Articolo
12 dic 2017

Dopo MoBike, a Firenze arriva Gobee.bike

di Cristina Betti

Prima le biciclette arancioni del bikesharing, adesso arrivano quelle verdi: come funzionano? La rivoluzione bike-sharing a flusso libero a Firenze continua: sbarcano in città le bici verdi di Gobee.bike, il nuovo operatore che si è aggiudicato il secondo bando lanciato da Palazzo Vecchio per il servizio a flusso libero. L'arrivo, come spiega l'assessore alla Smart City Giovanni Bettarini e Gabriele Vezzani di Gobee.bike Italia, "sarà graduale". Le biciclette verdi Gobee.bike possono essere utilizzate attraverso un'applicazione per smartphone, sia Android che iOS, ed essere lasciate nelle 210 aree di sosta dedicate al bike sharing o nei luoghi pubblici destinati a parcheggio biciclette. L'app consente agli utenti di individuare la bici: una volta davanti al mezzo basta scansionare con la fotocamera del cellulare il codice Qr. La bici a quel punto si sblocca e inizia il noleggio, che termina una volta richiuso il lucchetto. Attualmente il costo del servizio è di 50 centesimi per 30 minuti e i pagamenti avvengono tutti sulla carta di credito. Servono però 15 euro di deposito iniziale che sarà restituito quando si deciderà di non usare più Gobee. Per il lancio fiorentino Gobee si è rivolto a Blub, giovane street artist fiorentino che ha preparato una bicicletta artistica per Firenze.  "Aiutateci a creare una comunità di persone che hanno a cuore il servizio, segnalandoci parcheggi sbagliati e necessità di manutenzione per avere un servizio più efficiente - ha detto Gabriele Vezzani, regional manager di Gobee lanciando un appello ai fiorentini - e all'amministrazione chiedo di andare nelle scuole per creare cultura e far capire che il bike sharing è una scintilla per cambiare la città"* *Fonte: la Repubblica Firenze      

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ott 2017

Bike Sharing a Firenze: la situazione

di Cristina Betti

Sapevamo che sarebbe successo, ed infatti ecco i primi fenomeni di vandalismo alle biciclette del nuovo MoBike di Firenze. Ne avevamo parlato solo poco tempo fa qui, ed ecco che il nuovo servizio di bike sharing comincia ad avere i primi problemi dovuti ad utenti non proprio corretti. Qualche giorno fa è scattata denuncia è di appropriazione indebita: così la società di bike sharing a flusso libero ha denunciato gli 8 utenti che hanno deciso di portarsi le mobike a casa. Fenomeno questo che sbuca fuori dopo la sosta selvaggia cui sono state sottoposte le biciclette nei primi periodi del progetto: lasciate ovunque, in mezzo di strada e in luoghi non idonei, o addirittura abbandonate in fossi dopo essere state danneggiate. Dopo le numerose segnalazioni di biciclette abbandonate ovunque e parcheggiate in malo modo, la polizia municipale, invece che rimuoverle con il carro attrezzi, ha deciso segnalerà le bici parcheggiate male alla società che gestisce il servizio, che provvederà a riposizionarle utilizzando 3 furgoni (inizialmente era uno solo), gli stessi usati per spostare e riequilibrare il numero delle bici nelle varie parti delle città. Mobike ha quindi annunciato che sospenderà la App agli utenti che non parcheggiano la bici in modo corretto. Intanto, nonostante i primi problemi, il servizio di bike sharing si espande all'area metropolitana: hanno già annunciato l'arrivo delle Mobike sul proprio territorio i comuni di Bagno a Ripoli, Scandicci e Sesto Fiorentino. Alla fine, il principale ostacolo e problema al diffondersi di un servizio pubblico necessario allo sviluppo urbano, è dato proprio dal cittadino-utente irrispettoso...  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 set 2017

