Proposta
28 dic 2016

Le Velostation

di Alessandro Gori

Diffusissime nel centro-nord Europa, ma ancora latitanti dalle nostre parti, le Velostation sono il sogno di ogni ciclista urbano e l'incubo di ogni ladro di biciclette.   Le Velostation sono edifici accessori la cui caratteristica principale è quella di fornire un parcheggio al coperto e custodito per le biciclette, ma dove in realtà si forniscono anche altri servizi. Infatti al parcheggio vengono affiancati bar, officine, negozi per biciclette. Solitamente le VS sono realizzate in prossimità di nodi di scambio intermodale, quindi una zona idonea a questo scopo, per la nostra città, potrebbe essere la Stazione di Prato Porta al Serraglio. La Stazione di PPS ha infatti già un nucleo, seppur basilare, di parcheggio coperto per biciclette; c'è molto spazio; è una fermata strategica di Trenitalia; è inoltre un luogo molto vicino al centro. Questa Velo-Station, che creerebbe una zona parcheggio-officina unita ad un'area commerciale (negozi di bici, bar) oltre ad incentivare l'uso della bici anche per percorrenze più lunghe (bici più treno) permetterebbe la riqualificazione della zona che, negli ultimi tempi, è soggetta a situazione di degrado: questa nuova area di “maggiore sociabilità e frequentazione” permetterebbe quindi una vita diversa della zona e un miglioramento estetico-funzionale, con conseguente riqualificazione. Ultimata la VS di Porta al Serraglio, inoltre, si potrebbe pensare procede alla realizzazione di altre Velostation simili in prossimità delle altre stazioni ferroviarie della città (Centrale e Borgonuovo).  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 dic 2016

Parcheggio bici di Porta al Serraglio: è stato messo in sicurezza?

di Cristina Betti

Un anno fa era stata promessa la messa in sicurezza del parcheggio per le biciclette di Porta al Serraglio: qual è ad oggi la situazione? Nel luglio 2015 l'assessore alla mobilità Alessi aveva annunciato di voler rendere il parcheggio per le biciclette della Stazione di Prato Porta al Serraglio un posto più sicuro (sia per le persone che per i mezzi a due ruote) dotando l'accesso al parcheggio di un cancello apribile solo tramite tessera elettronica. Tale tessera sarebbe stata fornita da Essegiemme tramite un abbonamento acquistabile con una cifra "simbolica". "Si tratterà di un prezzo simbolico, - diceva l'assessore Alessi nel luglio di un anno fa - per tenere lontane droga e delinquenza. In poche parole, si potrà accedere al parcheggio solo tramite una tessera, che verrà rilasciata da Essegiemme."* Ad oggi la tessera elettronica non risulta acquistabile, anzi, la piastra che è stata correttamente installata di fatto è inutilizzabile. Il personale della Essegiemme, che afferma di non sapere quando e se saranno distribuite le tessere in futuro, si limita ad aprire il cancello del parcheggio "a richiesta", quindi senza effettuare un vero controllo. Inoltre questo servizio di "apertura" è effettuabile soltanto durante l'orario di servizio del personale, rendendo quindi il parcheggio non praticabile in orario non lavorativo. L'area inoltre continua ad essere un punto critico della città per quanto riguarda la questione della sicurezza: la stazione è poco frequentata in determinati orari oppure mal frequentata; poco illuminata e trascurata nelle aree che riguardano il parcheggio. Anche il parcheggio esterno è di fatto molto soggetto a vandalismo. Il PUMS (vedi qui il nostro articolo) prevede la costruzione di una Velostation (edifici la cui caratteristica principale è quella di fornire un parcheggio al coperto e custodito per le biciclette, ma dove in realtà si forniscono anche altri servizi - infatti al parcheggio vengono affiancati bar, officine, negozi per biciclette...) solo nella Stazione di Prato Centrale, ma data la situazione e anche la praticità della Stazione di Porta al Serraglio, ci auguriamo che possa essere presa in considerazione la possibilità di installarla anche a Porta al Serraglio, o perlomeno che sia messa in atto una nuova politica di riqualificazione del parcheggio per le biciclette.   * fonte: La Nazione di Prato - 4 luglio 2015

Leggi tutto    Commenti 0