardini di viale Ferraris, Maliseti e San Giorgio a Colonica

di Mobilita Prato

Partiranno nelle prossime settimane i lavori di manutenzione straordinaria dei giardini in viale Ferraris, in zona Guardo a Maliseti e a San Giorgio a Colonica. Gli interventi, approvati oggi con delibera della Giunta, rientrano nel più ampio piano di miglioramento del verde annunciato lo scorso giugno e per il quale è stato previsto un investimento totale di 600mila euro. Nei giardini di viale Ferraris i lavori prevedono un adeguamento funzionale generale, un adeguamento della viabilità nell'area a verde attrezzata per l'infanzia, la ricarica nei punti più bassi e il rifacimento completo del tappeto di usura di alcuni vialetti, oltre all'abbassamento di circa 5 centimetri del terreno circostante. Due accessi in terra battuta regolarmente utilizzati dai fruitori del giardino verranno ufficialmente trasformati in vialetti. Nell'area che guarda la montagnola e che divide il "piazzale dei bambini" dal parco dell'ex Banci verranno piantati invece alcuni alberi a foglia caduca per fornire il necessario ombreggiamento. A Maliseti, in zona Guado, gli interventi di miglioramento previsti consisteranno, nell'area a nord di via Kuliscioff, nella eliminazione della piazzola con fondo in ghiaia sciolta e il completamento dei vialetti asfaltati, mentre il giardino situato a sud di via Kuliscioff verrà invece destinato ad attività sportive con la realizzazione di un campo da calcetto, un'area per il fitness all'aperto e un circuito per il footing lungo i vialetti già esistenti, che si andranno ad aggiungere al campo da basket già esistente. Verranno integrate le panchine e le alberature in modo da creare ampie zone d'ombra dove verranno installati due tavoli con panche. A San Giorgio a Colonica i lavori interesseranno i due giardini via Papi-Via Dami e via Traversa per le Calvane. L'area per l'infanzia in via Papi-via Dami verrà sistemata e dotata di un gioco a bilico e una giostrina. La siepe verrà integrata in modo da scongiurare il pericolo di fughe nella strada dei bambini e verranno installate tre ulteriori panchine. È prevista, inoltre, la realizzazione di un campo da calcetto non recintato e la piantagione di una dozzina di alberi di alto fusto scelti in modo da creare un piacevole effetto cromatico e paesaggistico. Nei giardini di via Traversa delle Calvane gli interventi saranno volti soprattutto a garantire la sicurezza dei fruitori. Il campo da bocce, mai utilizzato, verrà trasformato in un'aiuola nella quale saranno piantati quattro alberi di alto fusto che in futuro produrranno un piacevole ombreggiamento.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 ago 2018

Macrolotto Zero, aggiudicati i lavori per medialibrary e mercato coperto

di Mobilita Prato

Sono stati aggiudicati in via definitiva i lavori per la realizzazione del mercato metropolitano coperto con annessa un'area a verde nell'ex fabbrica Forti tra via Giordano e via Bonicoli della medialibrary e spazio coworking nel complesso produttivo dell'ex fabbrica Pieri in via Pistoiese, nell'ambito del Progetto di Innovazione Urbana (PIU), con cui l'Amministrazione comunale intende riqualificare l'area del Macrolotto Zero.   Al termine di lunghe e complesse procedure di gara, dovute all'ampia partecipazione di imprese da tutta Italia ai due bandi pubblicati dal Comune di Prato nel marzo scorso (in tutto 265 domande di cui 226 per il mercato coperto e 39 per medialibrary e coworking, con traltiva documentazione da controllare per l'ammissione), l'appalto per il mercato metropolitano è andato alla ditta Laudante Costruzioni di Perugia per un totale complessivo di €1.079.543, mentre la Vespignani Costruzioni di Pistoia si è aggiudicata i lavori per medialibrary e spazio coworking per un totale complessivo di € 2.102.450. Adesso sono in decorrenza i tempi di legge per gli eventuali ricorsi. «Siamo alla fase finale dell'affidamento dell'appalto di un'opera strategica per tutta la città, che riqualificherà il Macrolotto Zero portandovi delle funzioni pubbliche  - commenta l'assessore all'Urbanistica e Opere pubbliche Valerio Barberis - Un progetto che fin da subito ha visto impegnata questa Amministrazione comunale per fare dell'area il quartiere creativo dell'area metropolitana, un polo di attrazione per l'arte, la cultura, il settore moda e l'audiovisivo». E' stato inoltre approvato il progetto esecutivo per l'area playground tra via Giordano, via Colombo e via Da Verrazzano, con un investimento di quasi 2 milioni di euro. Ecco come saranno ripartiti gli spazi: area destinata a piazza pavimentata su via Giordano con resine colorate ed attrezzata con elementi di arredo urbano, pensata come punto di socializzazione e sosta; potrà essere all’occasione spazio utilizzabile per mostre, eventi e spettacoli essendo dotata di illuminazione modulabile. area destinata a skate park anch’essa pavimentata in resine colorate. A margine dello skatepark ed integrato funzionalmente con questo grazie ad una gradinata di perimetrazione sorgerà l’unico “edificio” del progetto, un piccolo locale in muratura destinato ad accogliere i servizi igienici ed un locale di deposito a disposizione delle attività sportive presenti; area destinata a campo di calcetto realizzata con idonea finitura superficiale colorata; area destinata al fitness rivestita superficialmente da una pavimentazione smorzacaduta in gomma colorata in funzione delle attrezzature sportive previste nelle varie zone; area verde caratterizzata dalla presenza del grande Leccio mantenuto e dalla nuova piantumazione di tre querce rosse, tre frassini e tre aceri per realizzare una superficie boscata con alberi caducifogli in grado di garantire la corretta ombreggiatura nel periodo estivo e la possibilità di poter comunque sedere nello spazio verde anche in inverno quando è invece da privilegiare il corretto irraggiamento solare. L'obiettivo del PIU, finanziato con oltre 6 milioni dalla Regione Toscana e oltre 2 milioni e 200mila euro di investimento da parte del Comune, è infatti portare vivibilità e sostenibilità in uno dei quartieri più importanti del distretto produttivo pratese.

Leggi tutto    Commenti 0