Sabato tutti a Cerreto Guidi per la “Skarrozzata”

di Cristina Betti

Sabato 30 settembre alle 16:00 a Cerreto Guidi si svolgerà la Skarrozzata, una passeggiata a mobilità diversa per sensibilizzare alla disabilità e all'abbattimento delle barriere architettoniche, evento in cui i cittadini potranno fare il giro delle città seduti in carrozzina per adottare per qualche ora un punto di vista "diverso". La "Skarrozzata" nasce  nel 2011 a Bologna per sensibilizzare i cittadini a cosa significa muoversi in carrozzina, organizzando una passeggiata per le strade della città con la possibilità di mettersi in prima persona su una carrozzina. Gli obiettivi principali della Skarrozzata sono la sensibilizzazione e l'educazione alla diversità e alla disabilità, attraverso l'integrazione sociale e il prender consapevolezza delle innumerevoli barriere architettoniche e mentali presenti sul percorso di chi è costretto ad una mobilità limitata. Alle ore 16:00 è prevista la partenza al Circolo Arci di Via Roma 2 a Cerreto Guidi. Dopo aver fatto il giro del comune, seguiranno i saluti istituzionali da parte del sindaco Simona Rossetti, la serata si concluderà con un'apericena a buffet. Animerà la serata il Circo Liberatutti attraverso giochi "inclusivi". A supportare l'evento anche la Onlus #vorreiprendereiltreno di Iacopo Melio, il quale parteciperà in prima persona all'evento di Cerreto Guidi. Maggiori informazioni: evento facebook - La Skarrozzata    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 ago 2017

Oggi arriva il nuovo Bike Sharing a Firenze

di Alessandro Gori

Presentato il 24 luglio il nuovo servizio di bike sharing che prenderà il via il 02 agosto nel capoluogo toscano. Il sindaco di Firenze Dario Nardella e il suo collega di Milano Giuseppe Sala hanno presentato il la nuova modalità di spostamento urbano che partirà quasi in contemporanea nelle due città. Ma nel dettaglio di cosa si tratta? Il servizio sarà gestito da Mobike, colosso cinese del bike sharing, e prevede 4.000 biciclette, accessibilità 24h/7 e un'area di funzionamento che copre tutto il centro abitato di Firenze. un sistema totalmente automatizzato e gestito dall'utente attraverso un'App per smartphone che consentirà di visualizzare le bici disponibili (dotate di GPS), prenotarle, sbloccarle a inizio utilizzo e bloccarle al termine, nonché a pagare il noleggio, segnalare guasti e malfunzionamenti. La gestione resterà aperta per un anno per valutare le proposte di altri soggetti interessati, fino al raggiungimento della flotta prevista di 8.000 biciclette. L'elemento forse però veramente interessante è che si tratta di un bike sharing a flusso libero, ovvero senza le stazioni di sosta fisse. Detto chiaramente: possono essere parcheggiate ovunque. Non solo, l'Amministrazione ha predisposto una serie di spazi riservati alla sosta del BS, ovvero circa 130 aree sparpagliate per la città e indicate da una segnaletica specifica. Il servizio partirà il 02 agosto con l'inserimento graduale di bici fino al raggiungimento del numero stabilito. Per il momento verra coperta l'area abitata di Firenze, ma è nelle intenzioni del gestore di estendere il servizio hai comuni limitrofi. Il funzionamento è simile a quello di altri BS: l'utente scarica l’applicazione gratuita Mobike dall’Apple Store o da Google Play. Il passaggio successivo è la creazione di un account utilizzando il numero di cellulare a cui arriverà il codice di verifica da inserire per pagare il deposito cauzionale con carta di credito/debito a garanzia della copertura, almeno parziale, dei costi sostenuti in caso di comportamento inappropriato o vandalismo da parte dell’utente. Sempre tramite l’APP si può consultare la mappa localizzando le biciclette più vicine. È possibile anche prenotare (massimo 15 minuti) semplicemente selezionando la bici e cliccando “prenota”. Una volta individuato il mezzo, è sufficiente cliccare il pulsante “sblocca” sull’APP e scansionando il QR code vicino al manubrio della bici il lucchetto si apre automaticamente. Una volta giunti a destinazione è possibile lasciare la bicicletta in modo sicuro in una qualunque delle zone individuate e segnalate, chiudendo la leva sul lucchetto intelligente. Una volta bloccato l’APP provvede automaticamente a terminare il viaggio. Le bici Mobike sono equipaggiate di GPS, tessera Sim e un lucchetto intelligente che viene sbloccato/bloccato tramite l’APP. Sono realizzate in alluminio e dotate di cestino e sellino in pelle regolabile. Per quanto riguarda la manutenzione, Mobike ha lavorato in questi anni per rendere il servizio più affidabile e sicuro sia nei confronti del pubblico (il comportamento dei fruitori viene monitorato e la tariffa viene modificata per premiare l’utilizzo corretto e responsabile ) sia nei confronti di possibili furti e danni (il 100% dei componenti di Mobike non possono essere utilizzati su altre biciclette, le biciclette sono tracciabili con il GPS, sono dotate di antifurto e in caso di furto e alcuni componenti come i freni non si azionano se Mobike non viene attivata attraverso la APP). Le biciclette sono ovviamente omologate e assicurate. L’utente sempre attraverso l’APP può segnalare anche eventuali guasti e malfunzionamenti: basta riportare il numero identificativo della bici e la descrizione del problema (con massimo 140 caratteri) che quindi sarà registrata nel sistema. Per il periodo di lancio sono previste tariffe promozionali sia per la quota di utilizzo sia per la quota di deposito: la tariffa base di utilizzo per un periodo di 30 minuti è di 30 centesimi (next step: 50 centesimi); il deposito è di 1 euro (next step: 50 euro). Saranno disponibili modalità di abbonamento che prevedono formule mensili, trimestrali, semestrali e annuali. Previsto un sistema premiante per cui gli utilizzatori attenti riceveranno sconto sulle tariffe, mentre quelli “meno corretti” verranno penalizzati fino alla cancellazione dell’abbonamento. I dettagli relativi ai prezzi e al deposito cauzionale sono disponibili sulle biciclette oltre che sull’APP. Il pagamento può essere effettuato tramite i maggiori circuiti di pagamento (Mastercard, Visa, American Express) oppure tramite un sistema di borsellino elettronico ricaricabile tramite APP con lo stesso metodo utilizzato per il deposito cauzionale. Secondo il sindaco Nardella “Firenze  ha fatto una scelta irreversibile sulla mobilità sostenibile, una scelta che è partita dal sostegno alle auto e ai taxi elettrici e che ora lancia, prima in Italia, questo innovativo servizio di bike sharing a flusso libero. Firenze è una città a misura di bici: da oggi sarà ancora più facile e rapido scegliere le due ruote per spostarsi da una parte all’altra della città. Una scelta ecologica e una svolta culturale che fanno di Firenze davvero una ‘smart city’”. Incrociamo le dita...  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 lug 2017

