Articolo
26 apr 2017

Da Firenze arriva Kimap, la app che mappa le barriere architettoniche

di Alessandra Santoni

Pensate a quanto possa essere difficile per una persona disabile percorrere liberamente tutte quelle strade su cui noi ci spostiamo senza nemmeno accorgercene. Bene, visto che oggi esiste una app per tutto, fortunatamente ne è stata inventata anche una che può mappare in tempo reale le barriere architettoniche presenti per strada. Stiamo parlando di Kimap, un progetto della start up fiorentina Kinoa che tramite una app per smartphone e un kit Internet of things consente agli utenti di realizzare loro stessi la mappatura, mentre la navigazione è resa affidabile grazie a un’app per smartphone che guida gli utenti attraverso i percorsi mappati. La prima prova di mappatura ha riguardato alcuni dei luoghi strategici della città, quelli più frequentati da pendolari, cittadini e turisti, quindi la stazione di Campo di Marte, Piazza Beccaria, il mercato di Sant’Ambrogio, Ponte Vecchio, Piazza Pitti, Santo Spirito e Piazza del Carmine; ma anche, spostandosi dal centro storico, via Maragliano, piazza San Jacopino e Viale Redi. Armando Dei – membro di Kimap – con la sua sedia a rotelle spinta dal Triride (dispositivo elettrico di propulsione) ha percorso questi tragitti permettendo così la produzione in tempo reale delle mappe sul proprio smartphone. Come si può vedere dalla mappatura qui sopra (Campo di Marte), i punti verdi significano buona accessibilità della strada, i punti gialli indicano piccoli ostacoli e vibrazioni mediamente impattanti sul percorso, i punti rossi indicano infine vibrazioni molto accentuate della sedia a rotelle e prodotte da ostacoli o gradini difficili da superare. Infine, le strade segnate in nero sono “non accessibili” perché non percorribili in sicurezza con la sedia a rotelle in quanto prive di marciapiedi e/o con asfalto fortemente sconnesso. L’app permette inoltre all'utente di segnalare impedimenti temporanei al passaggio, cantieri e pendenze difficili da affrontare, e grazie al sistema di community gli utenti possono, proprio come su un social network, commentare, condividere o votare i percorsi migliori o peggiori in modo tale da poter aiutare gli altri o essere aiutato. Visitate il loro sito per saperne di più! Fonte: Pratosfera

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 apr 2017

Firenze: Sunrisebikeride 2017

di Alessandra Santoni

Sappiamo che vi siete alzati presto tutta la settimana per andare a lavoro, ma domani la levataccia è giustificata! Infatti questo sabato, 22 aprile, a Firenze ci sarà la Sunrisebike ride 2017: una pedalata all'alba (dalle 6.00 alle 8.00) che, partendo e arrivando al Parco delle Cascine di Firenze, attraverserà tutto il centro storico. Potete iscrivervi online sul sito della manifestazione: 10 euro per gli adulti e 2 euro per i bambini dai 6 ai 12 anni. Potete passare a ritirare il pacco-gara venerdì 21 al Parco delle Cascine, e se proprio non ce la fate sabato mattina mezzora prima della partenza. Per farvi un idea, questa è stata la pedalata dello scorso anno: Buona pedalata a tutti!

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 dic 2016

In progetto una superstrada ciclabile fra Firenze e Prato

di Cristina Betti

Il Sindaco di Firenze Dario Nardella ha annunciato il finanziamento del progetto da 5 milioni, presentato dal Comune di Prato, per realizzare la più grande superstrada ciclabile del Centro Italia.  Sabato 5 novembre è stato siglato il "Patto per Firenze" fra il premier Matteo Renzi e il sindaco Nardella: di interventi infrastrutturali per vari progetti, 5 milioni verranno impiegati per la realizzazione del maxi progetto di superstrada ciclabile Firenze-Prato, che seguirà la Perfetti-Ricasoli. La proposta era stata avanzata dall'assessore alla mobilità di Prato Filippo Alessi, che durante una passata riunione convocata per la metropoli fiorentina, aveva pensato a una mobilità più sostenibile fra le due città. "E' un progetto molto interessante  - commenta l'assessore Alessi - facilmente realizzabile per il quale, oggi, ringraziamo Nardella che l'ha inserito nel Patto per Firenze e Renzi che ha messo a disposizione i fondi per realizzarla" Il tracciato, di circa 20 km, dovrebbe seguire la Perfetti-Ricasoli: partendo da Prato, la futura superstrada ciclabile inizierebbe dalla Declassata, seguirebbe la Perfetti-Ricasoli, entrando così nel territorio di Signa, proseguirebbe nel Parco della Piana e si immetterebbe infine nel sistema delle piste ciclabili fiorentine. Ancora non sono chiari i tempi di realizzazione del progetto e come saranno suddivise le responsabilità dei lavori. Sicuramente dovrà essere coinvolta la Regione. Il progetto è destinato a diventare, se realizzato, la più grande superstrada ciclabile del centro-Italia, speriamo pertanto che la pianificazione sia effettuato con rigore: la ciclabile dovrà essere adeguatamente progettata, che sia illuminata, non tortuosa, che attraversi tratti non deserti e che si colleghi ad altre ciclabili cittadine. Dovrà essere una ciclabile non di svago ma destinata ai "pendolari" e ai lavoratori, in modo da poter essere una vera alternativa ai mezzi privati e modello di mobilità sostenibile.  

Leggi tutto    Commenti 0