A Firenze arriva il bike-sharing a flusso libero

di Cristina Betti

Dal 2 agosto arriva il bike sharing targato Mobike. Il progetto partirà anche a Milano. Il bike sharing a flusso libero della Mobike di Hu Weiwei e Davis Wang,  arriva a Firenze. Ma in cosa consiste? Invece delle classiche colonnine fisse che hanno finora caratterizzato il classico bike sharing in Italia, quello a flusso libero è caratterizzato dall'assenza di strutture per il prelievo, la restituzione e il parcheggio delle bici. In quanto totalmente indipendente, dopo l’utilizzo il mezzo può, pertanto, essere prelevato e lasciato ovunque all’interno del perimetro cittadino (ovviamente senza legarle). Ma per semplificare l’utilizzo da parte degli utenti l’Amministrazione ha predisposto una serie di spazi riservati alla sosta del bike sharing, 130 aree individuate da apposita segnaletica concentrate nell’area compresa nella cerchia dei viali ma presenti anche nelle zone più decentrate. Le biciclette fiorentine sono caratterizzate dal design innovativo, sono equipaggiate di GPS, tessera Sim e un lucchetto intelligente brevettato che viene sbloccato/bloccato tramite l’APP. Sono realizzate in alluminio, con ruote arancioni e dotate di cestino nero e sellino in pelle regolabile. “Firenze – dichiara il sindaco Nardella – ha fatto una scelta irreversibile sulla mobilità sostenibile, una scelta che è partita dal sostegno alle auto e ai taxi elettrici e che ora lancia, prima in Italia, questo innovativo servizio di bike sharing a flusso libero. Firenze è una città a misura di bici: da oggi sarà ancora più facile e rapido scegliere le due ruote per spostarsi da una parte all’altra della città. Una scelta ecologica e una svolta culturale che fanno di Firenze davvero una smart city” Per poter usufruire del servizio, l’utente deve scaricare l’applicazione gratuita Mobike dall’Apple Store o da Google Play. Successivamente deve creare un account utilizzando il numero di cellulare a cui arriverà il codice di verifica da inserire per pagare il deposito cauzionale con carta di credito/debito a garanzia della copertura.Tramite l’app sarà possibile consultare la mappa localizzando le biciclette più vicine (si potranno anche prenotare per massimo 15 minuti). Una volta individuato il mezzo, è sufficiente cliccare il pulsante “sblocca” sull'app e scansionando il QR code vicino al manubrio della bici il lucchetto si apre automaticamente. Una volta finito il giro in bici, si può sostare e lasciare la bici chiudendo la leva sul lucchetto intelligente. Una volta bloccato l’app provvede automaticamente a terminare il viaggio. Il costò del servizio prevede una tariffa promozionale base di 30 centesimi per 30 minuti (successivamente sarà di 50 centesimi); il deposito è di 1 euro (che passerà a 50 euro). “Siamo orgogliosi di portare Mobike in Italia – commenta Felici di Evlonet – L’Italia è l’unico paese al mondo in cui Mobike ha deciso di avvalersi di una partnership distributiva con Evlonet. Questa scelta sta portando ottimi risultati. L’Italia fa parte dei primi paesi a partire fuori dalla Cina e, dopo la Cina, è il primo paese come numero di biciclette distribuite. Le nostre amministrazioni locali si sono dimostrate innovative veloci e determinate e ci hanno permesso di battere sul tempo paesi come la Germania la Francia e gli Stati Uniti che vediamo sempre come punti di riferimento”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 giu 2017

“Ytalia”: arte contemporanea a Firenze

di Cristina Betti

Dal 2 giugno al 1° ottobre 2017 la città rinascimentale ospiterà una grande mostra di arte contemporanea. “YTALIA. Energia Pensiero Bellezza” è il nome della grande mostra di arte contemporanea promossa dal Comune di Firenze e organizzata da MUS.E., ideata e curata da Sergio Risaliti (già direttore artistico di mostre come quelle personali di Giuseppe Penone, Antony Gormley, Jan Fabre e Alighiero Boetti). La sede principale dell'esposizione è il Forte di Belvedere, ma coinvolgerà anche altre importanti sedi museali cittadine, tra cui le Gallerie degli Uffizi, Palazzo Vecchio, Palazzo Pitti, il Giardino di Boboli, la basilica di Santa Croce, il Museo Novecento, il Museo Marino Marini. “Ytalia”, che mira a riportare all’attenzione del grande pubblico internazionale l’arte contemporanea italiana, è un grande e ambizioso progetto che vive Firenze come un unico grande e diffuso sistema di arte contemporanea: realtà quotidiana e metafisica, elementi naturali e nuove mitologie, tutti temi che si ritrovano nella poetica e nelle opere degli artisti selezionati. Ecco i nomi degli artisti coinvolti: Giovanni Anselmo, Marco Bagnoli, Domenico Bianchi, Alighiero Boetti, Gino De Dominicis, Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Mario Merz, Nunzio, Mimmo Paladino, Giulio Paolini e Remo Salvadori. Per info: ytalia.musefirenze.it

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 mag 2017

La tramvia fiorentina si allarga sulla piana

di Alessandra Santoni

In questi giorni si è compiuto un nuovo e decisivo passo avanti nell’ampliamento della rete tramviaria fiorentina. E’ stata infatti bandita la gara per la progettazione dell’estensione della linea 2 a Sesto Fiorentino e della linea 4 dalle Piagge a Campi Bisenzio. Per essere più specifici: Estensione della Linea 2 (Linea 2.2): nella tratta Aeroporto Peretola - Polo Scientifico di Sesto Fiorentino Estensione della Linea 4 (Linea 4.2a): nella tratta Le Piagge - abitato di San Donnino (Campi Bisenzio) Estensione della Linea 4 (Linea 4.2b): nella tratta San Donnino - Campi Bisenzio Oggetto del bando di gara è l’affidamento dell’incarico di redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’estensione del sistema tramviario fiorentino nei Comuni di Firenze, Campi Bisenzio e Sesto Fiorentino. Il soggetto che risulterà vincitore dovrà anche fornire il supporto alla stazione appaltante per la notifica del progetto alla Comunità Europea per l’acquisizione di finanziamenti. L'Amministrazione si riserva inoltre la facoltà di assegnare, in una fase successiva, la progettazione definitiva anche della Linea 4.1, nella tratta dalla Stazione Leopolda a Le Piagge. In tutto si parla di 17,3 km di nuove linee e di 332,5 milioni di euro. La scadenza per l’invio delle offerte è fissato per il 22 giugno.

Leggi tutto    Commenti 0